savino parisi
savino parisi
Cronaca

Clan Parisi a processo per le estorsioni, pena ridotta per il boss Savinuccio

Confermate trenta condanne in appello. Il capo dell'organizzazione sconterà sei anni invece di dieci

Elezioni Regionali 2020
Nel processo di secondo grado per le presunte estorsioni perpetrate dal clan mafioso Parisi nei confronti di alcuni imprenditori edili, la Corte d'Appello di Bari conferma trenta condanne ma riduce da dieci a sei anni di reclusione la pena per il boss Savinuccio. Anche altri 17 imputati hanno visto una sentenza meno "severa" rispetto al primo grado.

Fra questi ci sono Michele e Giuseppe Parisi, fratelli del boss di Japigia: per loro pene ridotte da 20 a 14 anni di reclusione in un cado, e da 13 anni e 4 mesi a 11 anni nel secondo. "Scendono" da 9 anni e 4 mesi a 5 anni le condanne comminate al boss Eugenio Palermiti e a Battista Lovreglio, pluripregiudicato.

La Corte d'Appello di Bari ha, inoltre, disposto l'assoluzione «Perché il fatto non sussiste» per Francesco Latorre, imprenditore accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. In primo grado, con il rito abbreviato, l'uomo era stato condannato alla pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione. Confermate, invece, le condanne al risarcimento dei danni alle costituite parti civili: il Comune di Bari, Confindustria Bari, Fai Antiracket di Molfetta, Ance, Arca e sei imprenditori.

I fatti oggetto di processo si sarebbero consumati nel quinquennio 2010-2015. Gli imputati rispondono, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, detenzione e porto di armi, lesioni personali, violazione di domicilio, invasione di terreni ed edifici, furto, illecita concorrenza con minaccia e violenza, favoreggiamento.

Le indagini della squadra mobile della Questura di Bari, coordinate dalla Dda di Bari, nel marzo 2016 condussero all'arresto di trenta persone nel blitz cosiddetto "Do ut des". Altri 19 imputati, tra i quali il figlio cantante del boss, Tommy Parisi, e cinque imprenditori, sono attualmente a processo per gli stessi fatti con il rito ordinario.
  • clan parisi
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Troppi avvocati in aula, rinviata udienza sulla Popolare di Bari Troppi avvocati in aula, rinviata udienza sulla Popolare di Bari Il processo è stato spostato al 24 settembre nell'aula bunker nel plesso di giustizia di Bitonto
Banca popolare di Bari, mille azionisti pronti a chiedere i danni a Jacobini Banca popolare di Bari, mille azionisti pronti a chiedere i danni a Jacobini Inizia oggi il processo nei confronti di padre e figlio che gestivano l'istituto di credito pugliese
Uccisero un 24enne in un finto incidente per truffare l'assicurazione, tre condanne a 30 anni Uccisero un 24enne in un finto incidente per truffare l'assicurazione, tre condanne a 30 anni I fatti risalgono al 2016, quando uno degli imputanti investì la vittima in un falso sinistro stradale sulla provinciale Adelfia-Cassano
Popolare di Bari, il Tribunale reintegra il dirigente che accusò i due Jacobini Popolare di Bari, il Tribunale reintegra il dirigente che accusò i due Jacobini Il giudice ha accolto il ricorso, dichiarando non valido il licenziamento del 2016
Sala bingo Ambassador Bari a rischio chiusura, i lavoratori protestano davanti al Tribunale Sala bingo Ambassador Bari a rischio chiusura, i lavoratori protestano davanti al Tribunale Stamattina la manifestazione degli impiegati all'esterno del palazzo di giustizia di piazza Enrico de Nicola
Nuovo procuratore aggiunto al tribunale di Bari è Giuseppe Maralfa Nuovo procuratore aggiunto al tribunale di Bari è Giuseppe Maralfa Originario di Molfetta, è stato nominato all'unanimità dal Consiglio Superiore della Magistratura
Due anni fa il Tribunale di Bari si trasferiva nelle tende, il video della Camera penale Due anni fa il Tribunale di Bari si trasferiva nelle tende, il video della Camera penale Le immagini di quei giorni: «Ad oggi siamo ancora nel disagio, la crisi Covid ha evidenziato i limiti delle soluzioni adottate»
Tribunale di Bari evacuato per allarme antincendio Tribunale di Bari evacuato per allarme antincendio Forse all'origine della errata segnalazione c'è il forte vento. Situazione ora tornata alla normalità
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.