candidati presidenti municipio con decaro
candidati presidenti municipio con decaro
Politica

Comunali Bari 2019, le dichiarazioni dei candidati presidenti di municipio del centrosinistra

Decaro: «Cinque persone legate al territorio. Ringrazio gli uscenti: alcuni hanno scelto la professione, altri si sono candidati al Comune»

Il sindaco uscente di Bari, nonché candidato alla carica di primo cittadino per la coalizione di centrosinistra, scioglie le riserve sui cinque nomi che concorreranno per la presidenza degli altrettanti municipi nel suo schieramento, in vista delle comunali del 26 maggio. Questo pomeriggio l'annuncio: si tratta di Lorenzo Leonetti per il 1° Municipio, Gianluigi Smaldone per il 2° Municipio, Nicola Schingaro per il 3° Municipio, Grazia Albergo per il 4° Municipio e l'ex vicesindaco, nonché vecchio braccio destro di Giacomo Ulivieri (ora fautore della candidatura a sindaco di Pasquale Di Rella per il centrodestra), Vincenzo Brandi al 5° Municipio.

Si tratta di una rivoluzione totale: nessuna riconferma per gli uscenti. Decaro dà la sua investitura ai nuovi candidati e spiega così la decisione: «Ognuno di loro è fortemente legato al territorio. Nicola Schingaro, un sociologo, cresciuto al San Paolo. Gianluigi Smaldone, avvocato, è consigliere uscente e non ha bisogno di presentazioni. Grazia Albergo che si candida a Ceglie, Carbonara, Santa Rita è una insegnante ed è molto legata la territorio. Il suo nome è emerso da più parti nel suo quartiere; Vincenzo Brandi è stato vicesindaco. Lorenzo Leonetti, ufficiale dI Marina, è vicepresidente uscente del Municipio del mare. Ci conosciamo da tanto tempo, è molto legato a me. Ringrazio i presidenti uscenti. Alcuni hanno scelto la professione, come Dammacco che sostiene una delle mie liste civiche. E come Spizzico, diventato caporeparto del nucleo anticrimine a Bitonto. Gli altri tre presidenti uscenti vanno a rafforzare le liste del Comune».

«So che i cinque candidati sentono l'onore di servire la propria comunità - prosegue Decaro. Alcuni ho dovuto spingerli ad accettare. Così come è stato per me cinque anni fa. Io ci ho messo del tempo, con loro sono riuscito nell'intento in qualche giorno. Mettermi al servizio della comunità mi ha fatto crescere anche a livello umano, col contatto continuo con i cittadini. È un'esperienza umana incredibile che auguro anche a ciascuno di loro. Ringrazio le liste che mi hanno lasciato ampia autonomia. Non vengo da Marte, ho ascoltato tutti, ma ho deciso io. Due candidati presidenti li avevo scelti da tempo, gli altri più di recente. Ho voluto che le forze politiche si sentissero coinvolte, sia nella fase in cui mi hanno sottoposto dei nomi, sia quando li ho scelti. Ho ricevuto molti messaggi di sostegno per i nomi scelti: per l'autorevolezza delle persone e per il legame che hanno con il territorio che rappresentano».

L'ex vicesindaco Vincenzo Brandi, candidato alla presidenza del Municipio V (Santo Spirito-Catino-San Pio-Enziteto-Palese), dice: «Orgoglioso di proseguire al fianco di Decaro e del movimento Sud al centro. La considero la prosecuzione di quanto iniziato. Saremo attenti a far crescere quanto già messo in campo dall'Amministrazione, far nascere nuove idee, nel solco di quanto costruito nei primi cinque anni. E' stato investito tanto in termini di programmazione. Sarà necessario continuare, per far diventare sempre meno periferie i quartieri interni, e potenziare attività turistiche e culturali per i quartieri sul mare».

Per Lorenzo Leonetti la candidatura a presidente del Municipio I, il più grande di Bari (Murat-Bari vecchia-Libertà-Japigia-Madonnella-Sant'Anna-Torre a Mare), si tratta di una "promozione": «Ringrazio per questa investitura che desideravo da tempo - dice. Sono candidato al Municipio del mare, elemento con cui ho un forte legame per il mio lavoro di ufficiale di Marina. Nella mia esperienza di vicepresidente del Municipio 1 ho affrontato le peculiarità dei diversi quartieri che compongono il territorio. Porto una carica di entusiasmo perché il lavoro fatto nel mandato che si chiude ci dà slancio per il futuro».

Per Nicola Schingaro, invece, si tratta di un "cambio di programma" dell'ultimo minuto. Il candidato di centrosinistra alla presidenza del Municipio III (San Paolo-Stanic-Villaggio del lavoratore-Fesca-San Girolamo-San Cataldo-Marconi) dichiara: «Non mi rendo ancora conto. Ero candidato al Comune fino a poche ore fa. Ma sono fiero della proposta. Ringrazio Decaro e la comunità politica che ci accomuna per la manifestazione di stima e fiducia. Questa candidatura rappresenta un ponte in linea con quel che ho sempre fatto come urban planner e sociologo, nato e cresciuto al San Paolo. Ho 47 anni. Sono stato adolescente in quel quartiere in un ventennio particolare eppure ce l'ho fatta a non diventare un delinquente. Come me tanti altri. Orgoglioso di una proposta sia pure inattesa. Ho sempre cercato di porre al centro le voci delle periferie. Continuerò in questo senso, cercando - e questa è la sfida lanciata da Decaro - di dare risposte».

Viene da Carbonara Grazia Albergo, docente e candidata per il Municipio IV (Carbonara-Ceglie-Santa Rita-Loseto): «Sono nata a Carbonara, insegno nel mio quartiere, per scelta. Quindi la mia scuola e stata la mia finestra aperta sul territorio. Nell'accettare la proposta spero di poter fare bene, nel solco della precedente Amministrazione. Esperienza decisamente nuova per me, ma sono stata spinta dal desiderio di mettermi al servizio del territorio. Farò affidamento anche sul sostegno del sindaco».

Tenta il grande salto anche Gianluigi Smaldone, consigliere uscente del Municipio II, ora candidato alla presidenza del distretto Poggiofranco-Carrassi-Picone-San Pasquale-Mungivacca. «Considero questo un grande riconoscimento di un lavoro fatto gomito a gomito - dichiara Smaldone. Trovando sempre una sintesi, anche quando non era facile. Questa candidatura, voluta da Antonio Decaro, è il risultato di un rapporto di stima, politica e istituzionale. Sono convinto che ci siano tutti i presupposti. E' una sfida importante. Il decentramento è uno dei temi che nella prossima amministrazione Decaro dobbiamo porre in essere. Processo avviato nei primi cinque anni. Oggi ci sono strumenti ed esperienza per andare oltre, per applicare quel decentramento, come previsto dal Comune».
  • Antonio Decaro
  • Comunali Bari 2019
Altri contenuti a tema
Bari ricorda la strage di via D'Amelio, intitolato un giardino a Emanuela Loi Bari ricorda la strage di via D'Amelio, intitolato un giardino a Emanuela Loi Dopo due anni e mezzo all'agente della scorta di Paolo Borsellino viene intitolata un'area verde nei pressi del parco 2 giugno
Cantiere ex mercato del pesce, Decaro: «Primo piano aperto in autunno» Cantiere ex mercato del pesce, Decaro: «Primo piano aperto in autunno» Il sindaco: «Qui una casa per gli artisti e il terrazzo più bello della città. La banchina antica sarà parte dell'esposizione permanente»
Beccato a bruciare rifiuti tossici in un terreno a Carbonara, denunciato Beccato a bruciare rifiuti tossici in un terreno a Carbonara, denunciato L'intervento di Polizia locale e Vigili del fuoco grazie alla segnalazione dei Rangers. Decaro: «Pare che l'uomo fosse abituato a questa pratica barbara»
Sosta e autobus a portata di click, a Bari arriva la app Muvt Sosta e autobus a portata di click, a Bari arriva la app Muvt L'Amtab ha presentato insieme al sindaco Decaro la novità disponibile da oggi, da settembre arriva invece la card per pass ZTL e ZSR e abbonamenti
Sversamenti di liquami nel mare di Bari, niente bagni a Torre Quetta Sversamenti di liquami nel mare di Bari, niente bagni a Torre Quetta Firmata l'ordinanza sul lungomare Di Cagno Abbrescia dopo le analisi di Arpa. Decaro: «Problema delle fogne non può essere rimandato»
Gemellaggio tra Bari e San José, firmato l'accordo Gemellaggio tra Bari e San José, firmato l'accordo Il documento mira a sviluppare rapporti di collaborazione tra le due città sul fronte delle politiche ambientali, culturali e del turismo sostenibile.
Presidio Amtab a Bari, Decaro convoca i dirigenti Presidio Amtab a Bari, Decaro convoca i dirigenti Il sindaco vuole sentire l'azienda per poi discutere anche con i sindacati, sciopero il 24 luglio
Il Comune di Bari sperimenta il social housing, pronto bando per 64 alloggi Il Comune di Bari sperimenta il social housing, pronto bando per 64 alloggi Prende forma il parco Gentile fra Santo Spirito e San Pio. Decaro: «Rigenerazione della periferia attraverso nuove politiche abitative»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.