Orto Sociale. <span>Foto Guerino Amoruso</span>
Orto Sociale. Foto Guerino Amoruso
Territorio

Progetto Civica, spunta l'orto sociale a Bari Vecchia

Educazione ambientale tra ortaggi e verdure, a cura della Cooperativa Lavoriamo Insieme

Lo scorso inverno è nato un piccolo orto sociale. Lo spazio è stato ricavato in un luogo, che non si presta abitualmente al verde o alla coltivazione degli ortaggi. A prendersene cura ci sono volontari, educatori e bambini, del borgo. Pochi giorni fa hanno raccolto le prime verdure di stagione: pomodori, zucchine, fagiolini, peperoni e melanzane. I bambini, hanno partecipato attivamente alla costruzione dell' orto e compreso praticamente che la pianta mangia la terra ed ha bisogno di sali minerali per vivere. Hanno imparato come si costruisce una compostiera utile a preparare il concime, che di volta in volta hanno aggiunto durante la cura delle piante. Un percorso educativo e veramente emozionante, perché attraverso il gioco e il divertimento, hanno scoperto che piantando un seme, può nascere una piantina che ha bisogno di cure costanti nel tempo. Questa è solo una delle iniziative del Progetto Civica, che ha creato una nuova piattaforma web, dove è possibile per la prima volta trovare domanda e offerta, riguardo al volontariato. L'idea è di creare uno scambio fra le attività che hanno bisogno di persone e persone che si vogliono dedicare ad un bene della città senza limiti. Nel caso in questione, l'orto è stato realizzato presso la sede della cooperativa sociale Lavoriamo Insieme Onlus, vicino al porto di Bari in via Strada Santa Teresa delle Donne. Grazie al supporto della Cooperativa Said, esperta in agricoltura sociale ed educazione ambientale, i bambini hanno appreso come dare vita ad un orto, in questo caso sociale. «Un Orto come questo - spiega Valentina di Coop. Said -si può riprodurre in qualunque luogo, da una terrazza di un appartamento al giardino di un condominio o di una scuola. Prima di tutto è necessario costruire una compostiera che deve contenere paglia, scarti di cibo, carta e infestanti prodotti dallo stesso orto. Il processo dura circa sei mesi, quindi la decomposizione viene accelerata aggiungendo dei lombrichi. La compostiera viene coperta, perché non deve prendere acqua però lateralmente ha delle aperture che servono per arieggiare l'interno della stessa, in cui sono presenti i batteri aerobici che hanno bisogno di aria per far fermentare la sostanza organica. La concentrazione di acqua deve essere equilibrata e all'interno non ci deve essere troppo umido, perciò si aggiunge sempre paglia o carta. Dopo il tempo necessario si raccoglie il terriccio e il liquido prodotto dalla decomposizione, usati per concimare le piante».
Il Progetto Civica è realizzato dalla Cooperativa Sociale Lavoriamo Insieme Onlus, in partenariato con Agesci Regione Puglia, il cuore del volontariato; Abusuan,che si occupa di integrazione; Istituto Salesiano Redentore, SAID Coop. Soc. e Small. Civica è finanziato nell'ambito del bando "Con il Sud che partecipa" di Fondazione con il Sud. Per informazioni e per partecipare attivamente alla community di Civica vi invitiamo a visitare il sito www.progettocivica.it o la pagina facebook.
La vicepresidente della cooperativa capofila di progetto, Lia Percoco : «Questo progetto ha diversi aspetti. Per noi significa costruire un ponte con il passato, perché siamo nati oltre trent'anni fa da esperienze di volontariato che hanno fortemente influito sul nostro modo di operare e di approcciarci al sociale. Con il Progetto Civica abbiamo voluto riprendere queste nostre radici ed essere uno stimolo per chi ha il desiderio di prodigarsi per gli altri e non sa da che parte iniziare. La nostra idea di volontariato si è modernizzata utilizzando una piattaforma informatica, la rete internet e i social network». Durante questa giornata di raccolto i volontari ed i responsabili del progetto insieme ai bambini coinvolti, hanno potuto raccontare le loro attività anche a Radio Social Web, un canale di comunicazione radio che ascolta la voce di chi si impegna in contesti sociali e volontari.
Orto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto SocialeOrto Sociale
  • ambiente
  • Comune di Bari
Altri contenuti a tema
Bando D_Bari per l'apertura di nuovi negozi, online la procedura di verifica dei requisiti Bando D_Bari per l'apertura di nuovi negozi, online la procedura di verifica dei requisiti Un finanziamento complessivo di 2 milioni 400mila euro a fondo perduto per il rilancio delle attività imprenditoriali
Rapporto soldi spesi-servizi offerti nei capoluoghi, Bari è quintultima Rapporto soldi spesi-servizi offerti nei capoluoghi, Bari è quintultima La classifica stilata dall'Osservatorio conti pubblici non premia la nostra città: 48esimo posto su 52
Bari, discarica abusiva in via Portoghese. Partiti gli interventi di bonifica Bari, discarica abusiva in via Portoghese. Partiti gli interventi di bonifica Il caso era finito su Striscia la notizia. Dieci giorni per completare le operazioni
Rendiconto di gestione, 198 milioni nelle casse del Comune di Bari a fine 2018 Rendiconto di gestione, 198 milioni nelle casse del Comune di Bari a fine 2018 Presentato il documento contabile che sarà approvato dal Consiglio comunale. Crescono i ricavi dalla lotta all'evasione, diminuiscono i debiti
Bari, un ritratto per Nicola Lamaddalena, sindaco dal 1976 al 1978 Bari, un ritratto per Nicola Lamaddalena, sindaco dal 1976 al 1978 L'opera di Vito Stramaglia per rendere omaggio ad un uomo che ha condiviso con Moro visioni, idee e modo sobrio di fare politica
Nicola De Giosa, scoperta nuova targa a Bari Nicola De Giosa, scoperta nuova targa a Bari In questi giorni le celebrazioni per il bicentenario della nascita del grande musicista
Bari, consiglio sulla cassa prestanza deserto, si presentano solo in sei Bari, consiglio sulla cassa prestanza deserto, si presentano solo in sei Aula Dalfino quasi vuota anche in seconda convocazione, i dipendenti coinvolti in protesta davanti a palazzo di città
Pannelli solari a copertura del San Nicola, si può fare? Servirebbe una gara d'appalto Pannelli solari a copertura del San Nicola, si può fare? Servirebbe una gara d'appalto L'idea di un'azienda locale passa dall'iter autorizzativo e dalla discussione dei termini di concessione fra SSC Bari e Comune
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.