stelle al merito
stelle al merito
Scuola e Lavoro

Primo maggio, in Puglia consegnate 54 stelle al merito del lavoro

Questa mattina la cerimonia, 16 sono della provincia di Bari. Decaro: «Diritti sono conquista vuota senza consapevolezza dei doveri»

Sono ben 54 i lavoratori in Puglia insigniti delle Stelle al merito del lavoro dal presidente della Repubblica per meriti di perizia, laboriosità, condotta morale e requisiti di anzianità. Questa mattina si è svolta a Bari la cerimonia regionale: nello specifico, sono 16 le Stelle consegnate in provincia di Bari, 10 in provincia di Lecce, 9 nelle province di Taranto e Brindisi, 7 in provincia di Foggia e 3 nella zona Barletta-Andria-Trani.

Nel suo discorso, il sindaco di Bari Antonio Decaro si è concentrato sul rapporto fra legalità e sviluppo: «Le tante inchieste che hanno decapitato i clan grazie al lavoro di forze dell'ordine e della Magistratura che riguardavano attività illecite ai danni di imprese e attività economiche - ha detto il primo cittadino. Le estorsioni, la connivenza con le mafie, l'usura, pratiche che per tanti anni hanno indebolito le nostre attività economiche ed imprenditoriali. Questa è la dimostrazione di come l'illegalità può frenare lo sviluppo del territorio e del lavoro. Il lavoro invece è la dimensione più importante dell'esistenza di ciascuno di noi, perché negli anni ha significato libertà, emancipazione, dignità, riscatto sociale. Il lavoro è un diritto, come sancito dalla nostra Carta Costituzionale, che però oggi, in tanti casi purtroppo, diventa un sogno: penso ai più giovani che invece di inseguire i propri sogni e il proprio talento si arrendono. Capita quindi che si adattino a condizioni di estrema precarietà o peggio ancora smettano di cercare il lavoro. Il lavoro è sinonimo di diritti e di doveri. Perché i diritti sono una conquista vuota se non vengono supportati dalla consapevolezza dei doveri».
  • Antonio Decaro
  • puglia
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Scale mobili, ascensori e telecamere: apre il nuovo sottopassaggio di Bari centrale Scale mobili, ascensori e telecamere: apre il nuovo sottopassaggio di Bari centrale L'opera è stata realizzata da Rfi, a luglio 2020 pronta la palazzina Capruzzi. Decaro: «In tre anni il terminal bus»
Bari, pronta la stazione del Villaggio del lavoratore. Decaro: «Aperta a dicembre» Bari, pronta la stazione del Villaggio del lavoratore. Decaro: «Aperta a dicembre» Il sindaco: «Già in corso i collaudi. Una fermata alla volta potremo muoverci in città senza auto»
Tribunale di Bari, ampliata l'area parcheggio della sede ex Telecom Tribunale di Bari, ampliata l'area parcheggio della sede ex Telecom Interessate dal provvedimento anche le altre aree di sosta nel quartiere Poggiofranco. Più posti per disabili e motocicli
Contrasto all'isolamento economico, il Comune di Bari si allea con la fondazione Global thinking Contrasto all'isolamento economico, il Comune di Bari si allea con la fondazione Global thinking Stamattina la firma del protocollo fra i due enti. Decaro: «Grati per aver scelto la nostra città come partner»
La Città metropolitana di Bari ha un nuovo consiglio, Decaro: «Sarà ancora la casa dei comuni» La Città metropolitana di Bari ha un nuovo consiglio, Decaro: «Sarà ancora la casa dei comuni» Il sindaco: «Tutti qui devono poter rappresentare le istanze dei territori, a prescindere dal colore politico»
Bari, multato ristorante per abbandono rifiuti in strada. Decaro: «A settembre 90 sanzioni» Bari, multato ristorante per abbandono rifiuti in strada. Decaro: «A settembre 90 sanzioni» Il sindaco: «Certi commercianti non pensano all'immagine che danno della città ai turisti»
Bari candidata a ospitare il vertice Med7 2020, Decaro: «Riconoscimento alla nostra organizzazione» Bari candidata a ospitare il vertice Med7 2020, Decaro: «Riconoscimento alla nostra organizzazione» La proposta arriva dal sottosegretario allo Sviluppo economico Mirella Liuzzi. Il sindaco: «Si discuterà del futuro dell'Europa meridionale»
Auchan in Puglia, sempre più complicato il passaggio a Conad Auchan in Puglia, sempre più complicato il passaggio a Conad Futuro al momento "garantito" solo ad un terzo della rete di vendita, proclamato lo stato di agitazione
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.