elezioni comunali
elezioni comunali
Cronaca

Voto di scambio, pioggia di denunce. Salvini chiede informazioni, la Procura dice no

Aperti diversi fascicoli d'inchiesta per ogni reato ipotizzato. Gli inquirenti negano l'accesso agli atti al ministro per il segreto istruttorio

Il caso sul sospetto voto di scambio alle ultime elezioni comunali di Bari si allarga. Le ultime indiscrezioni parlano di quattro candidati sotto indagine della Digos della Questura di Bari, ma in Procura nelle ultime settimane sono arrivate moltissime denunce. Gli inquirenti hanno aperto un'indagine per ogni tipologia di denuncia per voto di scambio, suddivise sulla base dei nomi dei candidati che avrebbero offerto denaro, buoni benzina o promesse di altro genere.

In tutti i casi il reato ipotizzato è di corruzione elettorale e i primi nomi sono già stati iscritti nel registro degli indagati. A seguire la vicenda un pool di magistrati baresi specializzati in reati di pubblica amministrazione. La squadra d'inchiesta è al lavoro per ricostruire e accertare le presunte condotte illecite denunciate dagli elettori alle diverse forze di polizia della città, che hanno depositato negli uffici del Tribunale di via Dioguardi altrettante informative. Tutte le indagini, sebbene formalmente separate, sono sotto il coordinamento del procuratore Giuseppe Volpe.

A chiedere informazioni è stato anche il ministro degli Interni Matteo Salvini, a cui però il procuratore di Bari Giuseppe Volpe, ha risposto no perché coperte da segreto istruttorio.

Il ministro dell'Interno dovrà rispondere oggi pomeriggio a una interrogazione parlamentare presentata dal deputato barese Giuseppe Brescia, del Movimento 5 Stelle, e presidente della Commissione Affari costituzionali di Montecitorio.

Intorno alle 16 di ieri è pervenuta, quindi, sulla scrivania del procuratore Volpe la richiesta di informazioni da trasmettere entro poche ore, alla quale però il capo degli uffici inquirenti baresi ha risposto spiegando di non poter fornire quando richiesto, perché le indagini in corso sono tuttora coperte dal segreto istruttorio.
  • Procura di Bari
  • Matteo Salvini
  • Voto di scambio
  • Comunali Bari 2019
Altri contenuti a tema
Morì di stenti a 32 anni, sotto accusa i genitori e il fratello Morì di stenti a 32 anni, sotto accusa i genitori e il fratello La procura ha chiuso le indagini sul decesso di Paola Manchisi, seconda il pm nessuno intervenne
Giovane mamma morta dopo una caduta, Procura di Bari chiede il processo per il compagno Giovane mamma morta dopo una caduta, Procura di Bari chiede il processo per il compagno Il fatto risale a inizio 2018 nel rione Catino. La ragazza, 21 anni, sfondò il vetro di un portone che le recise l'arteria femorale
Estorsioni ai commercianti del San Paolo, restano in carcere i quattro indagati Estorsioni ai commercianti del San Paolo, restano in carcere i quattro indagati Il Tribunale della Libertà ha rigettato la richiesta di riesame della custodia cautelare. Fondamentale la collaborazione delle vittime
Valenzano, cibi scaduti e maltrattamenti nella comunità per minori. Due indagati Valenzano, cibi scaduti e maltrattamenti nella comunità per minori. Due indagati Sotto la lente d'ingrandimento della Procura la direttrice della struttura e un educatore
Estorsioni per assegnare le case popolari e racket agli imprenditori. Dieci arresti nel clan Strisciuglio Estorsioni per assegnare le case popolari e racket agli imprenditori. Dieci arresti nel clan Strisciuglio I malviventi operavano per il sodalizio criminale nei rioni Enziteto e San Pio. Imponevano la loro "legge" alle imprese del nord-ovest barese
Assenteismo all'ospedale di Monopoli, chiuse le indagini della Procura di Bari Assenteismo all'ospedale di Monopoli, chiuse le indagini della Procura di Bari Sotto la lente d'ingrandimento dei magistrati ci sono 46 persone, 13 furono arrestate
Domatore ucciso dalle tigri, fu un suo errore. Gli animali restituiti alla famiglia Domatore ucciso dalle tigri, fu un suo errore. Gli animali restituiti alla famiglia Chiusa l'indagine sulla morte di Ettore Weber. I felini erano stati affidati allo Zoo Safari di Fasano
Costa Ripagnola, la Procura di Bari apre un'inchiesta Costa Ripagnola, la Procura di Bari apre un'inchiesta I carabinieri forestali in Regione per acquisire i documenti relativi alle autorizzazioni a costruire
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.