antonio decaro. <span>Foto anci</span>
antonio decaro. Foto anci
Politica

Assistenti civici, il Viminale attacca: «Mai informati». Decaro: «Aiuteranno a tenere unite le comunità»

Polemica sul bando della protezione civile. Il sindaco di Bari e presidente Anci: «Svolgeranno attività simili a quelle effettuate durante l'emergenza»

Scoppia la polemica politica sugli assistenti civici che coadiuveranno amministrazioni comunali e forze dell'ordine nella gestione della fase due dell'emergenza Coronavirus, contribuendo a fornire informazioni ai cittadini sui comportamenti corretti da tenere nei luoghi pubblici, regolamentando l'accesso a parchi e mercati e informando le autorità di sicurezza in casi di emergenza. È pronto a partire il bando della protezione civile che assegnerà 60mila volontari ai comuni italiani (scelti in particolar modo fra chi percepisce il reddito di cittadinanza), voluto dal ministro per le Regioni Francesco Boccia e dal presidente Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro. I soggetti saranno individuati su base volontaria, coordinati come sempre nell'emergenza dalla protezione civile che indica alle regioni le disponibilità su tutto il territorio nazionale e impiegati dai sindaci per attività sociali, per collaborare al rispetto del distanziamento sociale e per dare un sostegno alla parte più debole della popolazione.

Sulla vicenda si è espresso in maniera piccata il Viminale, che parla di decisione presa «Senza preventiva consultazione del ministero dell'Interno». Le attività dei volontari non dovranno «Comportare compiti aggiuntivi per le prefetture e per le forze di polizia», fanno sapere dal ministero dell'Interno.

Se il centrodestra parla di «Ronde per controllare i cittadini», anche il Movimento 5 stelle si interroga sulla questione. Il sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento Castaldi l'ha definita una «Fuga in avanti», del ministro Boccia.

Pronta è arrivata la risposta di Decaro, che in una nota diffusa da Anci scrive: «Quello che sarà pubblicato è un bando della protezione civile per selezionare volontari. Quei volontari che ci hanno aiutato a consegnare la spesa o i medicinali a chi non poteva uscire di casa nella fase di emergenza, e che in questa nuova fase stanno facilitando gli accessi contingentati ai parchi e ai mercati, contando il numero di persone che entrano ed escono o alla riapertura delle spiagge potranno spiegare le regole per l'accesso. Insomma svolgeranno le attività che i volontari hanno svolto in questi mesi tenendo in piedi le nostre comunità. Il bando serve a trovarne di nuovi, visto che – con il progressivo ritorno al lavoro – molti di coloro che si sono prestati nel primo periodo di emergenza, non hanno più la stessa disponibilità di tempo».

«Stiamo progressivamente entrando in una nuova normalità – ha detto Boccia. C'è una graduale ripresa delle attività produttive e i cittadini stanno, giorno dopo giorno, tornando a popolare le città. I Comuni, attraverso Anci, potranno avvalersi del contributo degli 'assistenti civici' per far rispettare tutte le misure messe in atto per contrastare e contenere il diffondersi del virus, a partire dal distanziamento sociale. Dopo le migliaia di domande di medici, infermieri e operatori socio sanitari, arrivate alla protezione civile nel momento maggiore emergenza negli ospedali italiani, ora è il momento di reclutare tutti quei cittadini che hanno voglia di dare una mano al Paese, dando dimostrazione di grande senso civico».
  • Antonio Decaro
  • anci
  • francesco boccia
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid: a Bari leggero aumento dei contagi, prosegue la campagna vaccinale Covid: a Bari leggero aumento dei contagi, prosegue la campagna vaccinale I Comuni con zero contagi sono 16, si confermano 9 quelli con un solo caso settimanale e 10 si attestano in una forbice tra 2 e 5 casi
Bari, da 500 a 1500 euro per le attività colpite dalla crisi Covid Bari, da 500 a 1500 euro per le attività colpite dalla crisi Covid In pubblicazione la nuova misura, ecco chi può accedervi e come presentare domanda
Covid, sono 131 i nuovi positivi in Puglia: nessuno decesso Covid, sono 131 i nuovi positivi in Puglia: nessuno decesso Registrati 39 casi in provincia di Bari. Sono 10887 i tamponi analizzati
Coronavirus, altri 154 casi in Puglia. Il totale dei ricoverati pari a 86 Coronavirus, altri 154 casi in Puglia. Il totale dei ricoverati pari a 86 Lieve aumento delle persone in ospedale anche se i numeri restano sotto controllo
Verso obbligo del green pass. Gimbe: «In questa fase può giocare ruolo cruciale» Verso obbligo del green pass. Gimbe: «In questa fase può giocare ruolo cruciale» Il Governo nelle prossime ore potrebbe emanare un decreto rendendolo necessario per accedere a locali, ristoranti e per viaggiare
SSC Bari, 7 giocatori in ritiro positivi al Coronavirus SSC Bari, 7 giocatori in ritiro positivi al Coronavirus Il Club ha attivato tutte le procedure previste dal protocollo, annullata la prima amichevole
Coronavirus in Puglia, aumentano i positivi. Oggi 139 nuovi casi Coronavirus in Puglia, aumentano i positivi. Oggi 139 nuovi casi Effettuati 7.301 test, i ricoverati scendono però a quota 82 contro gli 85 di ieri
Telemachus, ecco il braccialetto che monitora la diffusione del Covid Telemachus, ecco il braccialetto che monitora la diffusione del Covid Avviata la sperimentazione sul dispositivo medico realizzato da un consorzio guidato dalla società pugliese g-nous
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.