I profughi afgani arrivati a Bari
I profughi afgani arrivati a Bari
Cronaca

Profughi afgani in quarantena a Bari, Bottalico: «Pronti ad ospitarli»

L'assessore sottolinea che al momento non si sa se resteranno in città o meno, la scorsa notte accolto un minore non facente parte del gruppo

La ASL di Bari si è attivata per fornire assistenza sanitaria per i primi 40 profughi afghani arrivati in Puglia. Medici e infermieri sono intervenuti nel Covid Hotel al quartiere San Paolo che in questo momento sta ospitando uomini, donne e bambini arrivati con il ponte aereo dall'Afghanistan.

Tra loro si contano 8 nuclei famigliari e 3 singoli, tra cui una donna incinta, diversi bambini tra gli 8 e i 13 anni e un afgano che vive in Italia da 5 anni, con regolare permesso di soggiorno, tornato nella sua terra per riprendere la moglie. Gli uffici della ASL hanno già avviato le procedure per assegnare a tutti i profughi il codice Stp (straniero temporaneamente presente) in modo tale da garantire loro l'accesso alle prestazioni sanitarie.

Con la collaborazione dei volontari della Protezione Civile regionale, i sanitari hanno visitato i profughi accertando le loro condizioni di salute. Sono state fornite cure e terapie mediche ad alcuni dei profughi con patologie di lieve entità. Sono state visitate due donne gravide che sono in buone condizioni. Hanno ricevuto assistenza anche i più piccoli messi in sicurezza. L'equipe sanitaria ha avviato la presa in carico dei profughi che saranno monitorati anche nei prossimi giorni.

«Non sappiamo ancora se dovremo ospitare alcuni dei profughi arrivati a Bari - sottolinea l'assessore al welfare Francesca Bottalico - Dopo la quarantena di 15 giorni, il Ministero si occuperà dello smistamento ma al momento non abbiamo avuto alcuna comunicazione. Noi siamo pronti ad ospitare i profughi, come lo siamo sempre».

«La nostra rete di accoglienza normale e strutturata è in allerta - prosegue - La Protezione Civile sta gestendo tutto e al momento non sappiamo nemmeno se ci sono eventuali bisogni speciali. Nel momento in cui verranno smistati, in base ai posti disponibili nel sistema nazionale, siamo pronti come lo siamo sempre. Per noi non è una cosa eccezionale. Abbiamo chiesto l'avviamento del sistema di accoglienza già presente nel caso in cui dovessero arrivare più migranti rispetto al flusso normale. Inoltre, abbiamo anche dato la nostra disponibilità a strutturare tutti i servizi di base, anche per eventuali minori non accompagnati».

«Anche l'altra notte - conclude - abbiamo accolto un minore afgano non facente parte di quel gruppo. L'eventuale numero dei profughi che dovremmo ospitare dipende dal momento in cui si richiede l'accoglienza, si vedono i posti disponibili e si assegnano».

  • Francesca Bottalico
  • Welfare
Altri contenuti a tema
Accoglienza in famiglia di minori, a  Bari prima giornata di formazione per 25 famiglie Accoglienza in famiglia di minori, a Bari prima giornata di formazione per 25 famiglie L'assessore soddisfatta della risposta al primo avviso cittadino del progetto: "Esperienza educativa e una sfida culturale"
Bari, otto appartamenti destinati a donne e adulti in difficoltà Bari, otto appartamenti destinati a donne e adulti in difficoltà Inaugurato il "Poggio", complesso abitativo nel comune di Noicattaro. Si potrà accedere su segnalazione dei servizi sociali o su richiesta degli interessati
Crisi in Afghanistan, il Comune di Bari pronto a dare una mano Crisi in Afghanistan, il Comune di Bari pronto a dare una mano L'assessore Bottalico ha risposto con una nota all'appello di Anci
Bari, pranzo di Ferragosto e non solo per le persone più vulnerabili Bari, pranzo di Ferragosto e non solo per le persone più vulnerabili Garantiti per domenica tutti i servizi erogati dall'assessorato al Welfare in collaborazione con la rete territoriale
Buoni servizi per i minori in Puglia, ecco come fare domanda Buoni servizi per i minori in Puglia, ecco come fare domanda Possibile presentare istanza fino al prossimo 3 agosto, Barone: "Avviso frutto del confronto con gli operatori"
Prosegue l'esperienza del Centro Ludico Melo da Bari, Bottalico:  «Sostegno alle famiglie» Prosegue l'esperienza del Centro Ludico Melo da Bari, Bottalico: «Sostegno alle famiglie» Pubblicato il bando per la nuova gestione, ogni modulo previsto ogni modulo potrà ospitare 25 bambini/e al massimo, di cui 2 con disabilità
"Chiccolino" a Bari non chiuderà, progetto finanziato per un altro anno "Chiccolino" a Bari non chiuderà, progetto finanziato per un altro anno L'assessore Barone: «Consapevole dell'importanza del lavoro svolto, per questo con gli uffici abbiamo fatto il massimo per poter rifinanziare»
Test HIV gratuiti a Bari con “La prevenzione è la prima cura” Test HIV gratuiti a Bari con “La prevenzione è la prima cura” Giornata di screening gratuito a bordo dell’Unità di Strada “Care for People”
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.