savino parisi
savino parisi
Cronaca

Clan Parisi a processo per le estorsioni, pena ridotta per il boss Savinuccio

Confermate trenta condanne in appello. Il capo dell'organizzazione sconterà sei anni invece di dieci

Nel processo di secondo grado per le presunte estorsioni perpetrate dal clan mafioso Parisi nei confronti di alcuni imprenditori edili, la Corte d'Appello di Bari conferma trenta condanne ma riduce da dieci a sei anni di reclusione la pena per il boss Savinuccio. Anche altri 17 imputati hanno visto una sentenza meno "severa" rispetto al primo grado.

Fra questi ci sono Michele e Giuseppe Parisi, fratelli del boss di Japigia: per loro pene ridotte da 20 a 14 anni di reclusione in un cado, e da 13 anni e 4 mesi a 11 anni nel secondo. "Scendono" da 9 anni e 4 mesi a 5 anni le condanne comminate al boss Eugenio Palermiti e a Battista Lovreglio, pluripregiudicato.

La Corte d'Appello di Bari ha, inoltre, disposto l'assoluzione «Perché il fatto non sussiste» per Francesco Latorre, imprenditore accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. In primo grado, con il rito abbreviato, l'uomo era stato condannato alla pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione. Confermate, invece, le condanne al risarcimento dei danni alle costituite parti civili: il Comune di Bari, Confindustria Bari, Fai Antiracket di Molfetta, Ance, Arca e sei imprenditori.

I fatti oggetto di processo si sarebbero consumati nel quinquennio 2010-2015. Gli imputati rispondono, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, detenzione e porto di armi, lesioni personali, violazione di domicilio, invasione di terreni ed edifici, furto, illecita concorrenza con minaccia e violenza, favoreggiamento.

Le indagini della squadra mobile della Questura di Bari, coordinate dalla Dda di Bari, nel marzo 2016 condussero all'arresto di trenta persone nel blitz cosiddetto "Do ut des". Altri 19 imputati, tra i quali il figlio cantante del boss, Tommy Parisi, e cinque imprenditori, sono attualmente a processo per gli stessi fatti con il rito ordinario.
  • clan parisi
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Estorsioni e traffico di droga, 36 condanne nei clan Strisciuglio e Mercante Estorsioni e traffico di droga, 36 condanne nei clan Strisciuglio e Mercante Concluso il processo di primo grado. Le pene più alte per Alessandro De Bernardis e Domenico De Caro, a processo anche Pinuccio "u drogat"
Comunicare ed informare, a Bari l'incontro tra avvocati e giornalisti Comunicare ed informare, a Bari l'incontro tra avvocati e giornalisti Un seminario per avvicinare le due professioni e per fornire strumenti utili ed esperienze concrete
Bari, si parla di marketing legale e litigation PR in tribunale Bari, si parla di marketing legale e litigation PR in tribunale L'evento è organizzato dall'Ordine degli Avvocati insieme a Ferpi, appuntamento alle 15
Tribunale di Bari, il detenuto perde le staffe durante l'udienza. Sei agenti in ospedale Tribunale di Bari, il detenuto perde le staffe durante l'udienza. Sei agenti in ospedale La denuncia del sindacato di polizia penitenziaria: «Non siamo carne da macello per i carcerati»
Bari, omicidio Sciannimanico, confermato l'ergastolo per l'assassino Bari, omicidio Sciannimanico, confermato l'ergastolo per l'assassino La Corte d'assise d'appello di Bari non concede le attenuanti dopo la parziale confessione
Bari, abusi sui figli minori, padre condannato a 14 anni Bari, abusi sui figli minori, padre condannato a 14 anni Nella stessa sentenza 4 anni alla madre, i bambini all'epoca dei fatti avevano un'età compresa tra 7 e 10 anni
Omicidio Vessio a Enziteto nel 2014, condannato a 10 anni l'assassino Omicidio Vessio a Enziteto nel 2014, condannato a 10 anni l'assassino Durante il processo con rito abbreviato è stata riconosciuta l'aggravante mafiosa al clan Strisciuglio. Fondamentali le dichiarazioni dei pentiti
Uccise l'ex compagna e nascose il corpo nell'armadio, condannato a 22 anni Uccise l'ex compagna e nascose il corpo nell'armadio, condannato a 22 anni I fatti risalgono al 2017. Il cadavere venne ritrovato avvolto in un telo di chellophane e in un tappeto
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.