fabio grosso. <span>Foto FC Bari 1908</span>
fabio grosso. Foto FC Bari 1908
Calcio

Spezia-Bari, l’ennesima lezione da imparare

Grosso, tra coraggio e avventatezza, è ancora alla ricerca dell’assetto giusto

«Di solito non parlo ai ragazzi a fine gara. Stavolta l'ho fatto perché sentivo di dover dire una cosa che per me è importante. Ho detto loro che dobbiamo essere bravi a riconoscere le partite e a non farcele scivolare dalle mani. Da questa di oggi, avremmo dovuto portare a casa almeno un punto. Non ci siamo riusciti, nonostante, ripeto, la buona gara. Dovremmo continuare a lavorare su questo. Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare ma purtroppo non abbiamo sfruttato le occasioni». È dimesso Fabio Grosso nel post di Spezia-Bari, partita persa dai biancorossi per 1-0 con una caterva di rimpianti, a cominciare dal goal-partita arrivato con i liguri già in dieci per l'espulsione di Capelli nel finale.

Parla di occasioni non sfruttate il tecnico biancorosso, che stavolta, però, deve cospargersi il capo di cenere e analizzare una gestione della gara insoddisfacente. A cominciare dal rapporto possesso palla/occasioni create: il Bari ha avuto il 53% di controllo sulle operazioni di gioco, creando appena 2 occasioni (entrambe nel primo tempo) e la bellezza di un inquietante 0 nella casella dei tiri nello specchio della porta. Cosa diversa dicasi dello Spezia (fermo al 47% di possesso e quasi sempre nella propria metà campo), che con il goal della domenica di Lopez ha portato al 100% il bilancio tra tiri in porta e goal segnati.

Certo, di traverso ci si è messa una buona dose di sfortuna, perché stando a quanto visto in campo i biancorossi meritavano di strappare almeno un punticino dal Picco. Ma appellarsi solo agli episodi negativi non sarebbe giusto, e Grosso lo sa. Le scelte in attacco sono state senza dubbio sconsiderate: il confine tra il coraggio di Grosso e la sua avventatezza inizia a farsi labile. Se una settimana fa avevamo lodato la sorprendente decisione di gettare nella mischia la coppia freschissima Iocolano-Cissé, stavolta la scelta di mandare in panchina i due funamboli in favore di Brienza e Floro Flores non ha pagato.

Probabilmente nemmeno Grosso si aspettava che il suo amico e collega Fabio Gallo giocasse in casa una partita così difensiva, chiudendo al Bari ogni possibile sbocco offensivo della manovra e rendendo di fatto sterile il possesso. Ed è altrettanto probabile che il tecnico stia cercando di dare più minuti possibile ai suoi tanti attaccanti, per recuperare la condizione e sentirsi importanti nel progetto. Resta, però, il dubbio, perché quando è entrato l'attaccante guineano ha spaccato a metà la difesa chiusissima dello Spezia, provocando l'espulsione di Capelli tanto per dirne una. E anche il rientrante Galano probabilmente andava inserito con qualche minuto di anticipo, prima che la caccia al meritato punticino diventasse disperata.

Un'ennesima lezione, quindi, che il mister barese deve imparare il più in fretta possibile: trovare al più presto possibile una formazione tipo anche in attacco, dove troppo spesso è mancato (vuoi per ritardo di condizione, vuoi per bravura degli avversari) lo spunto decisivo per concretizzare una manovra avvolgente e che in molti suoi ingranaggi (Busellato sempre ineccepibile, solo a tratti Tello e Basha) funziona già discretamente bene. Serve, inoltre, trovare anche una soluzione di gioco che comprenda il reinserimento di Galano, che nel 3-5-2 difficilmente potrebbe fare l'esterno a tutta fascia (la fase di copertura non è il suo forte) e sarebbe sprecato chiuderlo in gabbia nella zona centrale senza dargli la possibilità di partire da destra e accentrarsi col mancino.

Tanti i grattacapi per Grosso, quindi: il suo lavoro merita rispetto e pazienza ma il bisogno di punti inizia a farsi impellente. Quattro sconfitte in sette partite sono tante, tre su altrettante trasferte ancora di più. Ognuna di esse va analizzata e presa con le molle, ma resta il fatto che non è mai bene concedere agli altri troppo vantaggio, specialmente se si punta alla promozione (cosa che, in effetti, non è mai stata dichiarata).

A Grosso però va dato merito di non aver cercato alibi nel post partita, nemmeno aggrappandosi a un arbitraggio indubbiamente mediocre che ha privato il Bari di un rigore solare al 92'. Un atteggiamento maturo che segna un certo distacco dal passato capriccioso che ha contraddistinto le ultime stagioni biancorosse. Siamo certi che non lo farà nemmeno se domenica prossima le cose dovessero andare storte contro l'Avellino, quando tra infortuni e convocazioni nelle varie nazionali mancherà in pratica l'intera difesa. Motivo in più per riversare in Grosso tutta la fiducia che merita.
  • FC Bari 1908
  • Fabio Grosso
  • spezia calcio
Altri contenuti a tema
Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Saranno utilizzati per buoni spesa e libri. Decaro: «Tutti i contributi ricevuti durante l'emergenza sono simboli di speranza»
Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Nella prima parte dell'iniziativa andate a ruba circa mille pezzi, quattro le librerie aderenti. Ecco dove e come acquistarle
Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» La società di Giancaspro contestava il mancato rilascio della licenza nazionale e la non iscrizione alla Serie B 2018/2019
Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma L'ex patron biancorosso, attualmente detenuto, chiede il riesame delle carte e l'iscrizione al prossimo campionato di B
FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro Per l'ex presidente, ancora ai domiciliari, si prefigura anche il reato di bancarotta fraudolenta
Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Una città intera è ripartita dalla Serie D sotto la guida dei De Laurentiis cancellando la delusione del 16 luglio
Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Conclusa l'inchiesta, la Procura di Bari chiede l'archiviazione del caso
FC Bari, non accolta la richiesta di Giancaspro d'iscrizione in Terza categoria FC Bari, non accolta la richiesta di Giancaspro d'iscrizione in Terza categoria Il Consiglio direttivo del Comitato regionale Puglia Lega Nazionale Dilettanti boccia la vecchia società per i troppi debiti
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.