Due rolex
Due rolex
Cronaca

Rolex falsi venduti in una gioielleria di Bari

L'indagine di Brindisi si conclude con 9 indagati per riciclaggio e ricettazione

Sono almeno 50 i Rolex falsi venduti dal gioielliere "Lo scrigno" di Ostuni poi finiti al polso di clienti ignari, ma anche nelle vetrine di negozi importanti in tutta la Puglia, due anche a Bari. La Procura di Brindisi ha chiuso l'indagine che nell'aprile 2018 portò ai domiciliari sei persone tra cui il pregiudicato tarantino Egidio Stevens Saracino (finito in carcere) e Giuseppe Pannofino, proprietario di «Lo Scrigno». Ora gli indagati sono 9 e rispondono tutti, a vario titolo di riciclaggio, autoriciclaggio e ricettazione. L'ultima ipotesi - secondo quanto riporta La Gazzetta - riguarda un altro gioielliere, titolare del negozio di orologi usati dell'aeroporto di Bari. Secondo l'accusa lui avrebbe consapevolmente comprato due Rolex falsi da Pannofino.
L'indagine condotta dalla Finanza e partita a seguito di una verifica fiscale su «Lo Scrigno» punta a dimostrare che i Rolex venduti da Pannofino erano in realtà assemblati con pezzi in parte originale e in parte falsi, costruiti a Napoli, ma venduti sempre come veri. Circa una cinquantina le vendite nel mirino, che sono state ricostruite o attraverso i documenti fiscali, o con i racconti degli interessati o anche da quanto emerso attraverso le intercettazioni telefoniche.

Secondo l'accusa era Saracino a far costruire gli orologi nel Napoletano, facendoli poi consegnare da alcuni corrieri a Pannofino. A rivenderli era anche un 40enne di Molfetta, ufficialmente operaio edile con un reddito dichiarato di 600 euro che in un anno ha versato in banca 108mila euro in contanti girandone 103mila a Pannofino.

Il gioielliere di Ostuni è tornato in libertà la scorsa estate, con un provvedimento del gip poi impugnato dalla Procura e annullato a settembre, ora in Cassazione.

Resta in sospeso l'accusa di truffa perché per contestarla servono le querele degli acquirenti ma in pochi hanno denunciato Pannofino e gli altri gioiellieri.
  • Giudiziaria
Altri contenuti a tema
Bari, si pente il numero due del boss Palermiti. Mise una taglia sul capoclan rivale Bari, si pente il numero due del boss Palermiti. Mise una taglia sul capoclan rivale L'uomo, 39enne, è accusato di essere proprietario di un arsenale ritrovato a Japigia nel 2017
Strisciuglio su Dellino: "Gli voglio bene ma dovrò ucciderlo per evitare che parli" Strisciuglio su Dellino: "Gli voglio bene ma dovrò ucciderlo per evitare che parli" Il giovane fu sparato nel 2007 ma i suoi resti furono recuperati da un pozzo nel 2013
Bari, "O paghi o ti distruggiamo le luminarie" Bari, "O paghi o ti distruggiamo le luminarie" A processo I due imputati che avevano tentato di estorcere denaro a Carbonara per la festa di San Michele
Truffò risparmiatori, condannata a 3 anni ex docente di Giurisprudenza di Bari Truffò risparmiatori, condannata a 3 anni ex docente di Giurisprudenza di Bari Lo ha deciso la Corte d'Appello. Per lei anche il risarcimento per 32 parti civili
Spy story nella Asl Pugliese, chiuso il processo di appello per Lea Cosentino Spy story nella Asl Pugliese, chiuso il processo di appello per Lea Cosentino Lady Asl era stata già condannata per aver ordinato la bonifica degli uffici della direzione sanitaria da microspie
Processo a Berlusconi sul caso escort, Bari sede idonea Processo a Berlusconi sul caso escort, Bari sede idonea Rigettata la richiesta della difesa dell'ex premier. Tarantini averebbe infatti mentito nel corso del primo interrogatorio che si è tenuto proprio nel capoluogo
Ucciso per errore a Carbonara, processo da rifare Ucciso per errore a Carbonara, processo da rifare L'omicio Mizzi fu commesso nel 2011, dopo la condanna del colpevole si cerca di capire se ci fu premeditazione
Bari, figlio di due donne, continua la battaglia legale per il riconoscimento Bari, figlio di due donne, continua la battaglia legale per il riconoscimento Dopo la prima bocciatura del tribunale contro il Ministero che aveva detto di no, si torna in aula il 12 novembre
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.