genitori
genitori
Servizi sociali

A Bari nasce la "Casa della genitorialità", un progetto per le neomamme in condizioni di fragilità

Aggiudicato in via provvisoria il bando del Comune. Obiettivo avviare il servizio già nelle prossime settimane

Elezioni Regionali 2020
È stato aggiudicato in via provvisoria l'avviso per la co-progettazione e la gestione del nuovo servizio "La Casa della genitorialità" finalizzato al sostegno e all'accompagnamento dei neo genitori nei primi mille giorni di vita dei loro bambini.

L'aggiudicataria, l'unica ad aver presentato una proposta progettuale, è l'ATI composta dalla fondazione Giovanni Paolo II onlus (capofila), l'Aps Idee, il Melograno Centro Informazione Maternità e Nascita, l'Aps Mama Happy - Centro Servizi Famiglie Accoglienti e dall'Aps Mamme Contatto.

La "Casa della genitorialità" è un progetto innovativo sulla neo genitorialità, rivolto principalmente alle mamme partorienti sole e/o in condizioni di fragilità socio-economica e ai neo papà, da costruire in rete con i reparti materno - infantili degli ospedali "Di Venere" e "San Paolo" e i consultori della città di Bari, attraverso azioni di sostegno, accompagnamento pre e post nascita fino al compimento dei tre anni e percorsi socio-culturali di promozione alla genitorialità consapevole.

Le attività progettuali avranno una durata di otto mesi con decorrenza dalla data di consegna del servizio, che sarà subordinata all'erogazione del finanziamento da parte del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, pari a 91mila euro. Il co-progettante dovrà, inoltre, impegnarsi a fornire risorse non strettamente economiche ma prevalentemente logistiche, strumentali, organizzative e professionali ritenute necessarie per l'efficacia dell'intervento.

L'obiettivo è di avviare il servizio nelle prossime settimane con la possibilità di un'eventuale proroga subordinata ad autorizzazione della Regione Puglia e del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

«Abbiamo scelto di investire su questa tipologia di servizio - dichiara l'assessore al Welfare Francesca Bottalico - poiché sappiamo che la nascita di un figlio può rappresentare uno dei fattori più rilevanti dell'aumento del carico familiare sia in termini economici sia sociali e psicologici, specialmente per le famiglie in maggiori difficoltà. Per garantire una piena tutela dei neonati che vivono nei contesti più fragili lavoreremo in rete con i Centri servizi per le Famiglie, la Casa delle bambine e dei bambini, i presidi socio-territoriali, i servizi socio-sanitari e in collaborazione con i reparti di ginecologia e pediatria di due ospedali cittadini in modo da migliorare le capacità del nucleo familiare di prendersi cura del neonato e creare, attorno alla nuova famiglia, una rete di sostegno. La logica resta quella di offrire agli utenti dei servizi una serie di interventi integrati che possano sostenerli in tutte le fasi della vita dei piccoli in un momento particolarmente difficile per tanti neo genitori».
  • Comune di Bari
  • Francesca Bottalico
  • Welfare
Altri contenuti a tema
Bari, riparte la navetta per trasporto disabili nel cimitero Bari, riparte la navetta per trasporto disabili nel cimitero La capienza massima del mezzo è pari a quattro persone
Comune di Bari, un bando per i centri estivi che accolgono bimbi fragili e con disabilità Comune di Bari, un bando per i centri estivi che accolgono bimbi fragili e con disabilità Un contributo pari a 690mila euro a beneficio dei gestori delle attività. Sulla base dei punteggi assegnati a ciascuna proposta, la commissione assegnerà il contributo
"Città che legge", Bari premiata per il terzo anno di fila "Città che legge", Bari premiata per il terzo anno di fila Il riconoscimento nazionale va al progetto del welfare "Social book"
Bari "abbraccia" i volontari dell'emergenza Covid, Decaro: «Loro il cuore della città» Bari "abbraccia" i volontari dell'emergenza Covid, Decaro: «Loro il cuore della città» In largo Chiurlia la catena umana per il flash mob del Comune. Bottalico: «A settembre una mostra fotografica»
Crisi Covid, Croce rossa dona 4mila euro in buoni pasto al Comune di Bari Crisi Covid, Croce rossa dona 4mila euro in buoni pasto al Comune di Bari Bottalico: «Con tutti i volontari continueremo a lavorare fianco a fianco anche per le attività a contrasto delle ondate di calore»
Spettacoli culturali all'aperto, pubblicato il bando del Comune di Bari Spettacoli culturali all'aperto, pubblicato il bando del Comune di Bari Risorse disponibili per 200mila euro. A ogni operatore contributo massimo di 8mila euro
Emergenza caldo, c'è il piano operativo 2020. Tutti i servizi del Comune di Bari Emergenza caldo, c'è il piano operativo 2020. Tutti i servizi del Comune di Bari Programma attivo fino al 15 settembre. Particolare attenzione per le persone in condizioni di fragilità e solitudine
Comune di Bari, partite le attività ricreative per 150 bambini dai 3 ai 36 mesi Comune di Bari, partite le attività ricreative per 150 bambini dai 3 ai 36 mesi Orari concordati e triage per genitori e figli. Romano: «Dopo il lungo periodo di stop finalmente possono tornare a giocare con i loro coetanei»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.