oggi il taglio del nastro di Villa Artemisia
oggi il taglio del nastro di Villa Artemisia
Servizi sociali

Da quartier generale della mafia a residenza sociale, inizia oggi la nuova vita di Villa Artemisia

L'immobile a Santo Spirito è stato inaugurato questa mattina dal ministro Lamorgese. Ospiterà un bistrot e un b&b gestito dai giovani in cerca di riscatto

Villa Artemisia, l'ex quartiere generale del boss mafioso Lanzarotto nel rione Santo Spirito, diventa una residenza sociale affidata dal Comune di Bari alla cooperativa Caps, per offrire un'occasione di riscatto sociale ai giovani delle comunità di recupero. Questa mattina, alla presenza della ministra dell'Interno Lucia Lamorgese, il sindaco Antonio Decaro, accompagnato dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dal prefetto di Bari Marilisa Magno, ha inaugurato il nuovo spazio polifunzionale Artemisia, riconsegnato alla cittadinanza come luogo di inclusione sociale, bistrot e bed&breakfast.

Il progetto di riqualificazione e gestione è in capo alla cooperativa sociale Caps che, dopo aver richiesto, nel 2001, l'affidamento del bene confiscato alla criminalità, ha avviato una serie di progetti volti alla valorizzazione dell'edificio sia sotto il profilo fisico sia sociale, candidando di volta in volta il bene a una serie di iniziative promosse da vari enti per sostenere percorsi di antimafia sociale, a partire dal riutilizzo sociale dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

Il progetto Artemisia, infatti, così come è oggi, è stato sostenuto da Fondazione con il Sud (Iniziativa Beni Confiscati 2013), Regione Puglia (POR Puglia FESR FSE 2014-2020), Comune di Bari (URBIS PON Metro 2014-2020), Fondo di Beneficenza Intesa San Paolo e Ikea Italia. La villa oggi ospita un bed&breakfast, un bistrot, diversi spazi per la socializzazione, oltre ad essere un punto di riferimento per i giovani di Care Leavers impegnati in un progetto di riscatto sociale.

«Rinnovo il ringraziamento al ministro che oggi è qui con noi, al prefetto, e al Caps che ha seguito un iter estremamente complesso per dare corpo a questo progetto che oggi restituisce un bene confiscato alla collettività - ha dichiarato il sindaco Antonio Decaro -. Questo luogo è un simbolo di un periodo oscuro della nostra città, la Bari degli anni '90, quando qui venne Antonello Lazzarotto che decise di instaurare relazioni criminali con le cosche locali e la 'ndrangheta, mettendo in piedi un traffico internazionale di droga con proventi che arrivavano fino a mezzo miliardo al giorno. Questa villa purtroppo era frequentata anche dalla Bari bene, in un momento in cui la nostra città era ostaggio dei clan Parisi, Strisciuglio e Capriati. Certamente i clan esistono ancora, ma sono stati fortemente indeboliti dal lavoro straordinario svolto in questi anni dalle forze dell'ordine e dalla magistratura, che torno a ringraziare a nome della nostra città».

Secondo Decaro «Oggi esiste una nuova consapevolezza rispetto ai danni che la cultura criminale ha causato al nostro territorio, ed è bello che un simbolo, un tempo negativo, sia diventato un simbolo positivo, che parla di riscatto e di possibilità di un futuro diverso: i ragazzi che gestiranno questo luogo hanno perso i loro legami familiari qualche anno fa ma, grazie allo Stato, nei prossimi mesi ritroveranno qui la loro famiglia nei volti delle persone che frequenteranno il bistrot e il b&b di Villa Artemisia».

Il sindaco, infine, si concentra sulla destinazione dei beni una volta appartenuti alla criminalità: «Approfitto della presenza del ministro Lamorgese - continua Decaro per condividere due brevi riflessioni sui beni confiscati alle mafie: la prima riguarda la necessità di semplificare le regole per l'uso di questi beni, la seconda è legata alla convinzione che questi beni non si debbano vendere per alimentare un fondo nazionale ma debbano essere messi a disposizione della comunità che ha sofferto della presenza di quelle forze criminali sul proprio territorio. Vorremmo utilizzare in maniera opportuna questi beni destinandoli, ad esempio, alle persone in emergenza abitativa, alle associazioni che operano nel welfare, ai progetti di antimafia sociale o di reinserimento lavorativo. Tutte attività che arricchiscono il nostro territorio e rafforzano la nostra comunità attraverso quella cura dei luoghi e delle persone che viene valorizzata».

In allegato la presentazione con la storia di villa Artemisia e il progetto di riconversione.
  • Antonio Decaro
  • Santo Spirito
Altri contenuti a tema
Festa della Repubblica, Decaro a Roma con Mattarella: «L'Italia saprà mettersi alle spalle la crisi» Festa della Repubblica, Decaro a Roma con Mattarella: «L'Italia saprà mettersi alle spalle la crisi» Il sindaco di Bari e presidente Anci insieme alle alte cariche dello Stato ha partecipato alla cerimonia solenne all'Altare della patria
Bari non dimentica, un albero di tiglio per le vittime del Covid-19 Bari non dimentica, un albero di tiglio per le vittime del Covid-19 Accolto l'appello dei cittadini, la pianta sarà anche a ricordo di chi ha lottato contro la pandemia
Coronavirus, a Bari restano 56 i contagiati. Decaro: «Movida? Con i locali aperti è normale» Coronavirus, a Bari restano 56 i contagiati. Decaro: «Movida? Con i locali aperti è normale» Il sindaco interviene a Domenica In: «Abbiamo avuto problemi negli ultimi due venerdì, in questa città col caldo si va verso il mare»
Il Comune di Bari ringrazia i volontari dell'emergenza Covid, Decaro: «Ho promesso una festa» Il Comune di Bari ringrazia i volontari dell'emergenza Covid, Decaro: «Ho promesso una festa» Il sindaco e l'assessore Bottalico rivolgono un pensiero a chi ha aiutato le persone in difficoltà: «Sono stati gambe e cuore della città»
A Bari tornano le unioni civili con invitati, Decaro scherza: «Vi potete baciare, a distanza» A Bari tornano le unioni civili con invitati, Decaro scherza: «Vi potete baciare, a distanza» Stamattina il primo rito, officiato dal sindaco, dopo l'annullamento del lockdown per la pandemia da Covid-19
Il Governo promette altri tre miliardi ai comuni, Decaro: «Ora vogliamo i fatti» Il Governo promette altri tre miliardi ai comuni, Decaro: «Ora vogliamo i fatti» Il premier Conte e il ministro Boccia in videoconferenza con dodici sindaci metropolitani. Il presidente Anci: «Presentati cinque punti fondamentali»
Bari, arriva la nuova illuminazione al Villaggio Trieste. Decaro: «Ora strade e giardini» Bari, arriva la nuova illuminazione al Villaggio Trieste. Decaro: «Ora strade e giardini» Ieri sera l'accensione delle lampade installate di recente. Il sindaco: «Impegno preso 14 mesi fa»
Lavori in dirittura d'arrivo per piazza Redentore, Decaro: «Spazio completamente pedonale» Lavori in dirittura d'arrivo per piazza Redentore, Decaro: «Spazio completamente pedonale» Il sindaco: «Completata la pavimentazione, mancano dolo panchine e area giochi per bambini. Nella ex manifattura ci sarà il Cnr»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.