protesta educatori bari
protesta educatori bari
Scuola e Lavoro

A Bari la protesta degli educatori: «Vogliamo l'internalizzazione»

La manifestazione convocata dalla sigla Usb per chiedere alla Regione Puglia lo stop al sistema delle cooperative

Elezioni Regionali 2020
Gli educatori scolastici protestano sul lungomare Nazario Sauro di Bari per chiedere diritti e stabilità lavorativa. Stamattina la manifestazione davanti al palazzo della presidenza della Regione Puglia, convocata dalla sigla sindacale Usb.

Si tratta di figure professionali di supporto agli studenti con disabilità nelle scuole di ogni ordine e grado, ma che - sostengono non vedono riconosciuta la loro posizione professionale e chiedono un'accelerata nel processo di internalizzazione nei ranghi della Regione Puglia. «I lavoratori svolgono un servizio essenziale: quello dell'assistenza specialistica nelle scuole e dell'assistenza domiciliare educativa - si legge nella nota di Usb. Si tratta di servizi di notevole rilevanza per la collettività, i lavoratori altamente specializzati seguono i processi di apprendimento e socializzazione degli alunni con disabilità ed intervengono per potenziarne le capacità circa l'autonomia, le relazioni e le abilità cognitive».
la protesta degli educatori a barila protesta degli educatori a barila protesta degli educatori a barila protesta degli educatori a barila protesta degli educatori a bari
Il sindacato continua: «Le cooperative sociali che gestiscono gli appalti percepiscono dagli enti locali circa 22/23 euro all'ora per il servizio, mentre agli operatori è corrisposta (quando questo accade) una paga oraria di circa 9 euro, sempre se il minore non è assente. Nei mesi da giugno a settembre/ottobre, il servizio viene interrotto per le vacanze (con conseguente sospensione dello stipendio, dei contributi e impossibilità per chi ha un contratto a tempo indeterminato di poter accedere alla Naspi o ad altro ammortizzatore sociale). Usb ed i lavoratori chiedono, pertanto, che sia avviato un processo di internalizzazione. Anche se nel corso della mattinata il presidente Emiliano ha incontrato i Lavoratori in protesta per esprimere la propria vicinanza, questo non è sufficiente vogliamo rispetto per una delle categorie di lavoratori più "sfruttate" dalla pubblica amministrazione».

«In tutta Italia - ha detto Emiliano - una serie di figure che sono fondamentali per consentire il diritto allo studio e all'assistenza domiciliare di soggetti fragili per diverse ragioni, dalla disabilità al rischio di devianza, sono affidati ad una serie di cooperative, che secondo me non costano meno di quello che costerebbe un regolare rapporto di lavoro con tutte queste figure professionali. Questi professionisti, tutti laureati, ogni estate sospendono il lavoro con il finire dell'anno scolastico, il rapporto con i ragazzi viene sospeso per 3 mesi con tutti i danni che ne conseguono. Per la prima volta, la Regione Puglia oggi sta dicendo che così non si può andare avanti, dobbiamo trovare una sistemazione diversa. La loro aspirazione è quella di essere tutti assunti come professionisti dentro le ASL, però questo è un problema che riguarda anche le scuole. Dobbiamo condividere tra il sistema scolastico italiano, il sistema del welfare, il sistema sanitario la risoluzione di un problema che riguarda sia la migliore assistenza ai ragazzi sia la dignità di questi lavoratori. Noi iniziamo il processo che deve arrivare ad una stabilizzazione. Ci deve arrivare in modo equilibrato, non facendo di tutta l'erba un fascio, ma selezionando in base al fabbisogno tutte le necessità delle scuole, dei ragazzi, dell'assistenza domiciliare. Dopodiché tentare di bonificare una situazione che è indegna sia per gli assistiti che per i professionisti che li assistono».
  • Regione Puglia
  • usb puglia
Altri contenuti a tema
Coronavirus, un nuovo caso registrato in Puglia Coronavirus, un nuovo caso registrato in Puglia Positivo un cittadino del brindisino. In provincia di Lecce si verifica anche l'unico decesso di giornata
Doppia preferenza di genere, la Regione Puglia verso il sì. I commenti politici Doppia preferenza di genere, la Regione Puglia verso il sì. I commenti politici Ieri l'approvazione in settima commissione dell'emendamento alla legge elettorale proposto dalla giunta. Si aspetta l'ok del consiglio
Bando Start della Regione Puglia, da oggi via alle domande Bando Start della Regione Puglia, da oggi via alle domande Previsti 2 mila euro di contributo per autonomi e partite iva rimasti fuori dal sistema di aiuti previsti dal Governo
Doppia preferenza di genere in Puglia, c'è il sì della settima commissione consiliare Doppia preferenza di genere in Puglia, c'è il sì della settima commissione consiliare L'assemblea ha valutato positivamente l'emendamento proposto dalla giunta. Ora manca l'approvazione dell'aula
Coronavirus, altra giornata Covid-free per la Puglia. Zero casi su oltre 2mila tamponi Coronavirus, altra giornata Covid-free per la Puglia. Zero casi su oltre 2mila tamponi Non si registrano decessi. I pazienti guariti sono 3.926 e 68 sono le persone attualmente positive
Controlli anti-Covid in spiaggia, per Bari ci sono 17mila euro dalla Regione Controlli anti-Covid in spiaggia, per Bari ci sono 17mila euro dalla Regione Dopo l'accordo con Anci Puglia, partiti oggi i contributi destinati ai 69 comuni costieri della Puglia
La Regione Puglia compie 50 anni, una mostra in via Gentile La Regione Puglia compie 50 anni, una mostra in via Gentile Il presidente del Consiglio Loizzo: «Le Regioni non godono di buona stampa che non riconosce il contributo alla crescita del Paese»
Coronavirus, in Puglia zero nuovi casi e un decesso Coronavirus, in Puglia zero nuovi casi e un decesso Sono 3926 i pazienti guariti e 68 sono i casi attualmente positivi in regione. I ricoverati scendono a 10
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.