Matteo Salvini a Bari
Matteo Salvini a Bari
Politica

Bari, Salvini sul palco inneggia alla legittima difesa e rischia una denuncia

Il ministro: «Se fai il rapinatore ti prendi i rischi del mestiere» e la difesa all'attuale segretario provinciale della Lega, Balducci

«Se fai il rapinatore ti prendi i rischi del tuo mestiere» e «Nella nostra legge è previsto per i suoi poveri parenti rimborso zero», sono solo alcune delle frasi pronunciate dal ministro Matteo Salvini sul palco di Bari martedì scorso, nel comizio in favore del candidato sindaco del partito Fabio Romito. Parole con cui Salvini ha illustrato alla folla presente la sua idea di legittima difesa, prendendo anche le parti del segretario provinciale della Lega presente con lui su quel palco, Enrico Balducci. Parole che ora lo espongono al rischio di una querela.

Il motivo risale indietro nel tempo al 2010, quando Balducci era titolare a Palo del Colle di una stazione di servizio Tamoil. E una sera di giugno, all'interno della stessa, l'uomo ferì con un colpo di pistola un ragazzo, Giacomo Buonamico, barese di 23 anni, che insieme a Donato Cassano, allora 24enne, a bordo di una moto, si presume avessero tentato una rapina con una pistola giocattolo. Buonamico morì quella stessa sera a causa delle ferite riportate. Balducci fu condannato in via definitiva per l'accaduto a 3 anni e 8 mesi per omicidio preterintenzionale, e la famiglia di Buonamico ottenne un risarcimento di 90mila euro.

I genitori del ragazzo non ci stanno, però, a sentire quelle parole proferite dal ministro. Da anni lottano per veder riconosciuto il fatto che loro figlio non fosse un rapinatore, e sostengono che essendo rimasto ucciso non abbia mai potuto difendersi dalle accuse. «Abbiamo dato ampio mandato ai nostri legali di fiducia Saverio Fragassi e Danilo Penna, il primo in sede civile e l'altro in sede penale - dichiarano Onofrio Buonamico e Antonia Valerio, genitori del ragazzo - perché possano individuare se nelle parole dell'onorevole Salvini ci siano state violazioni di legge, perseguibili ai soli fini della tutela della immagine della nostra famiglia e del decoro e dell'onore del nostro caro defunto. Non c'è alcun rispetto nei confronti dei nostri sentimenti di pietà e dolore».
  • Matteo Salvini
  • Denuncia
Altri contenuti a tema
Arriva Salvini, parte l'operazione: "Bari non si Lega atto 3 - Striscion Ediscion" Arriva Salvini, parte l'operazione: "Bari non si Lega atto 3 - Striscion Ediscion" La nostra città come molte altre del sud risponde alla presenza del ministro convocando una protesta fatta di striscioni
Tornata elettorale, Salvini a Bari per sostenere la coalizione di centrodestra Tornata elettorale, Salvini a Bari per sostenere la coalizione di centrodestra Il vicepremier sarà in via Sparano martedì 21 maggio in vista della consultazione comunale ed europea
Direttiva anti-degrado urbano, Decaro a Salvini: «Non abbiamo bisogno di commissariamento» Direttiva anti-degrado urbano, Decaro a Salvini: «Non abbiamo bisogno di commissariamento» Il presidente di Anci: «Il ministro dell'Interno non perde occasione di prendersela con i sindaci. Siamo gli unici a conoscere il territorio»
La legittima difesa è legge. Salvini: «Un gran giorno per l'Italia» La legittima difesa è legge. Salvini: «Un gran giorno per l'Italia» Approvazione al senato con 201 voti. Il ministro dell'Interno: «Non si legittima il far west, si sta dalla parte dei cittadini»
"Bari non si Lega", associazioni e centri sociali protestano contro Salvini "Bari non si Lega", associazioni e centri sociali protestano contro Salvini Diverse centinaia in corteo per manifestare dissenso verso le politiche dell'attuale governo
Beni confiscati alla mafia, Decaro risponde a Salvini: «Follia venderli» Beni confiscati alla mafia, Decaro risponde a Salvini: «Follia venderli» Il sindaco: «A Bari abbiamo deciso di darli a chi non aveva un tetto sopra la testa»
Salvini a Bari, il lapsus della leghista corre via social Salvini a Bari, il lapsus della leghista corre via social Anna Rita Tateo sul palco: «Il PD non ha fatto nulla per aiutare quei poveri ragazzi minori a prostituirsi»
Salvini a Bari: «Decaro pensa agli immigrati, noi pensiamo ai baresi» Salvini a Bari: «Decaro pensa agli immigrati, noi pensiamo ai baresi» Il leader della Lega: «Romito è un giovane, abbiamo puntato su di lui. Subito nell'area metropolitana 100 poliziotti»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.