Uno screenshot della lezione incriminata
Uno screenshot della lezione incriminata
Attualità

«No a giudici donne, in quanto tali non sono imparziali», bufera su Donato Mitola e Uniba lo sospende

Il rettore Bronzini: «L'Università sarà sempre attenta e vigile sui temi dell'uguaglianza e condannerà sempre qualsiasi atto di discriminazione»

«L'Università degli Studi di Bari Aldo Moro sarà sempre attenta e vigile sui temi dell'uguaglianza e condannerà sempre qualsiasi atto di discriminazione, diretta e indiretta, morale, fisica o psicologica, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla diversa abilità, alla religione, alla lingua, alle convinzioni personali e politiche nonché alle condizioni personali e sociali».

Con queste parole il rettore dell'Università degli Studi di Bari, Stefano Bronzini, giustifica la decisione di sospendere immediatamente il dottor Donato Mitola dall'incarico di cultore della materia e da qualsiasi altra attività di didattica e di ricerca di questa Università, con una nota indirizzata al Presidente della Scuola di Medicina prof. Loreto Gesualdo.

Mitola era finito nell'occhio del ciclone in quanto durante una sua lezione aveva spiegato agli studenti quella che definiva la "differenza scientifica" tra uomo e donna, e in cui si sosteneva, tra le altre cose, che: «Giudici donne non dovrebbero esserci, perché giudicare significa essere imparziali», in quanto le donne sarebbero: «Emotivamente più sensibili degli uomini e il loro processo decisionale è condizionato, anche se inconsciamente, dall'emotività».

La sospensione effettuata in quanto le frasi, lesive della parità di genere espresse da Mitola, ad un primo esame contravvengono ai principi fondamentali enunciati dal Codice Etico dell'Università e, più in particolare, a quelli di eguaglianza e non discriminazione, ma viene fatta nelle more di definitive determinazioni in merito.
  • uniba
  • stefano bronzini
Altri contenuti a tema
Università di Bari, da domani "graduale ripresa delle attività in presenza" Università di Bari, da domani "graduale ripresa delle attività in presenza" Si prosegue con lezioni a distanza, ma gli esami saranno in modalità mista. Le lauree tornano dal vivo
Il Covid non ferma Uniba, attivati 60 percorsi di competenze trasversali Il Covid non ferma Uniba, attivati 60 percorsi di competenze trasversali L’Università di Bari Aldo Moro, anche in tempo di pandemia, progetta il futuro con nuove iniziative formative
Studiare in università ai tempi del Coronavirus? Arriva la App per prenotare il posto Studiare in università ai tempi del Coronavirus? Arriva la App per prenotare il posto Disponibile da poco per gli studenti dell'ateneo, per registrarsi necessario utilizzare la mail istituzionale
Dall'università di Bari una cura per un grave tumore dei bambini, grazie anche al crowfunding Dall'università di Bari una cura per un grave tumore dei bambini, grazie anche al crowfunding Un gruppo di ricerca coordinato dal professor Antonio Scilimati è impegnato nello studio del Glioma Pontino Intrinseco Diffuso
Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Un vecchio farmaco contro il Covid-19? Ecco la ricerca di Uniba Dovrebbe essere in grado di inibire un enzima necessario alla replicazione virale utilizzando la strategia del “drug repurposing”
L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni L'università di Bari dice addio a Gabriella Serio, aveva 68 anni Era docente di Statistica Medica presso la Scuola di Medicina e Chirurgia
Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Vaccino Covid, il professor Tafuri (Università di Bari) spiega come funziona Il docente di Igiene: «Immunità dopo sette giorni dalla somministrazione della seconda dose»
Lotta al terrorismo, l'Università di Bari firma un accordo con la Direzione antimafia Lotta al terrorismo, l'Università di Bari firma un accordo con la Direzione antimafia Servirà a promuovere iniziative di studio e formazione volte a rafforzare e sostenere la cultura della legalità
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.