Polizia di Stato
Polizia di Stato
Cronaca

Operazione "Brothers", condanne definitive per cinque esponenti della criminalità organizzata

Sono stati condannati a pene variabili tra i 5 e gli 11 anni di reclusione

Questa mattina, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Bari hanno eseguito gli Ordini di carcerazione, emessi dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Bari, nei confronti di due 40enni, un 31enne, un 27enne ed un 26enne. Gli stessi sono stati condannati in via definitiva a pene variabili tra i 5 e gli 11 anni di reclusione.
Trattasi dell'epilogo giudiziario dell'operazione di polizia denominata "Brothers", in occasione della quale, l'8 febbraio 2019, la Questura di Bari diede esecuzione all'ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa dalla Sezione del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di nove persone, tra cui gli odierni condannati, all'epoca dei fatti gravemente indiziati, a vario titolo, di traffico, detenzione e spaccio di ingenti quantitativi di stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi da fuoco e ricettazione.
Le indagini, avviate dalla Squadra Mobile a seguito di alcuni omicidi consumati nei primi mesi del 2017 nel quartiere Japigia di Bari, roccaforte del clan "PARISI", consentirono di disarticolare una straordinaria rete di spaccio che quotidianamente riforniva, trasversalmente, decine e decine di consumatori di ogni categoria professionale, utilizzando una strategia utile ad ostacolare eventuali indagini di polizia.
L'attività di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, essenzialmente cocaina, registrava un volume di affari di oltre 60.000 euro ("guadagno netto") al mese, attraverso un flusso telefonico medio di 200 telefonate e 40 acquisti giornalieri.
I numerosi riscontri acquisiti nel corso dell'indagine favorirono l'arresto in flagranza di reato di 6 persone, il sequestro di circa 6 kg di sostanze stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana) ed il sequestro di una pistola di marca "Kimar", calibro 9 mm, nel quartiere Madonnella di Bari.
Le investigazioni consentirono anche il sequestro, nel mese di settembre del 2017, di circa un milione di euro, in contanti, provento del traffico e dello spaccio di droga. L'ingente somma di danaro, successivamente confiscata, era "murata" in una casa in via Peucetia, nel quartiere Japigia, abitata da un nucleo familiare apparentemente insospettabile.
  • mafia
Altri contenuti a tema
San Paolo, inaugurato il giardino Maria Colangiuli vittima innocente di mafia San Paolo, inaugurato il giardino Maria Colangiuli vittima innocente di mafia Lacoppola: «Con l'aiuto delle altre istituzioni, l'amministrazione prosegue l'impegno per affermare i valori della legalità»
Omicidio Impastato, a Catino cerimonia con l'associazione Falcone Omicidio Impastato, a Catino cerimonia con l'associazione Falcone Il presidente Brandi: "Importante continuare a ricordare il suo esempio, specie con le nuove generazioni"
La città di Bari divisa tra undici clan, la mappa nel rapporto della Dia La città di Bari divisa tra undici clan, la mappa nel rapporto della Dia La mafia pugliese è sempre meno violenta e più infiltrata nell'economia del territorio
Smantellata organizzazione mafiosa dedita allo spaccio, si riforniva a Bari Smantellata organizzazione mafiosa dedita allo spaccio, si riforniva a Bari Importanti grossisti presenti a Madonnella e Japigia, indagini avviate nel 2017
Beni confiscati alla mafia a Bari, la loro nuova vita in una mappa interattiva Beni confiscati alla mafia a Bari, la loro nuova vita in una mappa interattiva Inseriti al momento i primi undici beni, scelti fra quelli che con maggiore continuità offrono servizi socioculturali alla città
Racket contro un supermercato del San Paolo, arrestato 54enne affiliato agli Strisciuglio Racket contro un supermercato del San Paolo, arrestato 54enne affiliato agli Strisciuglio I carabinieri, grazie anche a delle telecamere nascoste, hanno sorpreso l'uomo mentre chiedeva 1.500 euro al commerciante
Tentò di uccidere due affiliati a un clan rivale: arrestato 33enne Tentò di uccidere due affiliati a un clan rivale: arrestato 33enne L'episodio risale al 2015. L'uomo esplose colpi di pistola durante una festa privata in una villa ad Altamura
Mafia, in manette 24 persone: dipendenti comunali aiutavano il clan Mafia, in manette 24 persone: dipendenti comunali aiutavano il clan Un funzionario aveva offerto la propria consulenza ad un pregiudicato per regolarizzare la sua occupazione abusiva di un alloggio popolare
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.