protesi anca adolescente
protesi anca adolescente
Attualità

Policlinico di Bari, raro intervento di protesi d’anca su una 14enne

La giovane paziente, assistita per una caduta nel corso di una crociera, aveva scoperto così di avere la leucemia ed era rimasta a Bari per curarsi

E' stato eseguito nei giorni scorsi un raro intervento di artroprotesi totale d'anca bilaterale presso la Clinica Ortopedica del Policlinico di Bari, diretta dal Professor Biagio Moretti, su una giovane paziente di 14 anni affetta da necrosi di entrambe le teste femorali provocata da una lunga chemioterapia.
La ragazza, di origine marocchine, era arrivata al Policlinico di Bari un anno e mezzo fa ed era stata assistita per una caduta mentre si trovava in vacanza in Italia a bordo di una crociera e la nave aveva attraccato nel porto del capoluogo pugliese. In ospedale la diagnosi di leucemia seguita da una terapia durata circa 18 mesi, nell'unità operativa di Oncoematologia pediatrica, che l'aveva costretta sulla sedia a rotelle. Durante la degenza al Policlinico la giovanissima paziente, che da grande sogna di fare il medico, è stata seguita anche nel suo percorso scolastico: ha potuto seguire lezioni di lingua e ha imparato a parlare l'italiano.

"L'intervento di protesi di anca - spiega il professor Biagio Moretti - è solitamente realizzato in età adulta per patologie degenerative o post-traumatiche dell'articolazione. In questo caso, abbiamo dovuto eseguire la sostituzione dell'anca in età adolescenziale a causa di una assoluta ed irreversibile compromissione delle teste femorali che costringeva la giovane paziente su sedia a rotelle, conseguente agli esiti di una chemioterapia salva-vita effettuata per una grave malattia neoplastica del sangue. Abbiamo programmato l'intervento, in stretto accordo con i colleghi della Oncoematologia Pediatrica diretta dal dottor Nicola Santoro, che personalmente ringrazio, e ciò dimostra l'importanza della multidisciplinarietà nel trattamento di queste patologie complesse. La paziente, a pochi giorni dall'intervento, cammina autonomamente e presto potrà tornare a casa dopo un periodo di riabilitazione".

"Questo è un intervento molto raro perché sono pochissimi i casi descritti nella letteratura scientifica internazionale di artroprotesi di anca impiantate in adolescenti under 17 anni - spiega il professor Giuseppe Solarino, che ha personalmente eseguito gli interventi in equipe con il professor Moretti - Abbiamo prestato, ancor di più del solito, la massima attenzione anche ai minimi dettagli, utilizzando la via d'accesso ed i materiali più consoni al caso specifico, nell'ottica di assicurare una rapida ripresa funzionale e di garantire una protesi d'anca in grado di assicurare una durata più lunga possibile negli anni. In tal senso, siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto, pur nella consapevolezza di dover garantire alla paziente un monitoraggio attento e costante a lungo termine durante la sua vita".

"La ragazzina è arrivata da noi mentre era in crociera e i genitori hanno deciso di continuare il programma terapeutico per la leucemia a Bari – racconta il professor Nicola Santoro, direttore dell'Oncoematologia pediatrica del Policlinico di Bari - il problema è stato brillantemente risolto e la paziente, orami fuori dalla terapia, è in remissione completa dalla malattia, siamo fiduciosi per il futuro. I programmi terapeutici prevedono l'impiego di cortisone che può creare, in particolare in questa fascia d'età, osteonecrosi, ma grazie agli ortopedici del nostro Policlinico è stato effettuato un intervento di protesi di anca".

"Il destino ha voluto che venissimo in Italia, eravamo di passaggio in crociera quando mia figlia è caduta e la storia è iniziata così. Prima la leucemia e dopo l'osteonecrosi a causa del trattamento di chemioterapia – racconta il padre Mohamed Selami - Questa esperienza ci ha permesso di conoscere il grande sostegno morale e umano di tutto il personale del Policlinico di Bari che con grande generosità e professionalità ha assistito nostra figlia che oggi è viva grazie a loro. Un grande ringraziamento a tutto il Policlinico di Bari e all'associazione Apleti".
  • Policlinico
  • Bari
Altri contenuti a tema
Neurochirurgia pediatrica, rimosso al Policlinico di Bari tumore al cervello di un ragazzo di 12 anni Neurochirurgia pediatrica, rimosso al Policlinico di Bari tumore al cervello di un ragazzo di 12 anni Intervento su paziente sveglio per monitorare le funzioni del linguaggio dove era localizzata la massa grande come una pallina da ping pong
Ustionato nello scoppio di una cisterna in Libia, ricoverato al Policlinico Ustionato nello scoppio di una cisterna in Libia, ricoverato al Policlinico L'ulmo ha 44 anni e presenta ustioni di II e III grado sul 75% del corpo
Policlinico di Bari, firmato l'accordo sindacale sui buoni pasto Policlinico di Bari, firmato l'accordo sindacale sui buoni pasto La Cisl: «Soddisfatti del risultato. Si tratta di un atto dovuto»
Senologia interventistica, record per il Policlinico di Bari con 426 interventi Senologia interventistica, record per il Policlinico di Bari con 426 interventi il coordinatore della Breast care unit, Marco Moschetta: “Un risultato che ci rende molto soddisfatti e che certifica il nostro impegno"
Policlinico di Bari, radiologia mini-invasiva pediatrica per evitare interventi chirurgici Policlinico di Bari, radiologia mini-invasiva pediatrica per evitare interventi chirurgici A eseguire le procedure il dottor Dell’Atti. I vantaggi sono riduzione dei rischi e diagnosi tempestiva per aggredire il tumore
Policlinico di Bari, al via le quarte dosi per pazienti, operatori sanitari e utenti over60 Policlinico di Bari, al via le quarte dosi per pazienti, operatori sanitari e utenti over60 Oggi l'open day, già 4mila richiami ai soggetti fragili. Palese: «Sollecitiamo tutti ad effettuare la vaccinazione
Correzione della scoliosi, al Policlinico di Bari il primo intervento computer assistito Correzione della scoliosi, al Policlinico di Bari il primo intervento computer assistito La navigazione in 3D sulla colonna vertebrale garantisce massima precisione. Piazzolla: «Tecnologia al servizio della medicina»
Emergenza Ucraina, arrivano a Bari una paziente oncologica e due militari feriti Emergenza Ucraina, arrivano a Bari una paziente oncologica e due militari feriti La missione è stata condotta attraverso il meccanismo della Cross di Pistoia dalla dottoressa Anna Maria Natola
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.