Inaugurazione centro anti violenza
Inaugurazione centro anti violenza
Servizi sociali

Violenza su donne e minori, il Comune di Bari inaugura un nuovo centro

Siglato anche protocollo d'intesa con trenta realtà del settore

"Oggi inauguriamo un nuovo presidio particolarmente importante, la Casa della prevenzione e del contrasto alle violenze sui minori e sulle donne, che oltre a sorgere in una periferia della città, sguarnita di spazi sociali, sarà una struttura polifunzionale unica nel suo genere con un centro antiviolenza, un'area formazione per operatori e un presidio di start up di impresa per donne vittime di violenza e in stato di disagio, in grado di offrire anche percorsi stabili di educazione sentimentale ed educazione alle differenze, in rete con le agenzie educative del territorio". Lo ha detto l'assessore al Welfare Francesca Bottalico durante l'inaugurazione, stamattina in strada San Giorgio 21, della nuova sede del Centro Antiviolenza (CAV) del Comune di Bari. All'evento hanno partecipato Antonia Cairo, presidente della cooperativa sociale Comunità San Francesco e Rete dei centri antiviolenza SanFra, Francesco Elia, responsabile POS Attuazione Politiche Sociali Minori e Famiglie - Comune di Bari, Antonio Maria La Scala, avvocato penalista, Marika Massara, coordinatrice del CAV, Antonio Genchi, ufficiale della Polizia di Stato e Tiziana Corti, AP Struttura trasversale Pari Opportunità - Regione Puglia.
Il CAV sarà gestito dalla cooperativa sociale Comunità San Francesco, già attiva da anni nell'ambito del contrasto alla violenza di genere anche attraverso la costituzione della rete dei Centri Antiviolenza SanFra, che coinvolge diversi Comuni pugliesi.
Il Centro Antiviolenza di Bari si propone di diventare un punto di riferimento per il territorio configurandosi come "Casa della prevenzione e del contrasto alle violenze: servizio di ascolto, sostegno e tutela per donne e minori". Saranno offerti, gratuitamente e con il supporto di un'équipe multidisciplinare, diversi servizi, tra cui consulenza e sostegno psicologico, consulenza e accompagnamento legale per le vittime di violenza a cui saranno rivolti anche interventi di supporto pedagogico, accompagnamento e tutoring ai processi di socializzazione e di inclusione. All'attività di pronto intervento si affiancano inoltre il collocamento in Casa Rifugio o in altre strutture del circuito di protezione delle vittime, l'organizzazione e promozione di percorsi di sensibilizzazione, prevenzione e informazione.
L'equipe multidisciplinare specializzata è composta da 4 psicologhe, 2 avvocate, 2 educatrici professionali, 1 assistente sociale.
Mission del servizio non è solo l'intervento emergenziale, riparativo, di presa in carico e sostegno delle vittime, ma, altresì, una strategia di prevenzione, primaria e secondaria, che coinvolge e raccorda, secondo la metodologia di rete, istituzioni, servizi e agenzie educative del territorio.
Nel mese di settembre sarà anche dato avvio al nuovo programma antiviolenza finanziato dalla Regione Puglia, che prevede azioni di diffusione capillare sul territorio, attivazione della rete istituzionale attraverso la strutturazione di protocolli operativi, avviamento di laboratori e borse lavoro per il reinserimento socio-lavorativo delle donne e corsi di formazione per gli operatori.
Nel primo bimestre di attività hanno già contattato il centro 64 donne (4 pronto intervento in emergenza, 33 prese in carico con eventuali invii al centro territorialmente competente, 13 consulenze legali (civili e penali) e 15 percorsi di consulenza psicologica). Ad oggi, quindi, 49 donne hanno richiesto spontaneamente di avvalersi dei servizi del centro e 15 hanno preso contatti su suggerimento dei Servizi sociali o delle Forze dell'ordine.
Inoltre, nei primi due mesi di attività, 5 istituti scolastici si sono rivolti alla struttura comunale per la programmazione di percorsi di sensibilizzazione contro la violenza di genere.
In programma anche l'attivazione di specifici percorsi in favore di minori vittime di violenza assistita, coerentemente con le indicazioni nazionali e le linee guida regionali in materia di maltrattamento e violenza dei minori che prevedono lo stretto raccordo e l'integrazione operativa tra i servizi territoriali competenti e i Centri Antiviolenza e le Case Rifugio.
Attualmente sono già 5 le scuole in cui, da settembre, partiranno gli sportelli di ascolto per adolescenti e preadolescenti. Un percorso che vedrà la Casa della Prevenzione, assieme a 30 diverse realtà attive quotidianamente sui temi del contrasto alle violenze e alle discriminazioni, partire per la creazione di un tavolo cittadino sulla prevenzione strutturando quanto già realizzato in questi anni con la rete generare culture non violente e lavorando con le donne, gli uomini e i specialmente i bambini attraverso la prevenzione e attività sperimentali e di ascolto sul tema della violenza assistita con Save the Children, da oggi partner stabile del Comune su questi temi. Il centro, inoltre, sarà supportato dai servizi di Segretariato sociale e dalle Unità di strada, nonché da tutti i presidi territoriali che offriranno valide antenne territoriali per l'emersione dei bisogni e degli episodi di violenza, specialmente quelli domestici, ancora fortemente sommersi e non denunciati.
La giornata è proseguita con la sottoscrizione del protocollo d'intesa tra il Comune di Bari, e 30 realtà del pubblico e privato sociale, tra nazionali e territoriali, associazioni, enti non profit, strutture e servizi welfare per minori, adulti, giovani e anziani.
Il CAV è raggiungibile dalla stazione centrale e da altri luoghi della città con i mezzi pubblici (12/) e dispone di un parcheggio per le auto. È aperto il lunedì, martedì e giovedì, dalle ore 14.30 alle 18.30, il mercoledì e il venerdì dalle ore 9 alle 13.
Il numero verde 800 20 23 30 è attivo 24 ore su 24: è possibile contattare il servizio anche via mail scrivendo a info@centroantiviolenzabari.it o su facebook in posta privata (pagina facebook: Centro Antiviolenza Bari). Il percorso di sostegno alle vittime si attiva subito dopo aver contattato il Centro Antiviolenza del Comune di Bari ai numeri 800 20 23 30 o 1522 (linea Telefono Rosa nazionale).
receivedreceivedreceived
  • Francesca Bottalico
Altri contenuti a tema
Contrasto alla marginalità adulta, la giunta comunale di Bari approva gli interventi per il 2020 Contrasto alla marginalità adulta, la giunta comunale di Bari approva gli interventi per il 2020 Fondi per oltre 1 milione Bottalico: «Strategia che prende in considerazione non il bisogno immediato ma la presa in carico collettiva»
La Befana solidale all’ospedale pediatrico e al carcere minorile di Bari La Befana solidale all’ospedale pediatrico e al carcere minorile di Bari Raccolti doni e dolciumi per i piccoli pazienti e tute sportive per i giovani detenuti
Bari, il bilancio della attività welfare nel mese di dicembre Bari, il bilancio della attività welfare nel mese di dicembre Mense, docce e assistenza ai bisognosi. Bottalico: «Grazie alla rete siamo gestiamo tutte le situazioni di emergenza»
Lotta alla devianza minorile, dal Comune di Bari arrivano 74mila euro per il Municipio III Lotta alla devianza minorile, dal Comune di Bari arrivano 74mila euro per il Municipio III Pubblicata la graduatoria. Bottalico: «Prevenzione è il modo migliore per prenderci cura dei nostri ragazzi»
Bari, il pranzo di Natale della comunità di Sant'Egidio per i meno fortunati Bari, il pranzo di Natale della comunità di Sant'Egidio per i meno fortunati L'iniziativa al Villaggio del fanciullo. Bottalico: «In questi occhi scopro solitudini ma anche rinascite»
Cinema, teatro e letture animate per bambini: torna Bari social Christmas Cinema, teatro e letture animate per bambini: torna Bari social Christmas Prologo dell'iniziativa promossa dall'assessorato al Welfare la visione di Frozen 2 per oltre 300 giovanissimi dei centri per le famiglie
Bari, i tessuti di scarto del Piccinni diventano prodotti di sartoria Bari, i tessuti di scarto del Piccinni diventano prodotti di sartoria L'iniziativa dello stilista Antonio Marras con la partecipazione di 15 donne dai centri di servizio alle famiglie della città
Inizia una nuova vita per venti donne vittime di violenza, ora studiano e cercano lavoro Inizia una nuova vita per venti donne vittime di violenza, ora studiano e cercano lavoro Le attività di cohousing e inserimento professionale sono finanziate da Regione Puglia e Comune di Bari. Bottalico: «Progetto che risponde ai bisogni in modo innovativo»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.