Un ragazzo a scuola con la mascherina
Un ragazzo a scuola con la mascherina
Attualità

È caos scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar

A proporlo di nuovo il Codacons Lecce dopo l'emanazione dell'ultima ordinanza Emiliano

Il Codacons Lecce ha di nuovo deciso di ricorrere al Tar contro l'ultima ordinanza di Emiliano sulla scuola emanata ieri in tarda serata.

«Il Tar - scrivono in una nota - con l'ultimo decreto con cui ha sospeso l'ordinanza del Presidente Regionale n. 56/2021 ha chiaramente definito come il perimetro di operatività dei Governatori trova un suo ineludibile limite negli standards minimi fissati a livello nazionale. Tale decisione si pone sul solco delle recenti decisioni dei Giudici Amministrativi (TAR Lombardia e TAR Campania) tesi a limitare decisioni abnorme, immotivate ed ingiustificate da parte di Presidenti Regionali che sembrano utilizzare la scuola per coprire altre inefficienze ed incapacità di gestione della cosa pubblica. Il pervicace reiteramento di Ordinanze su Ordinanze, elusive di ben due Decisioni dei Giudici Amministrativi, è un unicum che rasenta l'illecito penale. Neanche il Presidente della Campania De Luca (che pure ha fatto una grande battagli su questo tema) è giunto ad un tale irriguardoso, incomprensibile ed inammissibile comportamento che, oltre a produrre grande confusione negli uffici scolastici, tra i genitori danneggia irrimediabilmente gli studenti di tutta la Puglia».

«Dinanzi a questo comportamento irriguardoso - proseguono - nei confronti dei giudici amministrativi e delle loro decisioni e dinanzi al colpevole silenzio delle istituzioni nazionali il Codacons di Lecce è costretto ad un ulteriore ennesimo ricorso avverso l'ultima Ordinanza del Presidente Emiliano che altro non fa che reiterare il contenuto della precedente Ordinanza già sospesa in via cautelare dal Tar. Contestualmente l'associazione ha deciso di diffidare l'assessore all'Istruzione della Regione Puglia, il Ministro all'istruzione e i competenti Organi Regionali dal garantire gli standard educativi fissati dallo Stato nel pieno rispetto di quanto stabilità dl TAR Bari nell'ultimo decreto di sospensione reso inaudita altera parte».

«Chiediamo al Presidente Emiliano:
Dove sono i piani dei trasporti provinciali che garantiscano la mobilità degli studenti in piena sicurezza?
Se predisposti come sono stati concretamente attuati?
Se si in quali termini?
Ha verificato e se si con quali strumenti che all'interno delle scuole fossero adeguatamente attuate le linee guida nazionali di contenimento della epidemia?
Se tali linee guida sono state ritenute inidonee, ne ha mai contestato la valenza scientifica in sede nazionale? E se si con quali strumenti? E che tipo di risposta ha ottenuto dal Ministero?
Cosa ha fatto da settembre ad oggi la Regione Puglia per garantire il diritto all'istruzione dei ragazzi pugliesi in termini di adeguamento delle strutture e potenziamento dei servizi di sanificazione degli ambienti scolastici?
Cosa ha fatto soprattutto con riferimento al potenziamento della rete infrastrutturale di connessione? Ha, la Regione Puglia garantito a tutti gli studenti in DAD pari diritto di accesso alla didattica a distanza con particolare riferimento alle situazioni di emarginazione sociale, difficoltà familiari, residenti in zone disagiate e/o periferiche rispetto alle città ed ai paesi? E se si con quali strumenti e con quali azioni concrete?
Perché e su quali dati scientifici la Regione Puglia ritiene che i ragazzi a scuola (secondo le direttive nazionali e nel rispetto dei relativi protocolli) con mascherine indossate – ambienti arieggiati e sanificati – distanziamento obbligatoria, corrano più rischi dello stare per esempio nei centri commerciali o al bar.
Ha verificato la Regione Puglia le percentuali di abbandono scolastico durante il periodo pandemico nelle scuole operanti sul territorio regionale? E infine
Considerato gli studenti non sono vaccinabili che tipo di iniziative la Regione Puglia ha messo in campo (oltre alla chiusura delle scuole) per evitare il diffondersi della c.d. variante inglese?»
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Scuole aperte d'estate? Il Governo verso il sì Scuole aperte d'estate? Il Governo verso il sì Sasso: «Bello e giusto che i ragazzi possano fare attività culturali, sociali e ricreative anche nei mesi estivi»
Alberobello, riaprono le scuole: genitori dovranno scegliere tra presenza e Dad Alberobello, riaprono le scuole: genitori dovranno scegliere tra presenza e Dad L'ordinanza del sindaco, che aveva chiuso tutti gli istituti scolastici, non sarà rinnovata
Scuola in Puglia, in classe rientrato il 55% degli alunni Scuola in Puglia, in classe rientrato il 55% degli alunni Romito (ANP Puglia): «Scelta di “non governo” che affida la speranza di diminuire il contagio ad un comportamento da parte dei singoli»
"Didattica a scelta" in Puglia, il Governo sta pensando di impugnare l'ordinanza "Didattica a scelta" in Puglia, il Governo sta pensando di impugnare l'ordinanza Lo ha confermato in serata il presidente del Consiglio, Mario Draghi: «Non abbiamo ancora preso una decisione»
Puglia, la Commissione Pari Opportunità contro la "didattica a scelta" Puglia, la Commissione Pari Opportunità contro la "didattica a scelta" «Questo non significa derogare alla legge statale, significa dire fate come volete»
Scuola in Puglia, Emiliano: «Associamo il diritto alla salute pubblica con quello individuale delle famiglie» Scuola in Puglia, Emiliano: «Associamo il diritto alla salute pubblica con quello individuale delle famiglie» Il presidente della Regione su Rai1 spiega le ragioni dietro la nuova ordinanza, e conferma la necessità di bloccare il virus nel suo picco
Scuola. Arrivata l'ordinanza, in Puglia resta la libertà di scelta Scuola. Arrivata l'ordinanza, in Puglia resta la libertà di scelta Confermato il decreto del Governo ma si dovrà: "Garantire la didattica digitale integrata a tutti gli alunni le cui famiglie richiedano espressamente di adottarla"
In attesa della Regione Puglia, ad Alberobello non si torna a scuola prima del 13 In attesa della Regione Puglia, ad Alberobello non si torna a scuola prima del 13 Con apposita ordinanza sindacale il primo cittadino Michele Longo ha deciso per la DaD nella settimana subito dopo Pasqua
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.