asl bari
asl bari
Cronaca

Morì dopo il parto nel 1998, Asl Bari condannata a pagare 2 milioni di risarcimento

Il fatto accadde all'ospedale di Barletta, dove alla 34enne Santa Ricatti non venne applicata una trasfusione di sangue in quanto testimone di Geova

Elezioni Regionali 2020
Il Tribunale civile di Trani (giudice monocratico Luigi Mancini) ha condannato l'Asl Bari al versare oltre 1 milione e 800mila a titolo di risarcimento in favore del marito e delle due figlie della 34enne Santa Ricatti, morta nell'ospedale Umberto I di Barletta il 29 dicembre 1998 poco dopo aver partorito un feto privo di vita.

La vicenda fece molto discutere, in seguito al palleggiamento di responsabilità su una trasfusione di sangue che contravveniva ai precetti della confessione religiosa di Santa Ricatti, testimone di Geova. Il processo penale condannò il ginecologo Antonio Luzzi, che sentì prescritta l'ulteriore accusa mossagli per la morte del feto: un maschio che si sarebbe dovuto chiamare Giuseppe. Si è, invece, appena concluso il processo civile, avviato nel 2012, per il risarcimento dei danni chiesti dai familiari all'Asl.

Il tribunale non ha ritenuto responsabile l'Asl Bat bensì l'Asl Bari, da cui all'epoca dipendeva l'ospedale barlettano. La somma liquidata a vario titolo risarcitorio è al netto dell'importo transatto con l'assicurazione del ginecologo.

Le sentenze penali a carico di Luzzi per la morte della 34enne «Hanno ampiamente accertato la responsabilità nell'aver provocato il decesso della donna» si legge nella sentenza di primo grado emessa dal tribunale di Trani, secondo cui Luzzi dev'esser riconosciuto responsabile anche per il decesso del feto perché «Alla luce del materiale probatorio deve del tutto escludersi che l'evento in questione possa qualificarsi – come invece sostenuto da Luzzi – quale evento imprevedibile ed eccezionale. I consulenti nominati nel corso del procedimento penale ed ascoltati nel corso della istruttoria hanno ampiamente chiarito come Luzzi avrebbe potuto e dovuto individuare i segni della sofferenza fetale ed attivarsi tempestivamente. L'Asl Bari risponde delle conseguenze dell'operato di Luzzi, attribuibili all'azienda sanitaria come frutto di attività alla stessa imputabile».

Tra le voci di risarcimento anche 80mila euro per responsabilità aggravata per condotta processuale: tra l'altro l'Asl/Ba non accolse la proposta conciliativa di 1 milione e 300mila euro formulata dallo stesso giudice «Che, alla luce dell'esito del giudizio, risultava decisamente vantaggiosa e meno onerosa».
  • Asl Bari
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Post Covid-19, l'ospedale di Monopoli torna a pieno regime Post Covid-19, l'ospedale di Monopoli torna a pieno regime Sanguedolce: «La ripartenza coincide con un profondo lavoro di riorganizzazione dell’ospedale secondo i canoni della sicurezza»
Assunzioni Asl Bari, via libera per 56 radiologi Assunzioni Asl Bari, via libera per 56 radiologi Inuovi tecnici saranno assunti a tempo indeterminato in diverse strutture ospedaliere
Festa della musica, al San Paolo si esibisce la band del direttore Asl Bari con Lopalco Festa della musica, al San Paolo si esibisce la band del direttore Asl Bari con Lopalco L'ensemble capitanata da Antonio Sanguedolce in scena nel piazzale dell'ospedale con l'epidemiologo alla chitarra ritmica
Asl Bari, addio agli assembramenti nell'ambulatorio di via Fani: a regime i nuovi percorsi Asl Bari, addio agli assembramenti nell'ambulatorio di via Fani: a regime i nuovi percorsi L'azienda sanitaria locale ha acquisito anche un nuovo immobile in via Giulio Petroni per distribuire meglio i pazienti
Donazione multiorgano al Di Venere, un 61enne salva la vita a due persone Donazione multiorgano al Di Venere, un 61enne salva la vita a due persone La famiglia dell'uomo, deceduto per una grave patologia, ha detto dì all'espianto di fegato e reni
Neuropsichiatria infantile a Bari si reinventa con il lockdown, l'esperienza in remoto in un video Neuropsichiatria infantile a Bari si reinventa con il lockdown, l'esperienza in remoto in un video "Non è solo la sintesi di un percorso, affrontato in un momento difficile, ma è anche il modo di dirsi “grazie” reciprocamente"
Trasporto disabili, dopo il lockdown si riparte a Bari Trasporto disabili, dopo il lockdown si riparte a Bari La Asl ha dato il via libera alla ripresa del servizio in tutte le città della provincia
Putignano, l'ospedale Santa Maria degli Angeli riparte: 76 interventi in una settimana Putignano, l'ospedale Santa Maria degli Angeli riparte: 76 interventi in una settimana L'attività di ambulatorio e i ricoveri tornano a pieno regime. Ultimo reparto completamente riattivato è Ortopedia
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.