Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Rutigliano, azienda incassa il finanziamento senza eseguire i lavori. Sequestri da 350mila euro

Il responsabile aveva chiesto un contributo europeo alla regione per l'ammodernamento dell'attività di vendita di frutta all'ingrosso

Chiedono un finanziamento europeo senza eseguire i lavori per cui erano stati stanziati i soldi. Scatta il maxi sequestro cautelativo "ante causam" da 350mila euro da parte della Guardia di finanza nei confronti di un'azienda di Rutigliano, specializzata commercio all'ingrosso di frutta e ortaggi freschi e del suo amministratore pro-tempore, e nei confronti dell'amministratore pro tempore.

L'ordinanza è stata richiesta dalla Procura pegionale della Corte dei conti di Bari, diretta dalla dott.ssa Carmela de Gennaro, ed eseguita dalla sezione giurisdizionale per la Puglia della Gdf. Il sequestro, consistente in 3 immobili nell'area di Rutigliano e quote societarie, per un valore complessivo di circa 350mila euro, è stato eseguito dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Mola di Bari in collaborazione con ufficiali giudiziari dell'UNEP di Bari.

La vicenda da cui è scaturita l'indagine contabile è collegata ad uno specifico controllo effettuato dalle fiamme gialle nel settore della spesa pubblica, finalizzato a verificare la regolarità delle operazioni sottendenti ad un contributo comunitario richiesto e concesso alla società rutiglianese dalla Regione Puglia, nell'ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 – "Filiera Ortofrutticola l'Eccellenza della Frutta Pugliese", per l'ampliamento del proprio stabilimento ortofrutticolo.

L'attività ispettiva ha consentito di accertare che l'amministratore della società pur omettendo di realizzare le opere previste dal progetto ammesso al finanziamento aveva incassato quota parte del contributo utilizzandolo per finalità differenti rispetto a quelle previste. All'esito degli accertamenti patrimoniali delegati alla tenenza molese, la Procura contabile, ravvisando il danno erariale per effetto della distrazione del contributo pubblico, ha richiesto e ottenuto dalla sezione giurisdizionale il relativo sequestro conservativo "ante causam" per l'equivalente valore delle somme indebitamente percepite.
  • Guardia di Finanza
Altri contenuti a tema
Risiedeva all'estero ma percepiva l'assegno d'invalidità. Truffa da 43mila euro all'Inps Risiedeva all'estero ma percepiva l'assegno d'invalidità. Truffa da 43mila euro all'Inps La Guardia di finanza ha scoperto un cittadino di Turi registrato dal 2008 all'anagrafe degli italiani nei paesi stranieri
Officina abusiva in casa, denunciato "meccanico" di Turi Officina abusiva in casa, denunciato "meccanico" di Turi Il lavoro veniva svolto nel garage, sequestrati anche 1300 litri di gasolio detenuto illegalmente
Bari, sequestrata al porto una "Testuggine di Hermann" Bari, sequestrata al porto una "Testuggine di Hermann" L'animale, specie protetta, era in una scatola di scarpe, è stata affidata al centro recupero di Molfetta
Bari, De Gennaro nel miniro degli inquirenti: sequestrati beni per 27 milioni di euro Bari, De Gennaro nel miniro degli inquirenti: sequestrati beni per 27 milioni di euro La Procura di Taranto ha chiuso le indagini sul fallimento della Mf Trading, si va a processo per bancarotta fraudolenta e associazione a delinquere
Altamura, sgominata la banda dello spaccio. Arrestati due pregiudicati Altamura, sgominata la banda dello spaccio. Arrestati due pregiudicati Maxi operazione della Guardia di finanza, sette indagati in un traffico gestito da italiani e albanesi
Politecnico di Bari e Guardia di Finanza insieme contro l'evasione delle tasse Politecnico di Bari e Guardia di Finanza insieme contro l'evasione delle tasse Firmato un protocollo della durata di 24 mesi, previsti controlli delle dichiarazioni sulla condizione reddituale e patrimoniale degli studenti
Porto di Bari, sequestrate oltre seimila paia di finte scarpe Fila Porto di Bari, sequestrate oltre seimila paia di finte scarpe Fila La guardia di finanza ha intercettato il camion che le trasportava, proveniva dalla Grecia
Aeroporto di Bari, scoperti 400mila euro di valuta non dichiarata Aeroporto di Bari, scoperti 400mila euro di valuta non dichiarata Tutti i trasgressori hanno scelto di estinguere il reato facendo ricorso all'oblazione
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.