La ripresa del cantiere
La ripresa del cantiere
Vita di città

Mercato di Japigia, cantiere bloccato dall'Enel. Galasso: «Recupereremo il tempo perso»

Durante gli scavi trovata una linea di media tensione non segnalata dalle mappe ma funzionante, lavori fermi per spostarla

Il cantiere del nuovo mercato di Japigia a Bari è rimasto fermo per quattro settimane a causa di un inconveniente, se così può essere chiamato. I cittadini lamentavano il blocco dei lavori, senza capire cosa stesse accadendo, e tra i mercatali stava già circolando la voce che la struttura non sarebbe più stata costruita, e invece questa mattina sono ripresi a gran ritmo i lavori, nonostante la pioggia.

A creare il blocco la presenza di una linea di media tensione Enel da 20 mila Volt, oltre ad altre interferenze con altri sottoservizi tra cui acquedotto pugliese. In queste settimane si è lavorato, di concerto con Enel, per spostare la linea che seppure vecchia era funzionante e purtroppo non presente in alcuna mappa.

«Il cantiere è stato fermo fino a due giorni fa - spiega l'assessore Giuseppe Galasso - e questa mattina siamo stati in sopralluogo insieme all'assessore Palone. Ieri hanno ripreso con il tracciamento nonostante il terreno fosse ancora bagnato per la pioggia e oggi hanno ripreso le lavorazioni. Abbiamo risolto tutti i problemi che c'erano con le interferenze con alcuni sottoservizi, in testa a tutti una linea di media tensione di Enel da 20 mila Volt che è stata spostata, oltre ad esserci interferenze con acquedotto pugliese e altri, ma tutti sono stati spostati».

«Da adesso si procede no stop - continua l'assessore - in quanto non immaginiamo altre problematiche che possano sorgere. Già stamattina c'erano un escavatore, tre camion e le maestranze che stanno facendo gli scavi, completeranno quindi gli scavi per le fondazioni, realizzeranno quindi un cunicolo che correrà tutto intorno al mercato e sarà utilizzato per gli alloggiamenti degli impianti. Poi procederanno con l'esecuzione delle fondazioni, alcune delle quali sono del tipo a pozzo in cemento armato. Subito dopo ci sarà il montaggio della struttura, attualmente in produzione, che è mista acciaio/legno: le travi di copertura sono il legno, invece i pilastri sono in acciaio».

«Abbiamo fatto anche un giro nel mercato - aggiunge - tra i mercatali spiegando che quanto accaduto è stato una naturale interruzione temporanea legata a sopravvenienze. Nessuno si aspettava che, in un'area privata che è stata espropriata, camminasse una linea di media tensione che va alla centrale Enel, che si trova su via Caldarola, accanto alla ex Fibronit. Una linea vecchia, ma funzionante e che non era presente sulle mappe. Nonostante avessimo interpellato tutti gli enti proprietari dei sottoservizi nessuno aveva dato indicazioni della presenza di questa linea. Non potevamo ovviamente tranciarla, abbiamo dovuto organizzare con Enel lo spostamento che è stato fatto durante questa interruzione del cantiere di 4 settimane. Siamo comunque ancora nelle condizioni di recuperare il tempo perso e prevediamo di inaugurare il mercato a inizio del nuovo anno».
13 fotoIl cantiere del mercato di via Pitagora
Il cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogoIl cantiere e il sopralluogo
  • Quartiere Japigia
  • mercato via pitagora
Altri contenuti a tema
Salta la condotta fognaria in via Gentile, disagi a Japigia Salta la condotta fognaria in via Gentile, disagi a Japigia Tecnici diAqp già al lavoro per ripristinare la situazione. Traffico deviato su via Caldarola
Pista da skate, orto sociale e anfiteatro rinnovato. Rinasce la piazza della Pace a Japigia Pista da skate, orto sociale e anfiteatro rinnovato. Rinasce la piazza della Pace a Japigia Dopo nove mesi di lavori nel weekend l'inaugurazione e l'apertura al pubblico. Decaro: «Qui è di casa il senso di comunità»
Prende forma la passerella fra Madonnella e Japigia. Iniziato il montaggio Prende forma la passerella fra Madonnella e Japigia. Iniziato il montaggio Lavori al via nella scorsa notte: un ponte di 8 tonnellate d'acciaio per 15 metri di lunghezza
Japigia, scoperta una discarica abusiva di materiali edili. Denunciato 70enne Japigia, scoperta una discarica abusiva di materiali edili. Denunciato 70enne La Polizia locale sottopone a sequestro l'intera area e il veicolo usato per il trasporto dei rifiuti speciali
Bari, iniziati i lavori per la nuova passerella fra Madonnella e Japigia Bari, iniziati i lavori per la nuova passerella fra Madonnella e Japigia Le operazioni sono cominciate la scorsa notte dal lato di via Messapia. La parte centrale sarà montata fra il 10 e l'11 aprile
Nuova passerella fra Japigia e Madonnella, ecco i primi pezzi. Il 21 marzo via ai lavori Nuova passerella fra Japigia e Madonnella, ecco i primi pezzi. Il 21 marzo via ai lavori Le operazioni saranno condotte di notte a partire dal lato di via Messapia. Tutto il cronoprogramma degli interventi
Bari, nuovo asfalto a Japigia nell'area ex Arca. Operai di Open fiber a lavoro Bari, nuovo asfalto a Japigia nell'area ex Arca. Operai di Open fiber a lavoro Iniziate questa mattina le operazioni che si concluderanno in giornata. Galasso: «intervento necessario per fluidificare la circolazione»
Japigia, c'è il progetto preliminare per la nuova Arena Giardino. Lavori da 620mila euro Japigia, c'è il progetto preliminare per la nuova Arena Giardino. Lavori da 620mila euro La giunta comunale accende il semaforo verde alla proposta dell'assessore Galasso: «Nei prossimi step compresi alberi e attrezzature ludiche»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.