Irma Melini
Irma Melini
Cronaca

Offese sessiste a Melini, la difesa di Colella accusa Lacoppola

Si è tenuta ieri la seconda udienza del processo, sul banco dei testimoni 21 consiglieri presenti alla seduta incriminata. Unico assente proprio l'assessore

La difesa dell'ex consigliere pentastellato Colella, unico imputato nel processo per le accuse sessiste a Irma Melini in aula Dalfino, punta il dito contro l'assessore Lacoppola.

Ieri, dalle 11 alle 16, è andata in scena la seconda udienza del processo. Sentiti tutti i 21 consiglieri presenti alla votazione incriminata in cui qualcuno scrisse invece del voto l'offesa alla ex consigliera Melini. Unico assente proprio Lacoppola, che non avrebbe avuto la convocazione non avendo ritirato la raccomandata in questione.

Tutti i consiglieri all'epoca acconsentirono di sottoporsi ad una perizia grafologica sulla quale si basa l'accusa a Colella. In aula ieri la difesa ha presentato una sua perizia di parte per presentare la quale ha testimoniato la grafologa Rosa Martino, che ha escluso la responsabilità di Colella, attribuendo invece la scritta sessista a Lacoppola. Stando a quanto dichiarato dalla grafologa quest'ultimo nel saggio grafico avrebbe: «Dissimulato la propria scrittura al 99%».

«Oggi (ieri, ndr) sono e siamo stati tutti chiamati a testimoniare sull'accaduto, ripercorrendo tutti i momenti di quel folle e doloroso consiglio comunale di due anni fa - commenta Melini via Facebook -Ascoltati uno ad uno i 21 consiglieri, soltanto uno non aveva ricevuto l'avviso di convocazione per oggi, non emerge ancora il colpevole. Anzi, nessuno ha visto cosa scriveva il compagno di banco e c'è chi neanche ricorda chi gli fosse seduto vicino. La consulenza del Pubblico Ministero all'epoca, oggi confermata, individua come autore Francesco Colella, contro cui si muove questo giudizio, mentre questo pomeriggio la consulenza della difesa ha individuato un'altra ipotesi. Restano agli atti le deposizioni mie, dei miei colleghi presenti, quella di Colella e dei due consulenti. A me resta la Giustizia, quella paziente e tenace, che aspetta che tutti i tasselli vadano al loro posto, che non si affida alla eventuale confessione di chi l'ha già tradita, ma che confida silenziosamente in chi la esercita».

La prossima udienza si terrà il prossimo 3 marzo. In quell'occasione verrà ascoltato Lacoppola e ci saranno le discussioni finali di accusa e difesa.
  • Tribunale
  • irma melini
  • vito lacoppola
Altri contenuti a tema
Emergenza Coronavirus, prorogato al 31 maggio canone alloggi popolari di Bari Emergenza Coronavirus, prorogato al 31 maggio canone alloggi popolari di Bari Gli comunali dell'Epr stanno ultimando la redazione della graduatoria dei beneficiari del contributo alloggiativo
Accuse sessiste a Irma Melini in aula Dalfino, assolto Colella Accuse sessiste a Irma Melini in aula Dalfino, assolto Colella L'ex consigliera: «Dispiace constatare che un innocente sia stato sotto processo e che la persona che mi ha offeso abbia mentito davanti al giudice»
Polo giudiziario di Bari, Decaro: "Sarà anche parco". Gli avvocati però frenano gli entusiasmi Polo giudiziario di Bari, Decaro: "Sarà anche parco". Gli avvocati però frenano gli entusiasmi Il sindaco ha chiesto di costruire tutto in quattro anni ma pronta è arrivata la lettera della Camera penale al Ministero
Bari, finalmente online la graduatoria per gli alloggi popolari Bari, finalmente online la graduatoria per gli alloggi popolari Diminuiti di un terzo i beneficiari rispetto alla precedente, sono 180 gli esclusi
Figlio di due mamme a Bari, arriva l'ok della Corte d'Appello Figlio di due mamme a Bari, arriva l'ok della Corte d'Appello Rigettato il reclamo presentato dal Ministero dell'Interno, legittimo l'operato del Comune
Aggressione alla giornalista Mazzola, udienza rinviata a febbraio. Comune di Bari parte civile Aggressione alla giornalista Mazzola, udienza rinviata a febbraio. Comune di Bari parte civile Il processo stabilirà quanto accaduto alla cronista Rai durante un servizio sulla criminalità al Libertà
Morì dopo il parto nel 1998, Asl Bari condannata a pagare 2 milioni di risarcimento Morì dopo il parto nel 1998, Asl Bari condannata a pagare 2 milioni di risarcimento Il fatto accadde all'ospedale di Barletta, dove alla 34enne Santa Ricatti non venne applicata una trasfusione di sangue in quanto testimone di Geova
Rivelò il segreto d'ufficio, condannato giudice di Bari Rivelò il segreto d'ufficio, condannato giudice di Bari L'uomo è stato assolto dall'accusa di aver tentato di raccomandare il figlio
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.