foto Komeil
foto Komeil
Scuola e Lavoro

Università di Bari, si laurea il primo studente rifugiato dall’Afghanistan

Komeli ha discusso una tesi in Lingua e traduzione portoghese dal titolo “L’Arte della diversità: tradurre le culture lusofone”

Con una tesi di laurea in Lingua e traduzione portoghese dal titolo "L'arte della diversità: tradurre le culture lusofone", si è laureato in Lingue e culture per il turismo e la mediazione internazionale, il primo studente rifugiato afghano. Komeil ha 27 anni e non intende fermarsi, pensa già di iscriversi ad un corso di studio specialistico: «Voglio continuare a studiare nell'ambito della mediazione e delle relazioni internazionali. Il mio sogno è di diventare ambasciatore. Per me l'università è stato il luogo in cui mi sono sentito integrato, mi ha reso più forte e ho sentito la bellezza della diversità, e che mi ha aiutato a relazionarmi con il mondo esterno».

Dal novembre 2019, data in cui il rettore Stefano Bronzini consegnò la pergamena di laurea al primo studente rifugiato, altro otto studenti rifugiati hanno completato il loro percorso di studi in UniBa. Da allora altri due hanno conseguito anche il diploma magistrale e altri tre si sono iscritti a un corso di II livello.

Nel 2018 Komeil si è rivolto al Centro di servizio di ateneo per l'apprendimento permanente (Cap) dell'Università di Bari e ha ottenuto la comparabilità del suo diploma di scuola superiore e poi una borsa di studio finanziata dal Ministero dell'Interno e dalla Conferenza italiana dei rettori, vedendosi garantito il diritto allo studio e la fruizione di specifici servizi di inclusione accademica e scambio interculturale attivati dall'Università di Bari.

Il rettore Stefano Bronzini nel fare le congratulazioni a Komeil ha ricordato quanto l'impegno dell'Università di Bari su questo tema sia ormai consolidato e testimoniato dal risultati raggiunti dai nostri studenti. «Sono orgoglioso – ha aggiunto - che la nostra Università sia riuscita a costruire un percorso attraverso il quale poter dare a coloro che scappano da situazioni così dolorose, l'opportunità di studiare nella speranza di poter contribuire allo sviluppo di un mondo libero e inclusivo».

La professoressa Fausta Scardigno, presidente del Cap e delegata del rettore per le iniziative a sostegno degli studenti e delle studentesse rifugiati ha dichiarato: "Il successo accademico del nostro studente internazionale alimenta una speranza per tutta la comunità di Uniba che sostiene la riuscita di chi arriva da un Paese ancora così profondamente ferito dalle guerre e dalle calamità, perché il desiderio di riscatto e di riuscita degli studenti da soli non bastano, occorre che l'università sia ogni giorno civicamente inclusiva».

Il prof. Paolo Ponzio, direttore del dipartimento di Ricerca e innovazione umanistica (Dirium) di UniBa ha dichiarato: «Tutto il dipartimento è orgoglioso di questo risultato e siamo convinti che sostenere gli studenti e le studentesse rifugiati sia non solo un diritto per chi si iscrive ai nostri percorsi di studio ma un valore da perseguire proprio nell'ottica dell'innovazione umanistica a cui ci ispiriamo».
  • uniba
Altri contenuti a tema
Il Nobel per la Medicina al professor Pääbo, collaboratore dell'Università di Bari Il Nobel per la Medicina al professor Pääbo, collaboratore dell'Università di Bari Ha curato pubblicazioni scientifiche sul sequenziamento dei genomi dei primati e delle grandi scimmie
Notte europea dei ricercatori, a Bari il 30 settembre l'evento a parco Rossani Notte europea dei ricercatori, a Bari il 30 settembre l'evento a parco Rossani La manifestazione andrà avanti dalle 11 a mezzanotte. Presenti UniBa, PoliBa, Lum e Cnr
Correlazione tra ambiente e tumori, la ricerca dell'Università di Bari pubblicata sulle riviste internazionali Correlazione tra ambiente e tumori, la ricerca dell'Università di Bari pubblicata sulle riviste internazionali Uno studio condotto con la Alma Mater Studiorum di Bologna, il CNR e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
Impatto del Covid sulla povertà in Puglia, studio UniBa pubblicato dalla stampa scientifica internazionale Impatto del Covid sulla povertà in Puglia, studio UniBa pubblicato dalla stampa scientifica internazionale La ricerca finisce sulle pagine della rivista “International Journal of Environmental Research and Public Health”
Cybersecurity, l'Università di Bari partner del dottorato nazionale Cybersecurity, l'Università di Bari partner del dottorato nazionale Un programma condiviso da 23 atenei e Cnr. Iscrizioni fino al 3 ottobre
EuChemS, la professoressa Agostiniano di Uniba è il nuovo presidente EuChemS, la professoressa Agostiniano di Uniba è il nuovo presidente L'elezione durante l’assemblea generale dei rappresentanti delle società associate tenutasi il 26 e 27 agosto scorsi a Lisbona
Progetto "Iperdurum", ecco il pane proteico realizzato dai ricercatori dell'Università di Bari Progetto "Iperdurum", ecco il pane proteico realizzato dai ricercatori dell'Università di Bari Il nuovo prodotto sarà presentato e degustato ad Altamura dal 16 al 18 settembre prossimi
A Bari il 27mo congresso di Chimica farmaceutica, dall’11 al 14 settembre in Università A Bari il 27mo congresso di Chimica farmaceutica, dall’11 al 14 settembre in Università L'evento torna nella nostra città dopo 28 anni. Saranno assegnate 43 borse di studio a giovani ricercatori
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.