cerimonia Palatucci
cerimonia Palatucci
Vita di città

Bari, un albero in memoria di Giovanni Palatucci, ultimo questore di Fiume

Per lui una medaglia d’oro al Merito Civile, è stato riconosciuto “Giusto tra le Nazioni” per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei

Questa mattina, presso il Giardino Storico Isabella D'Aragona, la Polizia di Stato, in collaborazione con il Comune di Bari, ha proceduto alla piantumazione di un leccio con targa di intitolazione alla memoria di Giovanni Palatucci, ultimo Questore di Fiume, Medaglia d'oro al Merito Civile, riconosciuto "Giusto tra le Nazioni" per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei.

Nato a Montella, in provincia di Avellino, nel 1909, Palatucci conseguì la laurea in giurisprudenza presso l'Università di Torino e, nel 1936, giurò come volontario Vice Commissario di Pubblica Sicurezza.

Nel 1937 venne trasferito alla Questura di Fiume come responsabile dell'Ufficio Stranieri e, successivamente, divenne Commissario e Questore reggente. In quel contesto, riuscì salvare oltre 5 mila ebrei dai campi di sterminio.

Per onorare la sua memoria è stato piantumato un albero all'interno del Giardino Storico Isabella D'Aragona, proprio di fronte alla via di accesso della Questura di Bari. Nel corso di una breve cerimonia, alla presenza del Prefetto, del Questore, del Vice Sindaco di Bari e delle principali Autorità religiose, civili e militari, è stata scoperta una targa commemorativa, benedetta da Monsignor Giuseppe Satriano - Vescovo dell'Arcidiocesi di Bari-Bitonto.

Nel suo intervento il Questore di Bari, Giuseppe Bisogno, ha sottolineato come, a seguito dell'emanazione delle leggi razziali antisemite, Palatucci si schierò immediatamente in favore dei cittadini ebrei, ma anche di tutti coloro che erano in fuga da altre nazioni e transitavano per il confine istriano.

Nel 1939, Palatucci sottrasse alla cattura della Gestapo una nave con 800 fuggiaschi ebrei, nascondendoli temporaneamente presso il Vescovado di Fiume. Migliaia i perseguitati da lui instradati all'estero con ogni stratagemma possibile, verso Paesi liberi; in tanti, gli ebrei smistati nel campo di raccolta di Campagna, in provincia di Salerno, dove grazie alla presenza del Vescovo Giuseppe Maria Palatucci, zio di Giovanni Palatucci, veniva loro riservato un trattamento improntato ad autentica umanità.

Arrestato dalla Gestapo il 13 settembre 1944, fu condannato a morte e deportato nel campo di sterminio di Dachau, dove morì il 10 febbraio 1945, a soli 36 anni.

Giovanni Palatucci, definito dai cittadini ebrei giusto tra i giusti, con la sua bontà, il coraggio e l'abnegazione ha esaltato le migliori tradizioni della sua terra d'origine ed ha splendidamente onorato la Polizia italiana.
  • Comune di Bari
  • questura di bari
Altri contenuti a tema
Bari, prosegue "AC-Affido Culturale", già 70 le famiglie coinvolte Bari, prosegue "AC-Affido Culturale", già 70 le famiglie coinvolte Progetto nato in piena pandemia, adesso è pronto a regalare emozioni, esperienze e cultura a tanti bambini, insieme alle loro famiglie
Coronavirus e contributi ai canoni di locazione, a Bari in arrivo i pagamenti Coronavirus e contributi ai canoni di locazione, a Bari in arrivo i pagamenti Attualmente in corso l’esame dei ricorsi presentati al fine di valutare l’eventuale ammissione di ulteriori beneficiari
Bari si unisce all'appello per liberare Patrick Zaki e aderisce a "Poster for tomorrow" Bari si unisce all'appello per liberare Patrick Zaki e aderisce a "Poster for tomorrow" Edizione speciale del contest dedicato al giovane ricercatore promossa da Amnesty International
Bari, trova a terra un portafogli con 500 euro e lo consegna in Questura Bari, trova a terra un portafogli con 500 euro e lo consegna in Questura Stupito il 35enne proprietario quando ha visto gli agenti restituirgli soldi e documenti che riteneva perduti
Bari, i beni confiscati alla criminalità organizzata possono tornare a nuova vita Bari, i beni confiscati alla criminalità organizzata possono tornare a nuova vita In pubblicazione sul sito del Comune l'avviso per la concessione a titolo gratuito in favore di soggetti privati
Contributo alloggiativo, a Bari prorogata la scadenza Contributo alloggiativo, a Bari prorogata la scadenza La domanda può essere presentata fino al 12 gennaio, ecco le modalità
Comune di Bari, approvato il “Regolamento interno per l’adozione del lavoro agile" Comune di Bari, approvato il “Regolamento interno per l’adozione del lavoro agile" L'assessore Lacoppola: «Siamo intenzionati a sperimentare l’efficacia di questo strumento, monitorando questo percorso con le organizzazioni sindacali»
Richiesta buoni spesa, oltre 9mila domande arrivate al Comune di Bari Richiesta buoni spesa, oltre 9mila domande arrivate al Comune di Bari Dalla mezzanotte di ieri sospeso il form online sul sito istituzionale. Contrinuto da 568mila euro
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.