Un'edicola
Un'edicola
Vita di città

Certificati in edicola a Bari, da oggi è realtà

I chioschi diventano "centri di servizio al cittadino" a supporto del servizio anagrafe online

Le edicole di Bari diventano "centri di servizio al cittadino", consentendone la funzione di servizi anagrafici decentrati per il rilascio di certificati comunali.

Il Comune di Bari aderisce al protocollo d'intesa tra Anci e Fieg, nato con l'obiettivo di salvaguardare le edicole presenti sul territorio nazionale attraverso un percorso di riqualificazione e ridefinizione del ruolo e della funzione dei tradizionali punti vendita della stampa, che ne favorisca sia l'ammodernamento sia la trasformazione in luoghi di riferimento per la comunità locale e punti di accesso a una serie di servizi.

Nel provvedimento approvato dalla giunta comunale si stabilisce che, per lo svolgimento dell'attività prevista, gli edicolanti potranno percepire un importo pari a 2,50 euro per ogni certificato emesso, fermo restando il pagamento del costo dell'imposta di bollo, se dovuta, mentre nulla sarà dovuto alla amministrazione comunale. La ripartizione Innovazione tecnologica ha già predisposto le apposite funzionalità della piattaforma egov.ba.it, necessarie all'attuazione della convenzione con le edicole che vorranno aderire alla sperimentazione.

Il sistema va ad integrare l'attuale possibilità del cittadino di usufruire dei servizi online. Ad oggi, infatti, in Puglia il 30% delle famiglie non dispone di un accesso ad Internet e solo il 40,2% della popolazione in età superiore ai 3 anni è in grado di accedere ed utilizzare un pc: pertanto il provvedimento adottato in giunta prevede l'abilitazione delle edicole presenti sul territorio al rilascio di certificati anagrafici, con la duplice finalità di costituire una rete capillare di punti autorizzati presso i quali il cittadino può svolgere velocemente alcune operazioni senza doversi recare agli sportelli comunali e di incrementare la gamma di servizi offerti dai titolari delle edicole cittadine ai propri clienti.

«L'accordo con i titolari delle edicole credo rappresenti un esempio virtuoso di collaborazione pubblico-privato - spiega Eugenio Di Sciascio -. Grazie agli strumenti telematici messi a disposizione dall'amministrazione comunale riusciremo a conseguire un duplice obiettivo: da un lato consentire ai cittadini di disporre nelle vicinanze della propria abitazione di un punto dove ottenere il rilascio di una serie di certificati in maniera agevole e veloce, dall'altro sostenere la presenza delle edicole, che rappresentano un punto di riferimento e un presidio importante nella nostra città. Ovviamente chi non volesse utilizzare tale servizio potrà continuare a rivolgersi agli uffici Anagrafe oppure ad utilizzare, comodamente da casa, i servizi di e-government messi a disposizione per il rilascio di certificati, se muniti delle credenziali SPID che possono essere ottenute gratuitamente».

«I certificati anagrafici si potranno ritirare anche presso le edicole della nostra città - dichiara Michelangelo Cavone, presidente del Consiglio Comunale - Sono particolarmente orgoglioso di questo traguardo raggiunto in quanto frutto di un percorso fatto di numerosi incontri prima con il sindacato Sinagi e successivamente con il sindaco Antonio Decaro che ha accompagnato il percorso già nella passata legislatura. Abbiamo raggiunto un duplice risultato: aiutare gli edicolanti, una categoria in grande difficoltà; agevolare i cittadini che potranno ritirare i certificati dall'edicola più vicina. Ringrazio il vicesindaco Di Sciascio per aver colto questa opportunità».

  • Comune di Bari
Altri contenuti a tema
Integrazione natura-cultura, parte il tavolo tecnico fra Comune, Regione e Federparchi Integrazione natura-cultura, parte il tavolo tecnico fra Comune, Regione e Federparchi Tra le prime proposte c'è la valorizzazione del faro costiero di San Cataldo e dei percorsi turistici come la via francigena
Visita del Papa a Bari, il Comune attiva un call center dedicato Visita del Papa a Bari, il Comune attiva un call center dedicato Il servizio dell'ufficio relazioni con il pubblico per l'evento "Mediterraneo frontiera di pace"
Muvt, a Bari rimborso chilometrico anche per fuorisede e per chi ha già una bici Muvt, a Bari rimborso chilometrico anche per fuorisede e per chi ha già una bici Estesa la sperimentazione, online sul sito del comune il bando per poter partecipare. Obiettivo aumentare l'utilizzo delle due ruote
Bari "esporta" Spazio13. Pronta un'esperienza analoga a Bergamo Bari "esporta" Spazio13. Pronta un'esperienza analoga a Bergamo I due comuni hanno vinto il bando dell'Anci che ha l'obiettivo di far viaggiare le buone pratiche fra città
Discarica abusiva a Ceglie, il Comune di Bari parte civile al processo Discarica abusiva a Ceglie, il Comune di Bari parte civile al processo L'area di 700 mq veniva utilizzata come deposito per rifiuti speciali, Petruzzelli: segnale a tutti quelli che pensano che le campagne della città siano terra di nessuno
Bari, arrivano i pali con luce a led in via Tatarella Bari, arrivano i pali con luce a led in via Tatarella L'intervento per un importo di 250mila euro sarà terminato in due settimane
Contributi del comune di Bari alle associazioni, ecco l'elenco Contributi del comune di Bari alle associazioni, ecco l'elenco Si tratta di sessanta soggetti che dovranno spartirsi in totale circa 400mila euro
Due immobili a Mungivacca e Catino da destinare a iniziative sociali, c'è il bando Due immobili a Mungivacca e Catino da destinare a iniziative sociali, c'è il bando Si tratta dell'ex Cnipa e dell'ex Debar. Possono partecipare persone fisiche e giuridiche, imprenditori e commercianti
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.