alessandro zan
alessandro zan
Politica

Legge contro omotransfobia, l'onorevole Zan da Bari: «Identità di genere concetto inclusivo»

Il deputato Pd firmatario del Ddl in discussione alla Camera: «Importante che queste definizioni entrino nel codice penale»

Il deputato del Partito democratico Alessandro Zan ieri è stato ospite in piazza Umberto di un incontro promosso dal coordinamento Bari pride per discutere della legge contro omobitransfobia, arrivata a luglio all'ordine del giorno alla Camera e che porta proprio il nome di Zan come primo firmatario. Un momento di riflessione dopo i fatti di Caivano, dove la giovane Paola Maria Gaglione è stata uccisa dal fratello che non accettava la sua relazione con Ciro Migliore, ragazzo transgender.

«Nel Ddl c'è stato un tentativo molto forte di togliere la definizione di "identità di genere", ma noi ci siamo messi di traverso - ha detto Zan incontrando le associazioni Lgbtqi. Nella legge non c'è scritto "orientamento omosessuale" o "sesso femminile", ma c'è scritto "sesso", "orientamento sessuale" e "identità di genere". La persona non è solo questione genitale, ma è anche cuore, talento; la persona ha il diritto di definirsi secondo la propria identità, che è importante venga riconosciuta dalle istituzioni. È la prima volta che "orientamento sessuale" e "identità di genere" entrano nel codice penale; la legge sarà approvata perché le istituzioni riconoscano e tutelino le differenze in una società multiculturale».

Il deputato padovano ha spiegato che «Il comitato per la legislazione, che controlla l'applicazione della legge, ci ha costretti a inserire delle definizioni. Abbiamo voluto, sull'identità di genere, dare una definizione un'identificazione in relazione al genere, includendo una vastità di figure in un approccio non binario ma inclusivo».

Entrando nel merito della vicenda di Caivano, Zan ha ricordato: «Ciro, un ragazzo che ha iniziato una transizione, è stato discriminato per l'identità di genere che non rispondeva al sesso di nascita. Con l'identità di genere dobbiamo includere tutte le persone, anche quelle che non hanno concluso un percorso di transizione».

In conclusione, l'esponente Dem ha aggiunto: ««Anche dentro la maggioranza ci sono lunghissime discussioni, ma quando sei convinto della bontà di una cosa alla fine riesci a convincere anche chi è più diffidente. La partita è difficile ma non vogliamo indietreggiare di un millimetro».
  • Comunità LGBTQI
Altri contenuti a tema
Bonus matrimoni, Gay center attacca la Regione Puglia: «Non vale per coppie omosessuali» Bonus matrimoni, Gay center attacca la Regione Puglia: «Non vale per coppie omosessuali» La risposta del dirigente di Pugliapromozione Luca Scandale: «Un bando aperto anche alle unioni civili»
Il Bari pride ai tempi del Covid-19, la manifestazione "statica" in piazza Libertà Il Bari pride ai tempi del Covid-19, la manifestazione "statica" in piazza Libertà Tema di quest'anno è il ddl Zan contro l'omo-bi-transfobia. Il portavoce Nigri: «Chiediamo approvazione senza "mutilazioni"»
Oggi il Bari pride, limitazioni al traffico in piazza Libertà Oggi il Bari pride, limitazioni al traffico in piazza Libertà Evento "statico" previsto a partire dalle ore 18
Bari, cambiano i nomi delle strade, ora c'è anche quella di Lorenzo Varichina Bari, cambiano i nomi delle strade, ora c'è anche quella di Lorenzo Varichina Nella notte alcuni attivisti lgbtqi+ hanno aggiunto alle targhe originali quelle dedicate a George Floyd o Elisa Pomarelli
Bari pride 2020, il 18 luglio manifestazione "statica" in piazza Prefettura Bari pride 2020, il 18 luglio manifestazione "statica" in piazza Prefettura Gli organizzatori hanno comunicato la location per l'evento, che si svolgerà rispettando la normativa anti-Covid
Bari pride, la manifestazione "statica" spostata al 18 luglio Bari pride, la manifestazione "statica" spostata al 18 luglio Slittamento di un giorno per consentire una maggiore partecipazione
A luglio torna il Bari Pride, ma in forma "statica" causa Covid-19 A luglio torna il Bari Pride, ma in forma "statica" causa Covid-19 Appuntamento per il prossimo 17 luglio, legata all'evento anche una mostra itinerante
Bari ha un consigliere delegato alle attività LGBTQI, è Nicola Biancofiore Bari ha un consigliere delegato alle attività LGBTQI, è Nicola Biancofiore Per la prima volta l'amministrazione decide per una nomina ad hoc: «Forte il senso di responsabilità per un compito fondamentale e durissimo»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.