Ivan Aloisio
Ivan Aloisio
Territorio

Realizzare lana totalmente biologica, colorata con fiori, foglie o bacche, si può. La strana scommessa di un pugliese

'Fortunale' ha ricevuto la prestigiosa certificazione Woolmark Approved Natural Coloration Technology

Il periodo non è dei migliori per pensare ad un maglione, ma l'idea, totalmente biologica, potrebbe rivoluzionare il modo di vestirsi per chi tiene al pianeta e alla salute. Si chiama Fortunale il progetto, tutto pugliese, che mira alla produzione di capi di lana biologica, tinti con fibre vegetali e pensati per essere naturali al 100%. Un'idea innovativa che recupera antiche ricette di coloritura naturale e utilizza più di 200 ingredienti dell'ambiente, come fiori, foglie, bacche e radici per tingere i suoi capi. Dunque, un processo di coloritura privo di qualsiasi prodotto chimico, che ha ricevuto la prestigiosa certificazione Woolmark Approved Natural Coloration Technology. Un nuovo modo di concepire la moda con la produzione di capi in pura lana biologica italiana, disegnati e prodotti da artigiani specializzati italiani. "Uso materia prima di qualità - spiega Ivan Aloisio l'ideatore - come la pura lana biologica italiana, uno dei migliori filati al mondo. La otteniamo da allevamenti in cui le pecore sono rispettate ogni giorno e lasciate pascolare senza pericolosi antiparassitari in prati privi di sostanze inquinanti. Curo ogni dettaglio della produzione di lana e della nutrizione degli animali. Non possiamo permetterci di fare errori. Con cure e attenzioni otteniamo pura lana di altissima qualità, l'unica scelta e selezionata per realizzare i nostri capi. In questa mission ho sposato la filosofia dell'eco-sostenibilità con un capo riciclabile fino all'80 per cento, grazie alla totale assenza di fibre sintetiche e a un packaging realizzato con materiali riciclati e pensato per essere perfettamente riutilizzabile. Da un lato il fascino della moda, dall'altro le problematiche ambientali ad esso connesse, un conflitto che è esploso con la nascita di mio figlio Jacopo. Una gioia immensa, accompagnata da un sempre crescente senso di responsabilità e da un incessante interrogativo: come pensare al suo futuro? Ho deciso, quindi, di ideare e produrre un prodotto originale, in grado di puntare sulla qualità e sul pregio del "made in Italy" e, allo stesso tempo, di rispettare la natura e l'ambiente e tutelare la salute dei consumatori".
  • ecologia
Altri contenuti a tema
Beeta, l'app barese che ti permette di risparmiare sull'energia domestica Beeta, l'app barese che ti permette di risparmiare sull'energia domestica Qualche consiglio per rispettare l'ambiente e far del bene al proprio portafoglio
Ecologia, arriva a Bari la prima panda a Biometano Ecologia, arriva a Bari la prima panda a Biometano La nuova auto alimentata da un combustibile estratto dai reflui fognari è presente al Festival dell'Acqua
Greenpeace e i suoi volontari a Bari Greenpeace e i suoi volontari a Bari La Onlus internazionale in città per sensibilizzare all'utilizzo delle energie rinnovabili
"Bimbimbici", torna la tradizionale pedalata con tante novità "Bimbimbici", torna la tradizionale pedalata con tante novità Pinuccio di Striscia la notizia sarà il super testimonial dell'evento
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.