Conte in conferenza stampa
Conte in conferenza stampa
Attualità

Ritorno a scuola, il premier Conte: «Ci saranno difficoltà e contagi»

Il presidente del Consiglio in conferenza annuncia le novità e le linee guida per il rientro in presenza

Il 14 settembre riapre la scuola in presenza. Dopo i mesi di chiusura in seguito al lockdown e all'emergenza Coronavirus, si torna in classe. Ma non saranno pochi i problemi e le difficoltà, in diversi Stati in cui la scuola ha riaperto i battenti si sono registrati alcuni casi di positività.

«Ci saranno dificoltà e contagi a scuola - sottolinea il presidente Conte - come gli altri Paesi che hanno riaperto testimoniano. Sarà uno scenario inevitabile che dobbiamo affrontare senza lasciarci sopraffare, in questi mesi abbiamo fatto il massimo per dare il meglio ai ragazzi e dare un nuovo inizio alla scuola».

Le regole sono giù note, si va dagli orari scaglionati di ingresso e uscita, obbligo di mascherina sopra i 6 anni con possibilità di toglierla al banco solo se si può mantenere la distanza minima di 1 metro, famiglie che devono prendersi l'obbligo di misurare ogni mattina la temperatura, ragazzi/e che non possono andare a scuola con temperatura sopra i 37,5° e sintomi collegati al Covid. Per il trasporto pubblico ci sarà distanziamento in salita e in discesa, obbligo di mascherina, segnaposto per far riempire al massimo all'80%, finestrini aperti anche d'inverno. In caso di soggetto positivo in una classe non è scontata la quarantena per i compagni e i docenti, sarà il Dipartimento di Prevenzione della Asl a valutare.

Il premier Conte ha voluto inoltre dare un messaggio agli studenti: «Grazie, perché sappiamo che siete stati voi a pagare il prezzo più pesante di questa emergenza. La tecnologia che avete avuto a disposizione non ha potuto compensare la rinuncia che avete dovuto fare. Sarebbe una bugia dire che dal 14 settembre sarà tutto meglio di prima.Vi invito a rispettare le regole e ad affrontare fiduciosamente questo anno scolastico. Si torna a scuola in presenza con fiducia e voglia di apprendere e migliorare sé stessi».

Il ministro Azzolina sottolinea inoltre che in questi mesi sono stati fatti lavori strutturali su 2.500 su 8.000 istituti scolastici, create oltre 5 mila aule in più e 4.812 sono state ampliate. Finanziato, inoltre, l'affitto di luoghi esterni adatti alla didattica, oltre ad aver investito sugli arredi tra cui i banchi singoli la cui consegna è iniziata e finirà entro la fine di ottobre. Inoltre, sono state inserite 70.000 unità in più tra docenti e personale Ata.

Per quanto riguarda le mascherine chirurgiche, sarà il Governo a distribuirle alle scuole le quali a loro volta dovranno darle a personale e studenti. Ogni giorni ne verranno consegnate 11 milioni, in modo da garantire che anche chi ha difficoltà non rimanga senza.
  • Scuola
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Bari, assembramenti per il beach volley abusivo a Pane e pomodoro. Scattano le multe Bari, assembramenti per il beach volley abusivo a Pane e pomodoro. Scattano le multe Elevati 5 verbali da 400 euro ai ragazzi scoperti in spiaggia. Gli altri si sono dileguati
Covid-19, in Puglia altri 108 positivi. Nel barese 40 casi Covid-19, in Puglia altri 108 positivi. Nel barese 40 casi Si registrano 3.717 tamponi e un decesso, nella provincia Bat
"Blitz" di Decaro nella zona della movida. Il sindaco ai ragazzi: «La mascherina non è da sfigati» "Blitz" di Decaro nella zona della movida. Il sindaco ai ragazzi: «La mascherina non è da sfigati» Il primo cittadino sul lungomare e nella zona umbertina: «Ci sono 500 casi in città, tutti hanno meno di 30 anni. Rispettate le regole»
Scuola, ecco cosa accade nel Barese dal 24 settembre tra partenze posticipate e cantieri quasi conclusi Scuola, ecco cosa accade nel Barese dal 24 settembre tra partenze posticipate e cantieri quasi conclusi A Bari confermata la data del 24 ma non è così in molti altri comuni come Polignano, Modugno, Adelfia, Bitonto, Cassano
Covid-19, positivo un dipendente del dipartimento Salute della Regione Puglia Covid-19, positivo un dipendente del dipartimento Salute della Regione Puglia Negativi i tamponi su tutti gli altri colleghi ritenuti contatti stretti del lavoratore contagiato
Covid-19, un decesso e 35 nuovi casi nel barese. Sono 84 in Puglia Covid-19, un decesso e 35 nuovi casi nel barese. Sono 84 in Puglia Effettuati 3.773 tamponi, un altro morto in provincia di Taranto
«Il focolaio Covid a Polignano è spento», a comunicarlo Asl Bari «Il focolaio Covid a Polignano è spento», a comunicarlo Asl Bari Nessun nuovo caso emerso dai tamponi effettuati oggi, fondamentale mantenere alta la guardia
Studente positivo al Covid? Lopalco spiega le procedure da adottare Studente positivo al Covid? Lopalco spiega le procedure da adottare L'epidemiologo della Regione Puglia illustra nel suo secondo video tutorial come ci si deve muovere davanti a casi di Coronavirus in classe
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.