Silvana
Silvana
Vita di città

«Vivo in un Paese in cui non posso più realizzare il mio sogno»

Scuole di danza nuovamente chiuse dal nuovo DPCM

Chiuse dal primo lockdown di marzo, riaperte tra mille incertezze, le scuole di danza sono state nuovamente costrette alla chiusura forzata dopo il nuovo DPCM, insieme a palestre, piscine e luoghi di benessere fisico (e mentale).

Probabilmente sono situazioni che in tanti trascurano, ignorano, sottovalutano, ma questi spazi rappresentano non solo delle attività imprenditoriali che devono affrontare senza tutele un nuovo, corposo periodo di chiusura, ma anche un luogo di evasione, di libertà espressiva, di crescita personale per chi sogna di lavorare nel mondo della danza. Magari tra tante tragedie, queste passioni potrebbero sembrare di scarsa importanza... Ma per altri significano sogni, lavoro, vita.

Silvana, giovane barese con la passione per la danza e il desiderio di affermarsi lavorativamente in questo settore, ha lanciato uno sfogo che emblematicamente racconta la stessa storia di tanti ragazzi a cui questa situazione sta impedendo di inseguire i propri sogni. Con la vera speranza che l'emergenza Covid-19 sia solo una breve parentesi nelle nostre esistenze.

«Vivo in un Paese in cui non posso più realizzare il mio sogno. Il mio Paese sta cercando di cancellare il mio sogno, di annullarlo e annullare me con lui.
Oggi farò videolezione da casa, in uno spazio di appena 5 metri quadri, accanto al tavolo, la TV e due divani, i miei cari compagni di danza. E questo lo farò oggi, domani, dopodomani e tutti i giorni fino al 24 Novembre, pur sperando che il periodo di reclusione non venga prolungato.
Ma cosa mi rimane della danza? Da settembre ero tornata in sala con una fortissima determinazione a voler migliorare più di quanto non avessi mai fatto. In due mesi ho visto i miei piccoli progressi. Per due mesi ho imparato a fare cose meravigliose. Sbattuta 6 giorni su 7 da casa a scuola di danza e non mi lamentavo, anzi ringraziavo chi me lo permetteva: i miei genitori, i miei insegnanti. C'erano volte in cui anche quel settimo giorno veniva impiegato per allenarsi un po' di più. Due mesi di lavoro e sacrifici. Io non posso piú fare le pirouette, non posso più fare un grand jetté, non posso più fare le capriole o altri movimenti esagerati perché altrimenti andrei a sbattere contro i miei cari compagni di "danza" già suddetti.
Io non posso allenarmi.
Io non posso sognare.
Io non posso lavorare.
E non mi criticate se ogni giorno che passa il mio unico desiderio è quello di scappare via, il più lontano possibile. Voglio vivere in un posto che non cerca di cancellare i miei sogni, ma li coltiva, e questo in Italia non accade.
Vergognatevi non solo per aver ritenuto il mio sogno e il mio lavoro NON ESSENZIALE, ma anche per averlo ANNULLATO.
Io continuerò a combattere».

  • danza
Altri contenuti a tema
Addio a Carla Fracci, a Bari fu madrina della riapertura dell'Auditorium Nino Rota Addio a Carla Fracci, a Bari fu madrina della riapertura dell'Auditorium Nino Rota L'étoile della Scala di Milano se ne va a 84 anni, nel 2011 l'allora sindaco Emiliano le consegnò le chiavi della città
Bari protagonista ai mondiali di sci alpino, grazie alle ballerine volanti di Elisa Barucchieri Bari protagonista ai mondiali di sci alpino, grazie alle ballerine volanti di Elisa Barucchieri Saranno protagoniste della cerimonia di apertura che si svolgerà oggi pomeriggio e andrà in diretta sui RaiDue
Capurso, per la festa della Madonna stasera anche le danze aeree Capurso, per la festa della Madonna stasera anche le danze aeree Proseguono i festeggiamenti con lo spettacolo di Elisa Barrucchieri ed Elena Sofia Ricci
Bari, lo spettacolo della danza aerea sul tramonto del Waterfront Bari, lo spettacolo della danza aerea sul tramonto del Waterfront Lo spettacolo della compagnia ResExtensa ha valorizzato il luogo in un momento speciale
Danze dal mondo, una full immersion al parco Gargasole Danze dal mondo, una full immersion al parco Gargasole L'appuntamento è per stasera alle ore 18 con l'associazione Artidea cultura
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.