Discarica
Discarica
Politica

Rifiuti, protestano i sindaci di Anci Puglia: «Aumentano i costi, non può restare ferma la Tari»

«Chiediamo che vengano subito realizzati gli impianti pubblici di cui si parla da anni, ma senza riscontri concreti»

Anci Puglia alla testa di un manipolo di sindaci pugliesi in rivolta. Il tema del contendere è la gestione dei rifiuti, uno degli argomenti più sensibili per amministrazioni locali. La protesta dei primi cittadini, infatti, verte sulla mancata corresponsione da parte delle autorità regionali di adeguamenti normativi a fronte di alcuni importanti successi fatti registrare in materia di raccolta differenziata. «Abbiamo rispettato gli impegni che l'Europa e la legge italiana ci imponevano; abbiamo avviato sistemi virtuosi ed efficaci di raccolta differenziata dei rifiuti, informato e sensibilizzato i nostri cittadini sulla bontà e necessità di separare correttamente i rifiuti prodotti e di avviarli a riciclo», scrive Anci Puglia.

«Abbiamo raggiunto percentuali di raccolta che fino a qualche anno fa sembravano chimere e miraggi, uguagliando e spesso superando i comuni più virtuosi del Nord Italia, che adesso guardano alla Puglia con interesse e curiosità - continua la nota. L'impegno di comuni e cittadini rischia di essere vanificato dal sistema di impiantistica di recupero, talmente farraginoso, da compromettere anche l'accesso ai contributi del Conai. Abbiamo dovuto spiegare ai cittadini che è vero che la TARI aumenta, inevitabilmente, almeno all'avvio del nuovo servizio porta a porta, ma che, a fronte di ciò, otteniamo città più pulite, senza cassonetti, più decorose, più vivibili. Bene, noi abbiamo fatto "i compiti a casa"; con coraggio e determinazione, senza lasciarci intimorire dalle scadenze elettorali e dai detrattori politici, sempre pronti a raccogliere polemiche fin troppo facili e sterili».

Una serie di azioni lodevoli, sottolinea l'associazione dei sindaci, che però non sono servite a calmierare i costi: «Ma, ancora una volta, arriva il momento di predisporre i Piani economico-finanziari della Tari e arrivano, puntuali, le cattive notizie: aumenta il costo dei conferimenti in discarica (tutte gestite da privati); aumenta, a cascata, il costo di conferimento dell'organico (anche per l'impianto che in teoria sarebbe pubblico, ma che annuncia ulteriore chiusura di sei mesi con conseguente rincaro dei costi relativi); aumenta l'ecotassa. E in queste condizioni, tenere ferma la Tari diventa un'impresa impossibile», protesta Anci Puglia.

Al danno, rimarcano, si aggiunge la beffa: «Per i 21 comuni che conferiscono i rifiuti all'impianto di Conversano, un'altra brutta notizia: dopo la chiusura della discarica, nel 2013, infatti, i rifiuti biostabilizzati sono stati trasportati in altri siti, più lontani, con notevole aumento dei costi, sopportati, fino ad oggi, dalla società che gestisce l'impianto. Ebbene, dopo la pronuncia del Consiglio di Stato dello scorso dicembre, quei costi arretrati - dal 2013 ad oggi circa dieci milioni di euro - sarebbero a carico dei comuni conferitori. Questi costi si aggiungerebbero alla tariffa già maggiorata rispetto a precedente, calcolata per il 2019, in € 154 a tonnellata. Eppure la responsabilità del sequestro, e quindi della chiusura della discarica di Conversano, non è certo imputabile ai comuni».

Ecco, quindi, che l'accusa dei sindaci di Puglia si fa circostanziata: «È ora che ciascuno si assuma le proprie responsabilità, per riuscire a chiudere definitivamente il ciclo dei rifiuti in Puglia, senza perdere altro tempo. Chiediamo che vengano subito realizzati gli impianti pubblici di cui si parla da anni, ma senza riscontri concreti. Siamo in attesa di risposte in merito al Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani, su cui pure avevamo proposto le nostre osservazioni, puntuali e circostanziate, provenienti dai territori; ad oggi nessun riscontro, nonostante gli impegni assunti. Serve una ricognizione seria e realistica di tutti gli impianti esistenti e dei fabbisogni dei territori, che tenga in debito conto del trend in aumento, ormai assestato, delle percentuali di differenziata. Serve un grande senso di responsabilità, anche da parte dei comuni e delle comunità, per comprendere la necessità che i siti di discarica siano pubblici, con costi calmierati e sostenibili; è fondamentale quindi, che l'allocazione degli impianti di recupero (energetico e di materia) e di smaltimento (discarica) sia condivisa dalle comunità. Restano indispensabili per contro, da parte della Regione, garanzie per bonifica e messa in sicurezza di quei siti, rendendo possibile e certo il controllo da parte dei cittadini stessi, così come sono imprescindibili garanzie per il ristoro ambientale dei comuni ospitanti. Abbiamo dato il massimo impegno e continueremo a garantirlo, ma vogliamo risposte immediate. Perché sono quelle che i nostri cittadini pretendono da noi. Non siamo più disposti a pagare e sopportare colpe non imputabili a noi», conclude Anci Puglia.
  • Rifiuti
  • Raccolta differenziata
  • anci
Altri contenuti a tema
Bari, vigili in borghese contro gli incivili, nei guai in quattro Bari, vigili in borghese contro gli incivili, nei guai in quattro Sono stati sorpresi mentre lasciavano in strada i mobili mentre svuotavano un appartamento
La "migrazione dei rifiuti" arriva anche a Monopoli, il sindaco: «Obiettivo eliminare bidoni» La "migrazione dei rifiuti" arriva anche a Monopoli, il sindaco: «Obiettivo eliminare bidoni» Angelo Annese, primo cittadino del comune in provincia di Bari, posta un video in cui scopre sul fatto i responsabili
Intesa 5 stelle-Pd, Decaro: «Mi auguro che duri, i sindaci hanno bisogno di un governo» Intesa 5 stelle-Pd, Decaro: «Mi auguro che duri, i sindaci hanno bisogno di un governo» Il presidente Anci: «C'è necessità di approvare la manovra finanziaria. Con il Movimento d'accordo sulla sostanza, non sulla forma»
Bari, benvenuti in zona Asi, tra erba alta e rifiuti Bari, benvenuti in zona Asi, tra erba alta e rifiuti Nonostante il cartello all'ingresso avvisi della presenza di telecamere, in molti utilizzano le vie come discariche. Ma il Consorzio fa manutenzione?
Bari, guanti e sacchetti e via i rifiuti da Pane e Pomodoro Bari, guanti e sacchetti e via i rifiuti da Pane e Pomodoro La bella iniziativa di alcune ragazze che si sono date spontaneamente appuntamento per ripulire la spiaggia dei baresi, non poche le buste raccolte
Altro weekend di fuoco a Bari, bruciano rifiuti nella zona industriale Altro weekend di fuoco a Bari, bruciano rifiuti nella zona industriale Intervento delle Guardie ambientali in via dei Fiordalisi per estinguere un incendio di mobili, pneumatici e altri materiali di scarto
Crisi di governo, Decaro: «Serve una maggioranza per approvare la finanziaria» Crisi di governo, Decaro: «Serve una maggioranza per approvare la finanziaria» Il sindaco di Bari e presidente Anci: «Alcuni comuni rischiano il default senza i necessari correttivi»
Bari, bidoni trasformati in discariche al Quartierino Bari, bidoni trasformati in discariche al Quartierino La denuncia dei residenti stanchi di vedere rifiuti di ogni tipo nelle strade
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.