Una delle opere in mostra
Una delle opere in mostra
Eventi e cultura

"Souvenir", tredici artisti in mostra allo Spazio Murat

L'esposizione visitabile dallo scorso 27 giugno al 4 agosto, progetto conclusivo del campo estivo decicato all'arte contemporanea

Il territorio pugliese, le sue peculiarità, la sua storia e la sua luce, fonte d'ispirazione per le opere dei 13 artisti di nazionalità diverse coinvolti nella residenza artistica di Spazio Murat e 63rd 77th STEPS - Art Project Staircase, e che dal 27 giugno esporranno in Souvenir, la mostra collettiva e multidisciplinare, a conclusione di Souvenir Art Summer Camp, il campo estivo dedicato all'arte contemporanea, finanziato dalla Regione Puglia nell'ambito del Programma Straordinario 2018 in materia di Cultura e Spettacolo.

Gli artisti hanno lavorato giorno e notte per realizzare le oro opere site-specific, svelate lo scorso 27 giugno, frutto del lavoro intenso svolto durante i laboratori e i workshop realizzati nel corso del Summer Camp. Attraverso le diverse attività, infatti, ogni artista si è lasciato coinvolgere in un viaggio immersivo che lo ha contaminato e ispirato nella produzione dell'opera da presentare al termine del percorso di residenza. Le performance dal vivo lasceranno spazio a installazioni che ne mantengono e ne restituiscono la vitalità, ribaltando l'attività nella staticità, la presenza nell'assenza.

Nelle opere presentate dai tredici artisti - in esposizione dal 27 giugno al 4 agosto - si può notare come tutti abbiano lavorato sugli scostamenti costruiti tra significanti e significati, tra riconoscibilità e irriconoscibilità, conosciuto e sconosciuto; prendono forza dalle dislocazioni di senso, materiche e vocali, e sfruttano le potenzialità relazionali del dialogo e del contatto. In mostra ci sono: AGF Hydra (Italia), Alessandro Aiello (Italia), Gianmaria Andreetta (Svizzera), Mariantonietta Bagliato (Italia), Ivan Cheng (Australia), Stefania Dipierro (Italia), Jade Fourès-Varnier & Vincent de Hoÿm (Francia), Giuseppe Lana (Italia), Bruno Mokross (Germania), Isabella Mongelli (Italia), Evelyn Plaschg (Austria), Fabio Santacroce (Italia), Edin Zenun (Macedonia del Nord).

Ognuno ha utilizzato diversi linguaggi e materiali, testando e sfruttandone le potenzialità, il tutto per coinvolgere gli spettatori in esperienze che possono essere immersive o frammentarie, individuali o collettive. La selezione di opere dà forma a un percorso contrassegnato da riferimenti pop, animazioni, suoni, burattini, realtà virtuali. Souvenir permette di affrontare su più livelli e secondo diverse modalità, discorsi che abbracciano l'economia dell'arte, la sostenibilità, la dimensione socio-politica attuale e le relative dinamiche di potere, di produzione e riproduzione, le proporzioni tra comfort e disagio, tra familiare ed estraneo. Il percorso fa leva su varie forme di umanità, tramite elementi archetipici, leggendari, immaginari e reali rivisitati, (ri-)costruendo così un'architettura che ha fondamenta critiche ma propone accenni a modalità di vita alternative.

«Ciascuno di loro, durante il periodo di residenza, si è lasciato coinvolgere e ispirare direttamente dal territorio pugliese per la realizzazione di un progetto artistico site-specific. Le opere prodotte in situ rappresentano le tracce del loro incontro con la nostra terra e con gli artisti locali emergenti coinvolti durante la precedente rassegna e durante il periodo di residenza - affermano i curatori -. I lavori esposti sono il riflesso dunque di un work-in-progress iniziato con gli incontri sull'arte contemporanea che si sono tenuti per tutto il 2018 e sviluppati durante il periodo di residenza; sono il risultato di una contaminazione tra i bagagli culturali personali, le prospettive degli artisti e la realtà locale esplorata. Per questo Souvenir è un progetto complesso, poliedrico e collettivo che siamo felici di aver portato e realizzato a Bari».

Al Souvenir Art Summer Camp hanno partecipato anche alcuni studenti delle Accademie di Belle Arti pugliesi, selezionati attraverso una call pubblica e artisti emergenti che hanno scelto di avvicinarsi ed essere coinvolti nella realizzazione di un progetto di arte così complesso e farne parte. Spazio Murat, infatti, ha offerto a una decina di questi giovani studenti-artisti la possibilità di assistere a tutti i workshop affidati agli artisti locali e internazionali in residenza e ad una lezione interattiva sul come orientarsi nel sistema dell'arte dopo l'accademia, oltre che affiancare gli artisti e assistere alla creazione dei loro progetti. Le residenze sono da sempre considerate un'occasione per giovani artisti di immergersi totalmente nella propria ricerca, di confrontarsi con altri artisti con esperienza e formazione diverse, di sperimentare, costruire e de-costruire la propria pratica artistica, di esporre e farsi conoscere. Ed è questo quello che Spazio Murat ha voluto fare per la sua terra.

Una pubblicazione, disegnata e studiata appositamente per accompagnare la mostra, riflette la poliedricità dell'intero progetto e ne richiama gli intenti: 12 cartoline raffiguranti lavori degli artisti sono inserite tra le pagine del libretto e possono essere estratte e riutilizzate, proprio come i Souvenir, i ricordi di un viaggio. Souvenir Art Summer Camp e Souvenir sono stati organizzati da The Hub Bari srl, concessionario dello Spazio comunale, in collaborazione con 63rd 77th STEPS - Art Project Staircase.


  • Arte e spettacolo
  • mostra
Altri contenuti a tema
Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 2 Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 2 In attesa di una nuova estate, rimaniamo vicini grazie a internet
Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 1 Inchiesta: Coronavirus, gli eventi muoiono ma la cultura deve vivere – Parte 1 L’allarme di un intero settore scuote l’economia, quali soluzioni si potrebbero adottare?
Bari rende omaggio al talento di Chiara Fumai con una mostra al Margherita Bari rende omaggio al talento di Chiara Fumai con una mostra al Margherita A due anni di distanza dalla scomparsa dell'artista al via da domani una esposizione delle sue opere
Quasi 500 quadri falsi di Nino Caffè sequestrati, nei guai in 23 Quasi 500 quadri falsi di Nino Caffè sequestrati, nei guai in 23 Tra di loro il curatore dell'archivio del maestro, ritenuto responsabile di commissionare le opere e autenticarle
Jim Sumkay espone a Bari i suoi "Ragazzi e ragazze nella città" Jim Sumkay espone a Bari i suoi "Ragazzi e ragazze nella città" Il fotografo belga ospite del centro polifunzionale Futura, la mostra visitabile fino al 30 novembre
Via Sparano diventa teatro a cielo aperto. A Bari l'arte si fa in strada Via Sparano diventa teatro a cielo aperto. A Bari l'arte si fa in strada Ieri pomeriggio il flash mob organizzato dai protagonisti del progetto Arti in libertà, in vista dei prossimi spettacoli ai Museo civico
Bari vince il premio "Best liberty city": in programma visite guidate per scoprire l'arte del '900 Bari vince il premio "Best liberty city": in programma visite guidate per scoprire l'arte del '900 Dal 16 novembre fino al 5 dicembre un fitto calendario di eventi per scoprire il lascito culturale del XX secolo in città
Domenica gratis al museo, ecco tutti i monumenti visitabili in Puglia Domenica gratis al museo, ecco tutti i monumenti visitabili in Puglia A Bari solo il Castello Svevo aderisce all' iniziativa lanciata nel 2014 da Franceschini
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.