I barattoli posacenere
I barattoli posacenere
Vita di città

Bari, da rifiuti a simpatici posacenere. La brillante idea di una commerciante del Libertà

Francesca Zicca aiutata da Leonardo Rizzi ha creato e donato otto barattoli: «Mi auguro sia di input a mantenere la città decorosa e pulita»

Fabrizio Da Andrè cantava che dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior. Una frase che può adattarsi benissimo all'iniziativa lanciata da una commerciante di via Manzoni, nel quartiere Libertà di Bari. Francesca Zicca ci tiene alla sua città, e al suo quartiere, e ci tiene a sensibilizzare gli altri cittadini ad avere rispetto per la realtà che tutti noi viviamo. A volte bastano piccole cose, come dei barattoli trasformati in posacenere, che possono spingere i cittadini ad evitare di buttare le cicche a terra, o nelle fioriere davanti ai negozi. E da un rifiuto riciclato ecco che nasce una cosa bella.

«È da più di un anno che ho uno di questi posacenere nel mio negozio, molto semplice e grezzo, fatto dopo aver visto un video del volontario Leonardo Rizzi (Dino per il Sociale) - racconta Francesca - In molti lo avevano visto e mi avevano chiesto di fargliene uno. In fondo farlo non è affatto complicato, la cosa più dura è averne cura, in quanto è necessario che venga svuotato con costanza. Per questo ho deciso di creare questa "campagna" che ho chiamato "Adotta un barattolo" dando ad ognuno un nome simpatico, anche per creare in chi avrebbe deciso di prenderlo un senso di responsabilità. In tutto ne abbiamo creati otto, e in un solo giorno siamo riusciti a farne adottare sette».

«Uno di loro è mio e si chiama Sisina - prosegue - ho fatto gli occhi con degli orecchini rotti e il naso con la pietra saltata da un altro orecchino, tutte cose del mio negozio che si rompono e non butto perché potrebbero avere una nuova vita come in questo caso. Io tengo pulito il mio marciapiede, mi occupo della mia pianta, non solo per me ma per dare una visione più decorosa e carina almeno a quel piccolo tratto che mi appartiene. Spero sempre che gli altri vengano catturati dal mio entusiasmo e facciano lo stesso, basta vedere che l'idea del posacenere è piaciuta. Di fronte alla mia Sisina c'è Gigino, giri l'angolo e in via Abate Gimma c'è Mchél e Ninetta. Lo vedo anche come un modo anche per socializzare e fare buon vicinato».

«Ci tengo alla mia città e al mio quartiere e proprio per questo mi do da fare - ci racconta andando oltre l'iniziativa di questi giorni - ho creato anche un gruppo Facebook che ora conta circa 2 mila membri per incentivare le persone a donare invece di buttare le cose che non usano più e provare a combattere il degrado che si forma vicino ai bidoni, oltre che cercare di essere d'aiuto a famiglie che non possono acquistare una cosa e nel gruppo invece possono trovarla. Siamo andati anche oltre il confine barese con alcune iniziative, come una raccolta vivere per i terremotati di Ascoli Piceno, o una iniziativa che abbiamo fatto in un orfanotrofio di suore a Chieti, Villaggio Speranza».

«Il mio sogno è rendere questo gruppo Facebook una associazione di quartiere con uno statuto - conclude - Avere un locale e diventare una vera e utile alternativa di quartiere, dove dare aiuto alle situazioni di disagio e fare arte del riciclo. Amo il Libertà e non smetterò mai di credere che possa rinascere. C'è tanto di bello in questo quartiere, basta innamorarsi delle piccole cose e farle diventare grandi».
  • Rifiuti
  • Quartiere Libertà
Altri contenuti a tema
Casamassima, 5 mila metri di terreno usati come discarica, scatta il sequestro Casamassima, 5 mila metri di terreno usati come discarica, scatta il sequestro Le indagini sono durate tre mesi e sono state effettuate utilizzando fototrappole e un drone
Bari, campagne come discariche e roghi continui Bari, campagne come discariche e roghi continui L'attività di monitoraggio dei Rangers ha permesso di segnalare nuovi rifiuti abbandonati in diverse aree rurali
Bari, al via la RCU Libertà con giochi e laboratori Bari, al via la RCU Libertà con giochi e laboratori Appuntamento ieri pomeriggio alla Manifattura Tabacchi, successo nonostante la pioggia
"Peroni tour", i volontari di Retake Bari raccolgono 3 mila bottiglie "Peroni tour", i volontari di Retake Bari raccolgono 3 mila bottiglie Il "bottino" ottenuto pulendo Lama San Giorgio, e non c'erano solo quel tipo di rifiuti
Bari, una via del Libertà prende il nome di Stefano Speranza. Fu benefattore del quartiere Bari, una via del Libertà prende il nome di Stefano Speranza. Fu benefattore del quartiere Galasso: «Strade e muri della città è giusto che ricordino i cittadini che l'hanno amata. Il suo insegnamento resta nell'opera dei salesiani»
Capannone in via Napoli utilizzato come discarica abusiva, scattano sequestro e denunce Capannone in via Napoli utilizzato come discarica abusiva, scattano sequestro e denunce La polizia locale ha scoperto una squadra di operai intenta a recuperare rifiuti all'interno della struttura per portarli allo smaltimento
Discarica abusiva in strada San Giorgio Martire, al via gli interventi di bonifica Discarica abusiva in strada San Giorgio Martire, al via gli interventi di bonifica Questa mattina le squadre di Amiu al lavoro per sanare l'intera area oggetto degli sversamenti illegali
Bari, investono anziano sulle strisce pedonali in via Napoli e fuggono Bari, investono anziano sulle strisce pedonali in via Napoli e fuggono L'uomo, 80enne, è stato soccorso dai sanitari del 118. Sul posto è intervenuta la polizia locale per i rilievi
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.