i neo laureati in architettura JPG
i neo laureati in architettura JPG
Scuola e Lavoro

Bari, il Politecnico 'scopre' sotterranei inediti del Castello di Otranto

Il progetto di restauro è stato presentato da alcuni ex studenti in Architettura

Dalla fase analitica fino alla elaborazione progettuale. Gli studenti, adesso dottori in architettura, hanno affrontato un iter metodologico complesso e presentato il loro primo progetto di restauro del Castello e del sistema fortificato del Centro Storico di Otranto. Un progetto per la sua conservazione e valorizzazione. Lo stato attuale di conservazione generale è buono. Ma attraverso gli strumenti del rilievo della ricerca storica e dalle analisi dirette ai materiali, alle tecniche costruttive e alle forme di degrado, è stato possibile studiare le soluzioni alle problematiche riscontrate, durante lo studio, dai sei neo laureati in architettura: Baldassarre Viviana, Borrelli Alessia, Carbonara Domenico, Galanto Carla, Giaquinto Alessia e Mastandrea Erica.
Il laboratorio di tesi è iniziato con le ricerche archivistiche e quindi le indagini storiche, le fasi di costruzioni e le trasformazioni nel tempo. Un viaggio nella storia del castello, danneggiato nella battaglia del 1480. Otranto, fu conquistata dai Turchi di Maometto II, ma l'anno dopo, tornò nuovamente agli Aragonesi e alle truppe di Ferdinando II del Reame di Napoli. Furono avviate delle opere di potenziamento del sistema difensivo del castello e nel 1492 la città venne chiusa da un circuito continuo di murature sopraelevate. E La porta di accesso alla città, la Porta Alfonsina, venne rafforzata. Sul finire del cinquecento la fortificazione subì un'ulteriore potenziamento e da allora ad oggi la struttura è rimasta inalterata. Attraverso le ricerche archivistiche, svolte non solo ad Otranto ma anche all'archivio di stato di Napoli, è stato possibile dare risposta a questioni tecniche rimaste irrisolte in passato, alcune risolte in maniera dettagliata ed altre ancora da approfondire. Però tutte sono state importati e propedeutiche per i neo laureati, che hanno affrontato con cognizione tecnica e consapevolezza critica il progetto di restauro. Sotto la super visione della professoressa Rossella de Cadilhac, relatrice e docente di restauro al Politecnico di Bari, diverse sono state le soluzioni riguardo al rapporto tra il castello e il tessuto urbano della città. Il progetto, prevede un museo emozionale, proprio per riscattare il castello dal suo stato di parziale sottoutilizzo e per coinvolgere attivamente gli abitanti, che non devono perdere un patrimonio artistico, storico e culturale. È stata fatta anche una analisi socio-economica, utile per individuare i bisogni e le aspettative della collettività locale. Attualmente però si ricercano canali di finanziamento utili a riscattare il Castello da questa sua condizione di parziale utilizzo, con l'obiettivo di restituirla integralmente alla propria comunità. «Durante le operazioni di rilievo, per la prima volta - spiega Alessia Giaquinto - sono stati rilevati i sotterranei del castello nella loro interezza. Quindi abbiamo una restituzione al 100% del patrimonio. Questo è un progetto pensato anche per riqualificare e valorizzare la Chiesa dell'Immacolata, del '600, che adesso è un rudere, in uno stato critico».
«È necessario curare questi patrimoni - spiega De Cadilhac - perché sono simboli della nostra memoria, testimonianze di arte e di storia. E per questo vanno conservati e salvaguardati. L'auspicio è che l'ente proprietario, l'amministrazione comunale di Otranto, accolga questa prima proiezione progettuale».
Otranto e il Castello FortificatoOtranto e il Castello FortificatoOtranto e il Castello FortificatoOtranto e il Castello FortificatoOtranto e il Castello FortificatoOtranto e il Castello FortificatoOtranto e il Castello Fortificato
  • politecnico di bari
  • puglia
Altri contenuti a tema
1 Columbus Day, l'abbraccio del pugliese emigrato ad Emiliano è virale Columbus Day, l'abbraccio del pugliese emigrato ad Emiliano è virale Nick Prudente, originario di Giovinazzo, sulla Fifth Avenue ha salutato calorosamente il presidente della Regione
Formula SAE, la nuova monoposto del Poliba Corse in gara Formula SAE, la nuova monoposto del Poliba Corse in gara Politecnico di Bari, la ricerca in pista: dalla teoria alla pratica sportiva
Bari, full immersion nel mondo dei motori, al via la summer school del Politecnico Bari, full immersion nel mondo dei motori, al via la summer school del Politecnico L'iniziativa che coinvolge 45 neo ingegneri si svolgerà a palazzo Sagges
Politecnico di Bari, nuova tecnologia antincendio per mezzi pesanti Politecnico di Bari, nuova tecnologia antincendio per mezzi pesanti I ricercatori progettano e realizzano il T-fire per la sicurezza in strada
Politecnico di Bari, al professor Spagnolo il premio internazionale di cultura "Re Manfredi" Politecnico di Bari, al professor Spagnolo il premio internazionale di cultura "Re Manfredi" Il docente di fisica riceverà venerdì a Manfredonia il riconoscimento per la ricerca scientifica
Infopoint, ristoro e più spazi per gli studenti, la nuova area "relax" del Poliba Infopoint, ristoro e più spazi per gli studenti, la nuova area "relax" del Poliba Il rettore Di Sciascio: «Un ottimo risultato senza che il politecnico abbia dovuto spendere»
Vaccini, obbligo esteso agli operatori sanitari Vaccini, obbligo esteso agli operatori sanitari La legge ha ottenuto il parere favorevole del Consiglio regionale
Contraffazione, in due giorni sequestrato più di un milione di articoli Contraffazione, in due giorni sequestrato più di un milione di articoli La Finanza ha intensificato i controlli in tutto il territorio regionale
© 2001-2018 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.