bari capitale italiana della cultura presentazione candidatura
bari capitale italiana della cultura presentazione candidatura
Eventi e cultura

"Bari capitale italiana della cultura 2021", una candidatura nel nome di San Nicola

Saranno sei le categorie tematiche che la città presenterà al Mibact nel progetto. Decaro: «Coinvolgeremo l'area metropolitana»

Entra nel vivo la candidatura della città di Bari al ruolo di "Capitale italiana della cultura 2021". La nostra città ha aderito al bando con cui il Mibact assegnerà il prestigioso titolo a una delle 44 città che hanno partecipato alla manifestazione d'interesse pubblica (in Puglia sono sei, dopo il ritiro di Barletta, con Molfetta altra città di riferimento per la provincia di Bari). La vincitrice dovrà sviluppare un cartellone di eventi lungo dodici mesi, trovando un tema che funga da centro gravitazionale delle proposte culturali. Quello che sta sviluppando Bari è il culto di San Nicola, patrono della città venerato da popoli e confessioni diverse, nonché vero strumento identitario barese.

Il Comune di Bari ha individuato sei categorie (archetipi) con cui sviluppare il tema della devozione nicolaiana: il sacro, la luce, il mare, l'oriente, il dialogo e il femminile. Il millenario rapporto fra Bari e il suo patrono, infatti, ha segnato la città negli aspetti visivi (architettura e urbanistica), ma anche culturali. Bari città di San Nicola, infatti, è un segno di riconoscibilità internazionale, nonché un vettore antropologico, religioso e socio-culturale per la cittadinanza.

La candidatura di Bari a "Capitale italiana della cultura 2021" intende accendere una luce più attuale e contemporanea sulla figura del santo patrono e della sua venerazione, attraverso concerti, spettacoli, teatro, cinema, mostre e rappresentazioni. Partiranno fra oggi e domani i primi tavoli tecnici con gli attori culturali della Regione Puglia e delle istituzioni dedite alla ricerca e all'insegnamento sul territorio.

«San Nicola fonda il legame fra Bari e altri paesi, anche quelli di confessione ortodossa e protestante - dice Antonio Decaro, sindaco di Bari. Con questa candidatura vorremmo esplorare i motivi profondi del legame nicolaiano, e per farlo vogliamo utilizzare tutti i contenitori culturali che sono stati riaperti. Dal Petruzzelli al Piccinni, dall'auditorium Nino Rota al museo archeologico di Santa Scolastica: sono tanti gli spazi che vengono messi a disposizione di questa festa. Al bando intendiamo partecipare con gli altri comuni dell'area metropolitana, che ci accompagneranno con i loro centri storici e patrimoni Unesco, oltre alle loro iniziative culturali. Per questo dico che abbiamo già vinto, creando i presupposti per un percorso partecipato. Vogliamo accompagnare la voglia di cultura spontanea di questa città».

L'assessore alle Culture Ines Pierucci continua: « San Nicola è il santo non biblico più popolare, la sua spinta religiosa caratterizza da sempre il suo culto. Abbiamo pensato alla persona San Nicola, al culto nicolaiano. Una storia destinata a essere letta, un mandato culturale per i prossimi cinque anni. I tavoli sin da oggi vedranno la partecipazione delle istituzioni regionali e locali. Un secondo tavolo già domani si terrà con Università, Accademia di belle arti, Conservatorio ed enti di ricerca. Stiamo definendo un comitato scientifico di saggi, sono sei le categorie. Il bando ci chiede di affrontare un percorso per lasciare qualcosa alla città oltre l'anno di grandi eventi».

Tempi e modalità


La timeline in vista della presentazione del progetto è stretta: il 2 marzo è prevista la consegna delle candidature, ad aprile verranno annunciate le 10 città finaliste per proclamare il vincitore a fine giugno. Il Comune di Bari intende acquisire idee, progetti e disponibilità da parte di cittadini e operatori culturali su una o più categorie fra le sei proposte nella candidatura. Gli interessati possono inviare i propri materiali all'indirizzo ba2021@comune.bari.it.

Il dossier partecipativo prevede l'istituzione di un comitato scientifico e di un comitato promotore, la creazione di un network locale di supporto, la ricerca di strutture tecniche di gestione, sponsor e media partner. Dopo i tavoli di confronto si procederà con la call pubblica e le istanze, fino alla redazione del dossier e alla consegna al Mibact della proposta.

  • Antonio Decaro
  • San Nicola
  • ines pierucci
Altri contenuti a tema
Coronavirus, Decaro: «A Bari 217 positivi e 500 persone in quarantena» Coronavirus, Decaro: «A Bari 217 positivi e 500 persone in quarantena» Nella diretta del sindaco il dipendente Amiu contagiato: «Voi che potete, restate a casa»
Emergenza Coronavirus, una lavanderia di Bari dona 5mila euro al Comune Emergenza Coronavirus, una lavanderia di Bari dona 5mila euro al Comune I soldi saranno distribuiti ai bisognosi come buoni spesa da consumare nei supermercati del gruppo Megamark
Emergenza Coronavirus, due banche di Bari propongono "microfinanziamenti sociali" Emergenza Coronavirus, due banche di Bari propongono "microfinanziamenti sociali" Consegnato al sindaco il progetto da presentare alla città. Decaro: «Gesto di fiducia in famiglie e imprese»
Coronavirus, a Bari sono 207 i casi positivi Coronavirus, a Bari sono 207 i casi positivi Lo comunica il sindaco Decaro: «Le persone in quarantena sono 368»
Emergenza Coronavirus, librerie di Bari pronte a fare consegna a domicilio Emergenza Coronavirus, librerie di Bari pronte a fare consegna a domicilio Pierucci: «Un'iniziativa condivisa. Boccata d'ossigeno per gli operatori del settore»
Coronavirus, anche Bari si unisce al dolore per le vittime Coronavirus, anche Bari si unisce al dolore per le vittime Il sindaco Decaro e il prefetto Bellomo hanno osservato un minuto di silenzio all'esterno del Palazzo di città
Coronavirus, Decaro: «A Bari 114 contagi e 301 persone in quarantena» Coronavirus, Decaro: «A Bari 114 contagi e 301 persone in quarantena» Il sindaco: «Sul lungomare una contravvenzione da 3mila euro. Sull'autocertficazione aveva scritto "faccio le pelose"»
Coronavirus, l'idea di Medici con il camper e Comune di Bari: una task force per chi è in isolamento Coronavirus, l'idea di Medici con il camper e Comune di Bari: una task force per chi è in isolamento Si cerca personale socio-sanitario per dare il via a un servizio che garantisca counseling telefonico a chi si trova in difficoltà
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.