L'ingresso della zona Asi
L'ingresso della zona Asi
Territorio

Bari, benvenuti in zona Asi, tra erba alta e rifiuti

Nonostante il cartello all'ingresso avvisi della presenza di telecamere, in molti utilizzano le vie come discariche. Ma il Consorzio fa manutenzione?

Bari è una città a vocazione prettamente commerciale, ma come tutte le città del sud ha visto negli ultimi 70 anni circa un forte sviluppo industriale. Per questo motivo all'inizio degli anni '60 nacque il Consorzio A.S.I., per aiutare lo sviluppo industriale del territorio nel realizzare anche le opere infrastrutturali necessarie. Quella che comunemente tutti noi definiamo "zona industriale", come da cartello che avvisa all'ingresso, è appunto la zona A.S.I. (Area di Sviluppo Industriale).

Oggi, purtroppo, dello spirito che animava il Consorzio all'epoca della sua fondazione rimane molto poco. E avventurandosi nelle vie labirintiche della zona ci si trova di fronte a diversi scheletri, fantasmi di un passato che ormai non c'è più, affiancati da grandi strutture tutt'ora funzionanti. Ma il problema maggiore, forse, della zona è il suo essere molto ampia e poco vigilata. Nonostante l'avviso della presenza di telecamere, e l'invito a non lasciare rifiuti, sono in molti ad usare le strade come discariche, specialmente quelle meno "visibili". Il grande vialone che taglia in due la zona, difatti, è anche quello meno mal ridotto e pieno di rifiuti oltre che con meno erbacce. Lo stesso non si può dire ad esempio della zona che da Amiu porta a quello che fu l'Ex Carrefour. Tra erba alta e rifiuti, resistono ancora nonostante tutto il supermercato Eurospin e l'ingrosso di mobili GrandArredo con il vicino outlet.

Poco tempo fa il Comune di Bari rinnovò l'accordo con il Consorzio che prevedeva: «l'erogazione da parte dell'amministrazione comunale di un contributo di 200 mila euro all'anno per il triennio 2017 - 2018 - 2019, a fronte di una serie di opere e interventi da realizzare in tutta l'area industriale che insiste sul territorio di competenza del comune di Bari, e a carico di A.S.I.». Tra le opere che avrebbero dovuto essere a carico del Consorzio ricordiamo la manutenzione di strade e relativa segnaletica orizzontale e verticale; fogna pluviale; pubblica illuminazione; verde pubblico e arredo urbano. Ma quali di queste manutenzioni sono state davvero effettuate?
La zona AsiLa zona AsiLa zona AsiLa zona AsiLa zona AsiLa zona AsiLa zona AsiIl cartello in zona Asi
  • Rifiuti
  • consorzio asi
  • Industria
Altri contenuti a tema
Bari, a Lama Balice sequestrata area di 8mila metri quadrati Bari, a Lama Balice sequestrata area di 8mila metri quadrati Sul terreno una barca, pezzi di asfalto, parti di auto, mattoni, cisterne in pvc
Abbandona rifiuti in strada a Bari, multato Abbandona rifiuti in strada a Bari, multato È successo a Torre a Mare, l'uomo proveniva da un altro comune. Obbligato al corretto smaltimento
Rifiuti provenienti dalla Calabria e smaltiti in Puglia? Mola dice no Rifiuti provenienti dalla Calabria e smaltiti in Puglia? Mola dice no Il sindaco ha inviato una lettera al presidente Emiliano per chiedere di escludere dallo smaltimento la discarica Martucci
Trasporta rifiuti col mezzo senza assicurazione, multato a Bari Trasporta rifiuti col mezzo senza assicurazione, multato a Bari L'uomo è stato fermato dagli agenti del Nucleo Antidegrado della Polizia Locale
Bari, getta rifiuti nel terreno altrui a Carbonara, sanzionato Bari, getta rifiuti nel terreno altrui a Carbonara, sanzionato Si tratta di un cittadino 50enne condannato ad una multa e al ripristino dei luoghi
Discarica abusiva a Ceglie del Campo, denunciato 48enne intento a bruciare rifiuti Discarica abusiva a Ceglie del Campo, denunciato 48enne intento a bruciare rifiuti L'uomo è anche accusato di maltrattamento di animali, nell'area presenti diversi esemplari allevati in modo insalubre
Rifiuti abbandonati dopo il lockdown, le immagini di Bari finiscono su "Fotografie segnanti" Rifiuti abbandonati dopo il lockdown, le immagini di Bari finiscono su "Fotografie segnanti" La pagina social satirica ha utilizzato uno degli scatti postati da Decaro questa mattina
Tappeto di rifiuti nelle strade dopo il lockdown, Decaro: «La colpa è di chi odia Bari» Tappeto di rifiuti nelle strade dopo il lockdown, Decaro: «La colpa è di chi odia Bari» Il sindaco posta le foto della città a soli due giorni dalla riapertura: «Lasciamo brutte abitudini in quarantena»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.