Monopoli su Wikipedia
Monopoli su Wikipedia
Eventi e cultura

Riflessioni sulle religioni a Monopoli con il "Phest"

Evento inaugurale questa sera, le diciassette mostre andranno avanti fino al 3 novembre

Elezioni Regionali 2020
Cristianesimo, Islam, Induismo, religione tradizionale cinese e religioni africane, Buddhismo, Sikhismo, Spiritismo, Ebraismo sono solo alcune delle religioni diffuse nel mondo. E poi i non credenti, laici, atei, irreligiosi, agnostici. E chi fa della religione uno strumento di potere e controllo, o motivo di guerra. O chi elegge "nuovi dei" nella vita quotidiana.

PhEST – See Beyond the Sea si propone come qualcosa di più di un semplice festival di fotografia, ovvero come momento di provocazione e confronto, in grado di seguire le rivoluzioni culturali e sociali mondiali per aiutare i cittadini del mondo a leggere il passato, e il presente, in modo intelligente e moderno, mantenendo un'autonomia di pensiero e anzi, cercando di costruire insieme il futuro. Dal 6 settembre al 3 novembre Monopoli si trasforma nella capitale pugliese della fotografia per il quarto anno consecutivo con il ritorno del festival internazionale di fotografia e arte dedicato quest'anno al tema Religioni e Miti, con la direzione artistica di Giovanni Troilo e la curatela fotografica di Arianna Rinaldo.

«Dio è morto? Chiedeva Nietzsche. No, non è morto, è più vivo che mai. L'uomo è costantemente alla ricerca di Dio. È parte della sua natura, è figlio della sua capacità di immaginare, figlio dell'essere consapevole della finitezza della sua esistenza e delle sue forze. Un rifugio necessario. Allora non può che ricorrere a Dio. Ma è questo ricorrere a Dio, come elemento universale, che rende la religione uno strumento perfetto per l'esercizio del potere. Diventa la base comune su cui poter costruire strutture sociali complesse e condivise – spiega il direttore artistico di PhEST, Giovanni Troilo - I grandi imperi come quello di Augusto hanno saputo fondarsi sulla costruzione del mito addomesticando il potere delle immagini alla macchina del consenso. Costantino abbraccia la religione che Roma aveva fino a quel momento combattuto e la fa diventare nuovo elemento fondativo: l'impero romano risorge nella religione. Potrebbe apparire uno strumento del passato, ma non c'è nulla di più contemporaneo.
Nella Turchia di Erdogan la religione è uno degli strumenti principali del potere, dal 1987 sono state costruite circa 1000 moschee all'anno e il Diyanet (il Ministero degli Affari Religiosi) è diventato un gigantesco apparato per la promozione dell'Islam Sunnita.

E poi la collaborazione tra PhEST e National Geographic che offre contenuti della Image Collection. Nelle sale del Castello Carlo V sarà infatti possibile ammirare "Seeing Mary", una mostra fotografica composta da 30 potenti immagini relative alle apparizioni mondiali della Vergine Maria negli anni. La mostra rivela come persone da culture e luoghi diversi – Polonia, Messico, Francia, Ruanda, Egitto – condividono magari poco, ma sicuramente la fiducia nel fatto che Maria offre loro sostegno, approvazione e attenzione. Si consolida inoltre la partnership di PhEST con PHmuseum. PhEST ospiterà nei suoi spazi la vincitrice del premio annuale di fotografia New Generation 2019 del PHmuseum, Liza Ambrossio con il suo The Rage of Devotion, storie familiari di donne e stregoneria in Messico. Importantissima in questo senso anche la partnership tra PhEST - See Beyond the Sea e Trenitalia che quest'anno offrono ai visitatori che raggiungono Monopoli in treno l'ingresso con biglietto ridotto alle mostre del 2019 acquistabile direttamente nelle biglietterie di PhEST esibendo il biglietto e l'abbonamento al treno (info e dettagli su www.phest.it e www.trenitalia.com); Durante le giornate inaugurali, in partnership con Sky Arte, verranno proiettati alcuni contenuti speciali. Uno di questi è Peter Greenaway presenta: Martin Lutero nell'arte in cui attraverso una straordinaria selezione di opere d'arte e immagini storiche, la voce di Greenaway indaga la vita di Lutero e le sue contraddizioni, suggerendo un curioso parallelismo fra l'invenzione della stampa (fondamentale alla diffusione del messaggio di Lutero) e la recente rivoluzione digitale.

PhEST si propone ancora una volta dunque come una mostra che è un insieme di mostre, con autori diversi sapientemente accostati dalla sensibilità artistica degli organizzatori. Immancabile ovviamente il progetto speciale site specific Terra di Santi commissionato quest'anno a Sanne De Wilde, fotografa fiamminga, neovincitrice del World Press Photo per il suo progetto "Land of Ibeji" (La terra di Ibeji ndt) in collaborazione con la fotografa di Noor Benedicte Kurzen. Sanne in residenza artistica in Puglia, ospitata da Palazzo Fizzarotti, dal 13 al 23 agosto ha scattato foto in alcune delle più suggestive feste religiose pugliesi con l'obiettivo di restituire alla nostra regione, ai suoi abitanti e ai numerosissimi turisti che sempre più la scelgono come meta delle loro vacanze, l'idea di quello che la fede e le feste religiose rappresentano ancora oggi, tra legami con il passato e sguardo rivolto al futuro. Perché la cifra di PhEST è quella di interrogare e produrre riflessioni, costruendo lo sviluppo della terra che lo ispira e che lo ospita, di entrare in connessione con il territorio e con i suoi cittadini per scoprirne l'essenza e valorizzarla di anno in anno.

Tra gli eventi annunciati nelle giornate inaugurali, il 7 settembre ci sarà il concerto gratuito dei C'mon Tigre in Largo Castello a Monopoli dove a farla da padroni saranno le sonorità Mediterranee contaminate da jazz, afrobeat, funk ed elettronica (scheda in allegato 1). Sempre il 7 e l'8 settembre PhEST propone e ospita il progetto "Madonnari". Tre artisti di strada, così chiamati dalle immagini, soprattutto sacre e principalmente Madonne, che sono soliti disegnare per strada saranno ospiti in residenza artistica da Masseria Torre Coccaro, che anche quest'anno sostiene l'intero PhEST, per raggiungere Monopoli e realizzare le loro opere a tema "Religioni e Miti" sul lungomare. Si tratta dell'argentino di fama internazionale Eduardo Relero, Tony Cuboliquido e il barese Silvio Paradiso che eseguiranno i loro disegni con gesso, gessetti o altro materiale povero. Immancabili gli appuntamenti con le letture portfolio gratuite di PhEST a Palazzo Palmieri il 7 e 8 settembre. Un'opportunità imperdibile per fotografi professionisti e amatoriali di mostrare i loro lavori a esperti internazionali di fotografia: Cynthia Dumbai (National Geographic Society), Giuseppe Oliverio (PHmuseum), Maysa Moroni (Internazionale), Katrin Iwanczuk (Laica Magazine), Giulia Ticozzi (Repubblica) e Sara Guerrini (Freelance). Per partecipare basta presentarsi mezz'ora prima dell'inizio delle letture e iscriversi. Non sono consentite prenotazioni in anticipo. Sabato 7 settembre si comincia alle 15.00 e si finisce alle 18.00. Domenica 8 invece l'appuntamento è dalle 10.00 alle 13.00.

Per info: www.phest.it
La locandina
  • mostra
Altri contenuti a tema
Bari rende omaggio al talento di Chiara Fumai con una mostra al Margherita Bari rende omaggio al talento di Chiara Fumai con una mostra al Margherita A due anni di distanza dalla scomparsa dell'artista al via da domani una esposizione delle sue opere
Jim Sumkay espone a Bari i suoi "Ragazzi e ragazze nella città" Jim Sumkay espone a Bari i suoi "Ragazzi e ragazze nella città" Il fotografo belga ospite del centro polifunzionale Futura, la mostra visitabile fino al 30 novembre
Bari, musica, arte ed enogastronomia in mostra con "Sentieri Metropolitani" Bari, musica, arte ed enogastronomia in mostra con "Sentieri Metropolitani" Da martedì prossimo per cinque giorni diversi gli appuntamenti in programma
"Souvenir", tredici artisti in mostra allo Spazio Murat "Souvenir", tredici artisti in mostra allo Spazio Murat L'esposizione visitabile dallo scorso 27 giugno al 4 agosto, progetto conclusivo del campo estivo decicato all'arte contemporanea
Rare Lives, uno sguardo oltre la malattia - Intervista a Aldo Soligno Rare Lives, uno sguardo oltre la malattia - Intervista a Aldo Soligno Il progetto fotografico ha girato l'Europa per raccontare la vita quotidiana delle persone che soffrono di malattie rare
Grande successo per Van Gogh al Margherita, si continua fino a fine febbraio Grande successo per Van Gogh al Margherita, si continua fino a fine febbraio La mostra dedicata al pittore olandese ha visto un afflusso di oltre 50 mila spettatori in due mesi
Van Gogh riapre il teatro Margherita all'alba di San Nicola Van Gogh riapre il teatro Margherita all'alba di San Nicola Appuntamento il prossimo 6 dicembre con l'inaugurazione della mostra dedicata al pittore olandese
Rigenerazione di Carbonara, Ceglie e Loseto in mostra all'Urban Center Rigenerazione di Carbonara, Ceglie e Loseto in mostra all'Urban Center Inaugurazione con dibattito per l'esposizione dei lavoti dei laureandi del Politecnico
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.