Carabinieri Forestali
Carabinieri Forestali
Cronaca

Controlli dei carabinieri forestali sugli autolavaggi, scattano i sequestri in provincia di Bari

Nel caso più rilevante, il titolare dell’impianto è stato deferito dai militari anche per gestione illecita di rifiuti

Sono oltre 124 i controlli eseguiti dai Carabinieri forestali in Puglia dall'inizio dell'anno nel solo settore degli inquinamenti ambientali causati dalle presunte illecite modalità di gestione degli autolavaggi, il tutto nell'ambito di un programma d'azione dedicato, predisposto dal Comando Regione Carabinieri Forestale della Puglia.

Dei citati controlli, oltre 50 sono stati eseguiti in provincia di Bari, il cui esito ha portato al sequestro di diversi impianti di lavaggio dei veicoli nei comuni di Casamassima (Ba), Rutigliano (Ba) e Monopoli (Ba), per assenza delle previste autorizzazioni in corso di validità o per il mancato funzionamento degli impianti di depurazione posti a servizio degli autolavaggi.

I controlli dei militari hanno avuto ad oggetto, inoltre, le strutture di recapito finale delle acque reflue industriali e delle acque meteoriche di prima pioggia al fine di constatarne il regolare smaltimento.

Gli impianti sequestrati operavano in assenza della prevista autorizzazione unica ambientale allo scarico in pubblica fognatura delle acque reflue industriali rinvenienti dall'attività di autolavaggio, ai sensi della normativa di settore; in alcuni casi i militari hanno riscontrato il possesso della sola autorizzazione allo scarico delle acque meteoriche relative ad una parte degli impianti, quali quelli dedicati, ad esempio, alla riparazione di autoveicoli, motocicli, assistenza e vendita pneumatici.

Nel caso più rilevante, il titolare dell'impianto è stato deferito anche per gestione illecita di rifiuti, avendo i militari riscontrato nel piazzale aziendale la presenza di cisterne interrate ricolme di reflui e fanghi, contenitori metallici per olii ricolmi di fanghi, oltre a scarico di reflui industriali in corpi idrici con modalità difformi o non autorizzate.

In particolare, da una delle citate cisterne, si accertava la fuoriuscita di un tubo in plastica collegato ad una pompa sommersa, la quale prelevava e convogliava i reflui direttamente nel pozzetto di scarico finale, bypassando il trattamento del depuratore, risultato non funzionante. Trattasi di una pratica irregolare che, oltre a cagionare un danno all'ambiente interessando la falda acquifera sottostante, consente al gestore di risparmiare i costi di gestione dei rifiuti prodotti presso l'esercizio.

Secondo l'impostazione accusatoria della PG, accolta dalla AG inquirente, e fatta salva la valutazione nella fasi successive con il contributo della difesa, per tutti i titolari degli impianti sequestrati si è così configurata la violazione dell'124 co. 1 del d.l.vo 152/2006, ai sensi del quale tutti gli scarichi devono essere autorizzati, pena la configurazione di una contravvenzione ambientale punita dall'art. 137 co. 1, dello stesso decreto. I militari hanno pertanto impartito a tali esercizi le prescrizioni riparatorie previste dalla ridetta normativa, che permettono di continuare l'attività previa regolarizzazione degli illeciti contestati. Per alcuni gestori è anche scattata la denuncia per gestione illecita di rifiuti.

I vari procedimenti si trovano nella fase della esecuzione da parte degli indagati delle prescrizioni loro impartite dalla Polizia Giudiziaria, di cui agli articoli 318 bis e seguenti del Decreto Legislativo n.152/2006, la cui ottemperanza consente ai presunti autori di contravvenzioni ambientali che non abbiano cagionato danni o pericoli concreti e attuali di danno alle risorse ambientali, l'eliminazione delle stesse.
  • carabinieri forestali
Altri contenuti a tema
Provincia di Bari, la pantera nera in realtà è un serval? Provincia di Bari, la pantera nera in realtà è un serval? L'esemplare sarebbe stato avvistato a nord di Bari, resta da capire da dove provenga
Provincia di Bari, che fine ha fatto la pantera nera? Provincia di Bari, che fine ha fatto la pantera nera? Un paio di mesi fa era un susseguirsi di segnalazioni di avvistamento. Ora ricompare ad Ostuni e nel leccese
Pantera nelle campagne di Bari, il vademecum per evitare problemi Pantera nelle campagne di Bari, il vademecum per evitare problemi I comportamenti a rischio da evitare comunicati dopo una riunione tenutasi in Prefettura
Provincia di Bari, «La pantera è stata catturata». Ma è un fake Provincia di Bari, «La pantera è stata catturata». Ma è un fake Il messaggio attribuito al sindaco di Bitetto sta diventando virale su WhatsApp, ma è lo stesso primo cittadino a smentire
Provincia di Bari, la pantera fa paura. E i sindaci corrono ai ripari Provincia di Bari, la pantera fa paura. E i sindaci corrono ai ripari I primi cittadini di Bitetto e Cassano delle Murge hanno emanato delle apposite ordinanze per la sicurezza del territorio
Pantera avvistata a Casamassima? "Non risulta" Pantera avvistata a Casamassima? "Non risulta" La notizia era trapelata in mattinata. Prefettura e carabinieri forestali smentiscono
Scoperti ad abbandonare rifiuti nel parco Alta Murgia, scattano le sanzioni Scoperti ad abbandonare rifiuti nel parco Alta Murgia, scattano le sanzioni I responsabili sono stati individuati dalle fototrappole. Verbali fino a 3mila euro
Controlli sui sacchetti di plastica nell'Alta Murgia, multe per 30mila euro Controlli sui sacchetti di plastica nell'Alta Murgia, multe per 30mila euro Stretta dei carabinieri forestali per il rispetto della direttiva dell'Unione europea in vigore dal 1 gennaio 2018
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.