Pomeriggio Cinque
Pomeriggio Cinque
Cronaca

Eredità contesa tra fratelli a Gravina di Puglia, aggredito dal parroco in chiesa

Il sacerdote avrebbe avuto un ruolo importante nel convincere i genitori a firmare un documento a favore di uno dei figli

Un milione di euro di eredità contesa tra 11 fratelli finisce in rissa in chiesa. Succede a Gravina di Puglia, dove il parroco della chiesa, Don Saverio, avrebbe avuto una parte importante della vicenda, costringendo i genitori a firmare un documento a favore di uno solo dei figli. Questo è quanto hanno raccontato a Barbara D'Urso durante Pomeriggio 5 tre dei fratelli coinvolti nella vicenda, uno dei quali, Vito Lacarpia, sostiene anche di essere stato picchiato dal sacerdote lo scorso dicembre, quando si era recato in chiesa per dei chiarimenti e per convincere il religioso a stracciare quanto aveva obbligato a firmare a sua madre.

Il sacerdote dal canto suo si difende, sostenendo di aver solo cercato da fare da paciere nella famiglia, divisa dai litigi a causa proprio dell'eredità.
  • Canale 5
Altri contenuti a tema
All'Isola dei famosi la baresità di Sarah Altobello e i ricci di mare All'Isola dei famosi la baresità di Sarah Altobello e i ricci di mare La showgirl, protagonista del pomeriggio con la D'Urso, è uno dei naufraghi dell'edizione di quest'anno
Una barese ad “Avanti un altro”, balla con Bonolis e diverte il pubblico Una barese ad “Avanti un altro”, balla con Bonolis e diverte il pubblico Torna a casa a mani vuote certa, però, di aver regalato un allegro momento di “baresità” ai telespettatori
Madre ex alcolista di Bari riabbraccia le figlie da Maria De Filippi Madre ex alcolista di Bari riabbraccia le figlie da Maria De Filippi Storia a lieto fine per una famiglia della nostra città ieri sera in diretta nella prima puntata stagionale di "C'è Posta Per Te"
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.