Via Sparano - salotto liberty
Via Sparano - salotto liberty
Vita di città

Bari, revocata l'ordinanza sindacale. I negozi aperti dopo le 19

L'assessore Palone: «Crediamo che le restrizioni della zona rossa limitino già le occasioni di assembramento e di contagio»

Revocata a Bari l'ordinanza sindacale che vietava l'asporto dopo le 18 e chiudeva tutti i negozi alle 19. Stando a quanto si legge nella revoca, la decisione legata all'applicazione del Dpcm per la zona rossa, e alla successiva Ordinanza del Presidente della Regione Puglia che dispone il divieto di consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici o aperti al pubblico dopo le 18, nonché il divieto di asporto dopo le 18 anche da tutti i soggetti che abbiano come attività prevalente una di quelle identificate dal codice ATECO 56.3.

«In queste ore - scrive l'assessore Palone - con il sindaco Decaro abbiamo scelto di ritirare l'ordinanza restrittiva emanata qualche giorno fa per limitare assembramenti e potenziali situazioni di contagio. Da oggi, infatti, come tutti sappiamo, la Puglia è stata decretata "zona rossa". Questo significa chiusura di tutte le attività di commercio al dettaglio, fatta eccezione per i beni di prima necessità e pochi altri esercizi, chiusura dei locali, dei mercati e forti limitazioni alla circolazione delle persone. In questo scenario ci è sembrato giusto, quindi, sospendere le restrizioni precedentemente introdotte che limitavano ancor più le attività economiche. È stato eliminato, quindi, il divieto di asporto dalle 18 per pub e ristoranti. Inoltre le pochissime attività di commercio al dettaglio che, secondo la normativa nazionale possono restare aperte anche in zona rossa, non dovranno più chiudere alle 19, così come i distributori automatici potranno funzionare oltre le ore 18».

«Abbiamo fatto questa scelta - sottolinea - perché crediamo che le restrizioni della zona rossa limitino già le occasioni di assembramento e di contagio e ci auguriamo che la responsabilità dei cittadini faccia il resto. Non possiamo penalizzare oltre le attività economiche e, da parte nostra, ci sarà sempre l'intenzione di creare occasioni di apertura. Per quello che ci è consentito cerchiamo di aiutare i negozi aperti e utilizziamo con intelligenza le piccole libertà che ci sono rimaste. Se ci renderemo conto che questa decisione sarà scambiata dai cittadini per mancanza di controllo o occasione di incontro non esiteremo a tornare sui nostri passi».
  • città di bari
Altri contenuti a tema
Renato Ciardo e i Famila Superstore raccontano Bari e le sue bellezze Renato Ciardo e i Famila Superstore raccontano Bari e le sue bellezze L’iniziativa sarà presto online e nei negozi grazie al supporto dell’agenzia “I Monelli”
La luna rossa illumina il mare di Bari La luna rossa illumina il mare di Bari La foto postata via social dal sindaco Decaro
Bari, Lolita Lobosco chiude in bellezza. Ci sarà la seconda serie? Bari, Lolita Lobosco chiude in bellezza. Ci sarà la seconda serie? Circa 7 milioni di spettatori per l'ultima puntata e un 28,8% di share
Bari sogna di diventare capitale della cultura, presentato oggi il dossier Bari sogna di diventare capitale della cultura, presentato oggi il dossier La seduta pubblica si è svolta stamattina in videoconferenza, entro il 18 gennaio si saprà chi avrà vinto
Classifica qualità della vita, Bari si posiziona all'88mo posto Classifica qualità della vita, Bari si posiziona all'88mo posto La nostra città perde due posti rispetto al 2019. Ultima è la provincia di Foggia
Patrick Zaky, giovane ricercatore e attivista in carcere in Egitto, è cittadino onorario di Bari Patrick Zaky, giovane ricercatore e attivista in carcere in Egitto, è cittadino onorario di Bari La consigliera Micaela Paparella: «Lo accogliamo come simbolo di tutti gli studenti del mondo e di tutti i portatori di pace»
Bari capitale della cultura 2022, inoltrata candidatura. Decaro: «Guardiamo al futuro con coraggio» Bari capitale della cultura 2022, inoltrata candidatura. Decaro: «Guardiamo al futuro con coraggio» Il sindaco lo annuncia in una lettera ai cittadini: «Simbolo sarà la figura di San Nicola, che rappresenta l'unità religiosa»
Bari, via al "Monopattini sharing" con 250 mezzi e postazioni free floating Bari, via al "Monopattini sharing" con 250 mezzi e postazioni free floating La prima azienda ad aver risposto positivamente alla manifestazione di interesse è la Helbitz Italia s.r.l., lunedì la presentazione del progetto
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.