Palazzo di città Bari
Palazzo di città Bari
Bandi e concorsi

Quasi 1.400 domande in un giorno per il bando Open a Bari, ma tanti gli esclusi

Melchiorre, Ciaula e Picaro scrivono a Decaro: «Necessario inserire le categorie non comprese nei codici Ateco»

Elezioni Regionali 2020
Alle ore 17.30 di ieri, prima giornata di avvio del bando Open Bari, sul sito Openbari.it, sono stati 9.300 i visitatori, 1.366 le domande già approvate, 254 le istanze respinte.

Ma sono diverse le problematiche, stando a quanto denunciano alcuni commercianti che hanno avuto problemi con l'accesso, per non parlare delle molte attività escluse non rientrando nei codici Ateco previsti dal bando.

Dal Comune di Bari sottolineano comunque che, per l'erogazione del contributo a fondo perduto, tutti i dati inseriti vengono controllati e verificati attraverso un sistema di matching con la banca dati della Camera di Commercio. Questa procedura è fondamentale per il corretto esito della domanda e l'accoglimento dell'istanza, ma con l'inserimento di dati non corretti, ad esempio codici ATECO non previsti o errati, numero Partita IVA errati, mq del locale errati, ecc... il sistema rallenta e non chiude la procedura.

E in merito alle categorie escluse, alcuni consiglieri comunali hanno voluto indirizzare una lettera al sindaco per perorare la loro causa: «Chiediamo di voler inserire nel bando Open le seguenti categorie: agenzie immobiliari, studi fotografici, laboratori di lavanderia, agenzie di viaggio, attività artigianali e tutte le altre categorie - scrivono i capigruppo Antonio Ciaula di Forza Italia, Filippo Melchiorre di Fratelli d'Italia e Michele Picaro della Lega - Tale integrazione rappresenterebbe un atto di equità sociale nei confronti delle categorie suddette. Il bando in questione prevede requisiti stringenti e iniqui nei confronti di tutte le partite iva fortemente penalizzate dalla recente pandemia oltre che dalla crisi economica strutturale. In queste ore abbiamo registrato centinaia di proteste da parte di tantissimi baresi ai quali va data una risposta immediata».



  • Comune di Bari
  • Fase 2 Bari
Altri contenuti a tema
"Arene culturali" chiuso il bando del Comune di Bari. Cento risposte pervenute "Arene culturali" chiuso il bando del Comune di Bari. Cento risposte pervenute Alle proposte progettuali valutate positivamente verrà erogato un contributo fino a 8mila euro per organizzare eventi estivi all'aperto
Torre Quetta, il Tar affida la gestione al Comune di Bari Torre Quetta, il Tar affida la gestione al Comune di Bari Decaro: «L’ordinanza di oggi sancisce la correttezza dell'operato del Comune. Purtroppo la stagione è ormai compromessa»
Bari, riparte la navetta per trasporto disabili nel cimitero Bari, riparte la navetta per trasporto disabili nel cimitero La capienza massima del mezzo è pari a quattro persone
Comune di Bari, un bando per i centri estivi che accolgono bimbi fragili e con disabilità Comune di Bari, un bando per i centri estivi che accolgono bimbi fragili e con disabilità Un contributo pari a 690mila euro a beneficio dei gestori delle attività. Sulla base dei punteggi assegnati a ciascuna proposta, la commissione assegnerà il contributo
Spettacoli culturali all'aperto, pubblicato il bando del Comune di Bari Spettacoli culturali all'aperto, pubblicato il bando del Comune di Bari Risorse disponibili per 200mila euro. A ogni operatore contributo massimo di 8mila euro
Comune di Bari, partite le attività ricreative per 150 bambini dai 3 ai 36 mesi Comune di Bari, partite le attività ricreative per 150 bambini dai 3 ai 36 mesi Orari concordati e triage per genitori e figli. Romano: «Dopo il lungo periodo di stop finalmente possono tornare a giocare con i loro coetanei»
Attività culturali negli spazi aperti di Bari, c'è il sì della giunta. A breve il bando Attività culturali negli spazi aperti di Bari, c'è il sì della giunta. A breve il bando L'intervento è finanziato per 200mila euro. Pierucci: «Amministrazione vicina al settore dello spettacolo e degli eventi»
Bari aderisce a "Siamo tutti pedoni", la campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale Bari aderisce a "Siamo tutti pedoni", la campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale Torna anche quest'anno il programma estivo per porre l'attenzione sugli utenti "deboli" della strada
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.