Asl Bari
Asl Bari
Attualità

Esenzione non dovuta, Asl Bari invia 3 mila cartelle. Ecco cosa fare se l'avete ricevuta

Le lettere fanno riferimento agli anni compresi fra il 2011 e il 2015, si tratta di una attività di recupero di circa 5 milioni e 671mila euro portata avanti per obbligo di legge

Sono state inviate dalla ASL di Bari circa 30mila lettere destinate a tutti coloro che negli anni compresi fra il 2011 e il 2015 hanno usufruito di prestazioni sanitarie in regime di esenzione da reddito pur non avendone diritto.

È una attività di recupero di circa 5 milioni e 671mila euro che la ASL porta avanti per obbligo di legge, come previsto da un decreto ministeriale del 2009 e che fa seguito a un controllo incrociato dei dati finanziari/reddituali da parte del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), del Ministero del Lavoro e del Ministero della Salute, tramite il sistema Tessera Sanitaria. Il recupero delle quote di partecipazione alla spesa sanitaria, già avviata dalla azienda nel 2016 ed oggetto di monitoraggio da parte della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti, consentirà ai cittadini di definire la propria posizione debitoria, prima della iscrizione a ruolo delle relative somme, che l'azienda ha inteso rinviare alla fine dell'attuale emergenza sanitaria.

L'accertamento - in capo a tutte le aziende sanitarie per legge - ha messo in evidenza che le autocertificazioni dei firmatari presentate negli anni 2011-2015 non corrispondevano alla reale posizione reddituale/lavorativa degli utenti coinvolti dalle verifiche, in cui sono state invece fatte salve le esenzioni per patologia. I pagamenti per sanare le posizioni possono avvenire soltanto tramite il sistema PagoPa e finora sono stati recuperati 139mila euro che l'azienda potrà destinare in futuro al potenziamento delle attività sanitarie.

Per facilitare gli utenti, ed evitare, nell'attuale periodo di emergenza sanitaria, assembramenti e/o affollamenti irregolari negli uffici della ASL, l'azienda ha predisposto una piattaforma informatica dedicata a cui si può accedere utilizzando il proprio codice fiscale e un codice pin comunicato all'interno delle lettere inviate e verificare le relative prestazioni sanitarie oggetto dell'attività di accertamento, nonché l'esito delle verifiche disposte dal ministero dell'Economia. Per quanti invece hanno già provveduto al pagamento o contestino la richiesta, ritenendo di avere diritto alla esenzione, possono inviare, entro 90 giorni, apposita istanza allegando i documenti indicati nella raccomandata della ASL seguendo diverse modalità: caricamento sul portale, tramite mail o pec o con una comunicazione scritta indirizzata alla ASL (Lungomare Starita, n.6 – CAP 70123 Bari – Ufficio recupero ticket – responsabile del procedimento).

Il software consente inoltre di verificare le posizioni aperte anche negli anni successivi al 2015 e a breve sarà utilizzato anche per segnalare in via preventiva sulle prestazioni CUP ticket eventuali anomalie e/o inadempienze in modo tale che gli utenti possano spontaneamente regolarizzare le proprie posizioni. L'attività di recupero delle somme non dovute, secondo le indicazioni degli organi di controllo aziendali, rispondono alla esigenza di garantire l'effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione ed evitare la distrazione impropria di risorse pubbliche a beneficio della collettività.
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
Asl Bari piange Silvia Camilli: «Ha offerto sul campo il suo entusiasmo» Asl Bari piange Silvia Camilli: «Ha offerto sul campo il suo entusiasmo» La giovane dottoressa vittima di un incidente stradale questa mattina al rientro dal turno in ospedale
Asl Bari, al Di Venere tre nuovi ambulatori Covid free e un team per i test antigenici Asl Bari, al Di Venere tre nuovi ambulatori Covid free e un team per i test antigenici Percorsi differenziati per bambini, asintomatici e utenti in auto: così il dipartimento di prevenzione ha potenziato l’attività di screening
Asl Bari, al San Paolo un team di operatori a sostegno dei parenti dei ricoverati Covid Asl Bari, al San Paolo un team di operatori a sostegno dei parenti dei ricoverati Covid L’obiettivo è facilitare la comunicazione tra ospedale e famiglie dei degenti attraverso mezzi telefonici e telematici dedicati
Asl Bari, i numeri del laboratorio Covid del Di Venere: 116mila tamponi analizzati da marzo Asl Bari, i numeri del laboratorio Covid del Di Venere: 116mila tamponi analizzati da marzo Dal macchinario da 1000 test molecolari ai 22 POCT per gli antigenici: gli strumenti dell'ospedale barese per diagnosticare il virus
Covid, in provincia di Bari salgono a 16 le Usca attive Covid, in provincia di Bari salgono a 16 le Usca attive Assunti 135 medici dallo scorrimento delle graduatorie. Altre 3 unità previste nei prossimi giorni
Asl Bari, da marzo assunte 1.400 unità di personale Asl Bari, da marzo assunte 1.400 unità di personale Ogni giorno vengono eseguiti 3.100 tamponi in tutto il territorio provinciale
Covid, in provincia di Bari la curva è in calo. In arrivo 140 nuovi medici per le Usca Covid, in provincia di Bari la curva è in calo. In arrivo 140 nuovi medici per le Usca I dati sono stati riportati dal dg Asl Sanguedolce nel corso della conferenza dei sindaci dell'area metropolitana
Test Covid alle persone senza fissa dimora di Bari, screening nel weekend a Santa Chiara Test Covid alle persone senza fissa dimora di Bari, screening nel weekend a Santa Chiara Asl e Caritas saranno assistite dai volontari di Amopuglia, della Protezione civile regionale e dell'associazione nazionale Carabinieri
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.