La conferenza stampa
La conferenza stampa
Attualità

Nuovo Dpcm, scuole chiuse in zona rossa e non solo. Dal 27 riaperti i luoghi della cultura

Il ministro Speranza: «Principio guida è la tutela della salute, siamo convinti che per far ripartire il Paese è fondamentale sconfiggere il virus»

l ministri per gli Affari regionali e della Salute, Mariastella Gelmini e Roberto Speranza, in conferenza stampa a Palazzo Chigi hanno illustrato le nuove misure del Dpcm sull'emergenza epidemiologica da Covid-19. All'incontro hanno partecipato il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, e il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli.

Il nuovo Dpcm sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile, ed è stato firmato dal presidente del Consiglio Draghi dopo un confronto importante sia alla Camera che al Senato che con le Regioni e il Comitato Tecnico Scientifico. Verrà valutata l'evoluzione della curva epidemiologica per eventualmente adeguarle alla variazione della situazione, al momento non è prevista nessuna deroga per Pasqua e Pasquetta.

«Principio guida è la tutela della salute - dichiara il ministro della Salute, Roberto Speranza - siamo convinti che, per far ripartire il Paese, è fondamentale sconfiggere il virus. La curva dà segnali di risalita e facciamo i conti con la presenza di alcune varianti temibili del virus, come quella inglese, diventata prevalente in Italia. Il decreto prova a mantenere un impianto di conservazione delle misure essenziali vigenti. Confermato il livello di divisione del paese in aree, caratterizzate da colori, in quanto differenziare i territori ci consente di dare la risposta più idonea ai territori stessi. La variante inglese ha una capacità di penetrazione nelle fasce più giovani, per cui abbiamo scelto di chiudere e mettere in DDI le scuole di ogni ordine e grado in area rossa. Lo stesso in quelle zone in cui ci sia un tasso di incidenza, su 100 mila abitanti, pari o superiore a 250».

«Seguiremo l'evoluzione dell'epidemia e valuteremo giorno per giorno cosa fare - conclude Speranza - Faccio un appello ai cittadini perché l'epidemia non si combatte con decreti e ordinanze ma serve il contributo di tutti, il comportamento delle persone è essenziale».

«Abbiamo lavorato alacremente - aggiunge il ministro Mariastella Gelmini - la bozza è stata condivisa dalla scorsa settimana e pronta da venerdì scorso. Comunichiamo oggi il nuovo decreto per aiutare i cittadini ad uniformarsi a queste regole. Abbiamo accolto la richiesta delle Regioni di far scattare la nuova fascia dal lunedì, ci sarà un tavolo tecnico per rivedere i 21 parametri per bilanciare i criteri e provvedere ad eventuali cambiamenti. Dal 27 marzo sarà possibile tornare a frequentare i luoghi della cultura con prenotazione online. Non possiamo annunciare la riapertura di attività chiuse da tempo, perché siamo ancora in un regime di restrizione indispensabile per combattere il virus».

«Il tema della scuola è stato affrontato con grande attenzione dal ministro Bianchi - aggiunge - Il Governo accompagnerà le misure fondamentali e necessarie non solo con la DDI che andrà potenziata, ma cercheremo di dare supporto alle famiglie attraverso i congedi parentali. Saranno stanziate risorse superiori ai 200 milioni di euro all'interno del decreto sostegno proprio per supportare tale voce».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Bari, 48enne in fin di vita per il Covid, l'appello disperato della famiglia: «Un trapianto per salvarlo» Bari, 48enne in fin di vita per il Covid, l'appello disperato della famiglia: «Un trapianto per salvarlo» Nunzio Pagliara, sottufficiale dell'aeronautica, lotta al San Paolo e i suoi cari rivolgono una richiesta al ministro Speranza
Puglia, contagi in calo del 9,8% nell'ultima settimana Puglia, contagi in calo del 9,8% nell'ultima settimana È quanto emerge dal nuovo rapporto della fondazione Gimbe
Covid, in Puglia 1867 nuovi casi e 39 decessi Covid, in Puglia 1867 nuovi casi e 39 decessi Sono 681 i nuovi casi in provincia di Bari
Puglia, accordo con odontoiatri: somministreranno vaccini negli hub Puglia, accordo con odontoiatri: somministreranno vaccini negli hub Dopo un breve corso di formazione potranno essere utilizzati già dalla turnazione di questo fine settimana.
Covid, sono 1488 i nuovi casi in Puglia Covid, sono 1488 i nuovi casi in Puglia Registrati 655 contagi in provincia di Bari. I nuovi decessi sono 39
Calano i contagi Covid in Puglia. L'aggiornamento dalla provincia di Bari Calano i contagi Covid in Puglia. L'aggiornamento dalla provincia di Bari In quasi tutti i comuni, stando agli ultimi report, si registra una flessione del numero dei positivi
Covid, in Puglia 1191 casi positivi su 13mila tamponi analizzati Covid, in Puglia 1191 casi positivi su 13mila tamponi analizzati Registrati 256 contagi in provincia di Bari, sono 54 i decessi complessivi
Covid, In puglia 815 casi positivi su seimila tamponi analizzati Covid, In puglia 815 casi positivi su seimila tamponi analizzati Sono 297 i nuovi contagi in provincia di Bari. Registrati 39 decessi
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.