ric JPG
ric JPG
Attualità

Bari, lo studio dei ricercatori: riconoscere le disfunzioni del fegato con una tecnica non invasiva

Il prof. Piero Portincasa, coordinatore dello studio: "Questo tipo di evidenze ha un ruolo fondamentale per la prevenzione secondaria delle complicanze più gravi della steatosi”


Riconoscere alcune alterazioni del fegato precocemente con una tecnica diagnostica non invasiva. È questo il risultato di uno studio realizzato dai ricercatori dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro, recentemente pubblicato sul prestigioso Journal of Hepatology Report (https://www.jhep-reports.eu/article/S2589-5559(20)30137-3/fulltext) rivista scientifica dell'EASL ("European Association for the Study of the Liver"). La ricerca offre un importante contributo per la gestione di pazienti con obesità e steatosi epatica, due patologie che coesistono frequentemente e che sono in rapida e costante progressione epidemiologica.
L'accumulo di grasso nel fegato (steatosi epatica), in particolare, è diventata la più comune causa di malattia epatica cronica. Alla base della steatosi vi sono alterazioni metaboliche quali sovrappeso, obesità, diabete mellito, insulino-resistenza, indipendentemente da cause virali epatiche o dall'assunzione di alcol. Se non adeguatamente diagnosticata e trattata, la steatosi epatica "non alcolica" (NAFLD) può indurre disfunzioni mitocondriali con progressive alterazioni della struttura del fegato ed evolvere verso quadri più gravi con necrosi cellulare e fibrosi sino alla cirrosi epatica e il tumore epatico (epatocarcinoma).
"Lo studio dimostra - spiega il Prof. Piero Portincasa, coordinatore dello studio - che l'accumulo di grasso può causare precocemente una riduzione della capacità del fegato di estrarre sostanze che provengono dall'intestino attraverso il flusso portale e può alterare il funzionamento dei microsomi, organelli la cui funzione è essenziale nell'epatocita. Questo tipo di evidenze ha un ruolo fondamentale per la prevenzione secondaria delle complicanze più gravi della steatosi".
"Un'altra scoperta importante - precisa Agostino Di Ciaula, tra gli autori dello studio - è che queste alterazioni possono essere riconosciute precocemente utilizzando una tecnica diagnostica facilmente eseguibile e non invasiva come il test al respiro (breath test con isotopo stabile "carbonio 13") per lo studio della funzione epatica "residua". Questo tipo di esame può essere agevolmente ripetuto per monitorare l'efficacia degli interventi proposti e, dal punto di vista della ricerca scientifica, assume fondamentale importanza per lo studio dell'asse intestino-fegato anche in una fase precoce e subclinica di danno epatico.
  • Università
  • Bari
Altri contenuti a tema
Bari, cani anti droga scoprono cocaina e munizioni in un terreno abbandonato Bari, cani anti droga scoprono cocaina e munizioni in un terreno abbandonato L'operazione è avvenuta a Sannicandro dopo alcuni movimenti sospetti notati dai poliziotti. Il materiale potrebbe appartenere ai clan che operano nel capoluogo pugliese
Bari, nuovi lampioni per il lungomare San Cataldo Bari, nuovi lampioni per il lungomare San Cataldo Montato il primo candelabro, saranno 40 in totale
Grandinata in provincia di Bari, Coldiretti: "Gravi danni per ciliegie, albicocche e mandorle" Grandinata in provincia di Bari, Coldiretti: "Gravi danni per ciliegie, albicocche e mandorle" Secondo le stime dell'associazione, la tropicalizzazione del clima ha provocato 3 miliardi di euro di danni in Puglia negli ultimi 10 anni
Bari, i cittadini del quartiere Sant'Anna chiedono risposte: "Strade non asfaltate e servizi assenti, ora basta" Bari, i cittadini del quartiere Sant'Anna chiedono risposte: "Strade non asfaltate e servizi assenti, ora basta" Il comitato del quartiere ha lanciato una petizione per chiedere all'amministrazione comunale di intervenire in maniera tempestiva
Bari, ricostruzione valvola aortica con tecnica innovativa: salvato giovane paziente Bari, ricostruzione valvola aortica con tecnica innovativa: salvato giovane paziente Il ragazzo originario del Gambia è arrivato in ospedale con una grave cardiopatia, riscontrata durante la visita di un medico volontario
"Tutto il mondo aperto, noi chiusi": la protesta degli ambulanti a Bari "Tutto il mondo aperto, noi chiusi": la protesta degli ambulanti a Bari Il sit-in è stato organizzato nell'area mercatale di via Vaccarella
Bari, era in possesso di una banconota contraffatta: denunciato Bari, era in possesso di una banconota contraffatta: denunciato Il bilancio dei controlli della polizia Ferroviaria nell'ultima settimana
Il fratino torna sulle coste di Bari, Petruzzelli: "Rispettate le transenne" Il fratino torna sulle coste di Bari, Petruzzelli: "Rispettate le transenne" Il raro esemplare è stato avvistato nel tratto tra il canale Valenzano e il camping di San Giorgio
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.