Centro ludico
Centro ludico
Servizi sociali

Centri ludici, le famiglie promuovono il servizio. Chiesti orari d'apertura più lunghi

Media di 4.73 risposte positive su un massimo di 5. Bottalico: «Un'attività riconosciuta come buona prassi dal Ministero dell'Interno»

È positivo l'esito dell'indagine svolta su 33 famiglie utenti dei due Centri ludici per la prima infanzia di Bari, ubicati uno all'interno del parco don Tonino Bello, a Poggiofranco, l'altro negli spazi della ex scuola Melo, al Libertà. L'indagine è stata condotta attraverso un questionario strutturato su 5 domande, alle quali gli intervistati potevano rispondere utilizzando una scala di valutazione da 1 a 5, esprimendo il proprio gradimento sui diversi aspetti del servizio (adeguatezza spazi, didattica e atri parametri simili).

Il risultato ha rilevato una soddisfazione media pari a 4.73, evidenziandone il generale livello di gradimento del servizio. Tra i suggerimenti di miglioramento proposti figurano la possibilità di ampliare gli attuali orari di apertura, anticipandone l'avvio alle 8 e posticipandone la chiusura alle 14, per consentire ai genitori che lavorano di coniugare al meglio i tempi di vita/lavoro, e la richiesta di realizzare uno spazio all'aperto presso il centro ludico del Libertà, che allo stato non ne dispone.

«Sono particolarmente soddisfatta dei risultati raggiunti da un servizio avviato solo di recente in via sperimentale a Bari, che in pochi anni non solo ha riscosso grande apprezzamento tra le famiglie beneficiarie, ma è stato anche riconosciuto come buona prassi dal Ministero dell'Interno - dichiara l'assessora al Welfare Francesca Bottalico. In questi anni i due centri ludici per la prima infanzia, cui si è affiancato l'avvio dell'esperienza della Casa delle bambine e dei bambini, hanno permesso di potenziare la programmazione degli interventi gratuiti in favore dei più piccoli (0-3 anni) grazie a un forte investimento del Welfare che ha scelto di puntare sulla cura dell'infanzia e sul sostegno ai neogenitori e alle famiglie in difficoltà. A settembre siamo pronti a partire con un nuovo progetto dedicato alla dimensione della genitorialità consapevole, che seguirà le donne dal concepimento al post gravidanza. Il mio auspicio è che, d'intesa con l'assessorato ai Lavori pubblici, si possano programmare alcuni piccoli interventi dedicati al centro nella ex scuola Melo per allestire uno spazio esterno e realizzare piccoli interventi di manutenzione, oltre all'efficientamento energetico degli spazi educativi».

Di seguito i quesiti posti e la media aritmetica calcolata sulle risposte:

· Come valuta complessivamente la qualità degli spazi e comfort del centro (pulizia, facilità di accesso, climatizzazione degli ambienti, adeguatezza degli spazi)?
4.73
· Come valuta la qualità complessiva dei servizi offerti (varietà delle attività programmate, originalità e creatività, interesse e divertimento)?
4.94
· Come valuta l'affidabilità, competenza, disponibilità e cortesia del personale addetto? 4.91
· Come valuta la tempestività e prontezza del servizio da lei fruito (giorni / orari di apertura, puntualità nell'apertura del centro e nello svolgimento delle attività?
4.82
· Ritiene che il servizio che le è stato fornito (anche in termini di attenzione alle esigenze e al miglioramento dell'autonomia del bambino) sia complessivamente soddisfacente?
4.91

Il Centro ludico per la prima infanzia è un servizio gratuito rivolto ai bambini di età compresa tra i 3 e i 36 mesi, nonché ai bambini con disabilità della stessa fascia d'età, e a chi ha in carico la loro crescita e formazione (genitori, parenti o altro), purché residenti nel Comune di Bari.

Si tratta di un'opportunità che permette ai bambini di incontrare i loro coetanei e sperimentare momenti di socializzazione, gioco e apprendimento, e agli adulti di conciliare i tempi di vita-lavoro potendo contare su un punto di riferimento qualificato al quale rivolgersi per il confronto ed il sostegno genitoriale e ogni esigenza educativa.
  • Francesca Bottalico
Altri contenuti a tema
"Comunità amica della demenza", nel municipio II il progetto di Alzheimer Bari "Comunità amica della demenza", nel municipio II il progetto di Alzheimer Bari Presentati i primi risultati. Bottalico: «Obiettivo lenire il disagio degli utenti che hanno difficoltà a relazionarsi con l'ambiente»
Integrazione delle comunità rom, sinti e caminanti: si discute il nuovo piano d'azione. Bari fra le città coinvolte Integrazione delle comunità rom, sinti e caminanti: si discute il nuovo piano d'azione. Bari fra le città coinvolte Stamattina il primo incontro organizzativo. Bottalico: «Definito un cronoprogramma degli interventi che avvieremo nei prossimi mesi»
Teatro sociale e laboratori di inclusione, al via due progetti finanziati dal cinque per mille Teatro sociale e laboratori di inclusione, al via due progetti finanziati dal cinque per mille Bottalico: «Programma educativo gratuito e aperto a tutti. Settanta tra adulti e minori coinvolti»
San Girolamo, la villa confiscata alla mafia si trasforma in un ambulatorio solidale San Girolamo, la villa confiscata alla mafia si trasforma in un ambulatorio solidale Questa mattina partiti i lavori di conversione della struttura destinata al consorzio Beata Chiara. Lacoppola: «Amministrazione non rinuncia alla sua presenza istituzionale»
San Girolamo, apre il centro diurno Chiccolino 2.0 per il recupero dei giovani a rischio devianza San Girolamo, apre il centro diurno Chiccolino 2.0 per il recupero dei giovani a rischio devianza La struttura sorge in un bene confiscato alla mafia. Decaro: «Qui si insegna ai ragazzi a guardare al proprio futuro»
La danza come percorso di benessere per giovani e adulti, al via il progetto "Social tango" La danza come percorso di benessere per giovani e adulti, al via il progetto "Social tango" Appuntamento domenica 8 settembre nel giardino Michele Campione con l’evento di presentazione
Emergenza caldo, il bilancio degli interventi effettuati a Bari da giugno ad agosto Emergenza caldo, il bilancio degli interventi effettuati a Bari da giugno ad agosto Numerosi accessi ai centri d'accoglienza e nelle strutture "on the road". Bottalico: «Raggiunti anche i casi più difficili»
Al via "estate per tutti", un soggiorno socio-riabilitativo per 34 cittadini di Bari con disabilità Al via "estate per tutti", un soggiorno socio-riabilitativo per 34 cittadini di Bari con disabilità Bottalico: «Impegno a favore delle persone più fragili prosegue e si intensifica in un periodo dove la solitudine si sente di più»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.