affollamento mezzi pubblici
affollamento mezzi pubblici
Scuola e Lavoro

Affollamenti sui mezzi pubblici in Puglia, una docente scrive a Emiliano: «Implementare trasporto»

Il post sulla bacheca Facebook del presidente regionale: «Scuola in presenza è un diritto da garantire. Non si può tornare a lockdown e Dad»

«Da mesi la preghiamo, la supplichiamo, la imploriamo in tanti, docenti, studenti e genitori della sua Puglia, di implementare i trasporti per consentire ai nostri ragazzi di raggiungere in sicurezza le scuole e ancora non si vedono miglioramenti significativi, nonostante i contagi stiano ormai salendo ogni giorno, e ogni giorno di più». Esordisce così una docente che ha scritto un lungo post sulla pagina Facebook di Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, per esortare il governo regionale a intervenire concretamente sulla questione trasporto pubblico locale, in relazione alla riapertura delle scuole e alla corrente pandemia da Covid-19. In allegato al post, infatti, compaiono fotografie che ritraggono l'affollamento di numerosi studenti sui mezzi di trasporto pubblico, la cui capienza è stata ridotta all'80% senza, però, riuscire a garantire il giusto distanziamento.
affollamento mezzi pubbliciaffollamento mezzi pubbliciaffollamento mezzi pubbliciaffollamento mezzi pubbliciaffollamento mezzi pubbliciaffollamento mezzi pubblici
«Da più parti sentiamo levarsi voci che chiedono la chiusura delle scuole, poiché in tanti temono lo spettro di un nuovo lockdown, disastroso per l'economia e il benessere di tutti; di fronte ad un simile rischio, pare che persino il suo collega Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, abbia avanzato la proposta di riconsegnare alla DAD almeno gli studenti delle superiori - prosegue chi scrive. La scuola, quella vera, in presenza, fatta di conoscenze ed esperienze reali e tangibili, è un diritto per tutti, piccoli, adolescenti e giovani, così come lo è anche la salute».

Il post prosegue: «Non mi pare si stia davvero garantendo alle ultime generazioni parità di accesso all'istruzione, non curandosi, in questi tempi difficili, di assicurare a tutti uguale possibilità di raggiungere e frequentare la scuola in salute e sicurezza. Per esempio, ieri mattina mio figlio non è riuscito ad entrare a scuola a causa di uno "sciopero" promosso dai suoi rappresentanti d'Istituto, giustamente preoccupati per le condizioni disagevoli ed anche pericolose con cui tutti i ragazzi, chi più chi meno, si trovano a convivere, con particolare riguardo ai trasporti pubblici».

La mittente continua: «Nelle scuole del territorio che Lei amministra dirigenti e insegnanti hanno lavorato a lungo e duramente per rendere tutti gli istituti il più possibile luoghi sani e sicuri, sforzi che rischiano di essere vanificati da pullman e treni carichi come carri bestiame. A scuola vedo ragazzi responsabili, generalmente attenti alle regole e ansiosi di preservare il più possibile la salute dei loro cari e dei loro insegnanti, eppure è oggettivamente difficile e faticoso tenere la mascherina all'aperto, per strada, negli spazi antistanti agli istituti, a scuola, per ore e ore e ore. Inoltre, sappiamo tutti che essa è pienamente efficace solo se accompagnata da un adeguato distanziamento sociale. Ora, in tutta onestà, giudichi Lei dalle scene allegate, inviatemi tra ieri e oggi da ragazzi di Noicattaro, Rutigliano, Casamassima, Turi (ma so che la situazione è più o meno pericolosamente identica ovunque), se si stia davvero garantendo la salute pubblica».

Il post recita in conclusione: «La prego, la imploro, la supplico ancora una volta di aggiungere corse alle linee di pullman nonché vagoni ai treni del territorio pugliese, in orario scolastico, di spingere per l'assunzione di controllori che indirizzino i giovani al rispetto delle regole e ne verifichino l'applicazione: presto emergerà che, dalle nostre parti, il contagio si sparge soprattutto per queste vie e allora in tanti dovranno fare i conti con la propria coscienza e le proprie responsabilità».
  • Michele Emiliano
  • Trasporto pubblico
Altri contenuti a tema
Bari, quattro nuove linee con bus elettrici e percorsi preferenziali. Ecco il progetto Bari, quattro nuove linee con bus elettrici e percorsi preferenziali. Ecco il progetto Il sistema BRT (bus rapid transit) prevede due fasi attuative, la prima sarà candidata per accedere a misure statali concesse dal Ministero
Trasporto scolastico, Decaro: «Garantire ristori alle aziende» Trasporto scolastico, Decaro: «Garantire ristori alle aziende» Il sindaco in qualità di presidente Anci avrebbe chiesto un supporto in vista delle perdite dettate dalla necessità di mettere in sicurezza i mezzi
Scuola in Puglia, Emiliano: «Tutti in DDI, per andare in presenza richiesta formale» Scuola in Puglia, Emiliano: «Tutti in DDI, per andare in presenza richiesta formale» Il presidente della Regione Emiliano chiarisce il testo dell'ordinanza emessa ieri
Covid, salgono a due i casi con variante inglese in Puglia Covid, salgono a due i casi con variante inglese in Puglia Il 21 e 22 dicembre sono stati analizzati i tamponi delle due pazienti rientrate dal Regno unito e trovate positive
Regione Puglia, a Michele Emiliano il Cancer Policy Award 2020 Regione Puglia, a Michele Emiliano il Cancer Policy Award 2020 Il riconoscimento: “per la qualità e l’attenzione nel suo impegno a migliorare il processo di presa in carico dei pazienti oncologici”. Il presidente premiato per il secondo anno di fila
Covid, Emiliano: «No alla riapertura delle scuole dal 7 gennaio» Covid, Emiliano: «No alla riapertura delle scuole dal 7 gennaio» Il governatore regionale: «Spero che l'appello dei presidi venga accolto»
Covid, Emiliano annuncia: «Dal 24 dicembre al 7 gennaio Italia zona rossa» Covid, Emiliano annuncia: «Dal 24 dicembre al 7 gennaio Italia zona rossa» Il presidente della Regione Puglia: «Il governo ha pensato di dare un'altra botta alla curva dei contagi»
Xylella, dalla Regione Puglia nuovi indennizzi per gli agricoltori danneggiati dal batterio Xylella, dalla Regione Puglia nuovi indennizzi per gli agricoltori danneggiati dal batterio Emiliano e Pentassuglia: «Misura che si aggiunge a quella dell’erogazione in favore dei Comuni più colpiti di 68 milioni»
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.