Il sit-in contro l'inceneritore
Il sit-in contro l'inceneritore
Territorio

No all'inceneritore, comitato in sit-in sul sito interessato

Continuano le manifestazioni di protesta contro la costruzione dell'impianto di ossido-combustione nella zona industriale

No all'inceneritore Newo nella zona industriale di Bari. Questo il messaggio che continuano a lanciare i cittadini, le associazioni e il comitato che lottano affinché il nostro territorio sia sano e non debba essere terreno su cui fa sorgere siti inquinanti, dannosi per tutti. E per questo motivo continua la lotta nonostante le decisioni che sembrano già prese, e le prese di posizione politiche in merito. Per continuare a tenere alta l'attenzione del'opinione pubblica su un tema importante questa mattina è stato organizzato un sit-in davanti ai cancelli del sito in cui la Newo dovrebbe costruire l'impianto di ossido-combustione. Ad organizzarlo il Comitato No Inceneritore, costituitosi proprio per lottare contro quella che ritengono una "minaccia" per il territorio.

«Questa è l'area nella quale la Newo S.p.a. intende realizzare il più grande inceneritore d'Europa - scrivono nel volantino presentato questa mattina - con le autorizzazioni rilasciate improvvidamente dalla Regione Puglia con i pareri favorevoli del Comune di Bari. Questo luogo è il capolinea simbolico di partenza per far conoscere ai cittadini un'area apparentemente inutilizzata, ma già interessata da rischi e interventi urbanistici poco trasparenti, messi in luce dall'attivismo di altri comitati portatori di altrettante problematiche sociali e ambientali».

Una manifestazione sentita a cui molte associazioni hanno aderito sia baresi che del territorio di Modugno, confinante con la zona in questione, al punto che lo stesso sindaco Magrone si è più volte interessato alla vicenda pur non essendo reale parte in causa, almeno dal punto di vista delle autorizzazioni.

Durante la mattinata, nel volantino, è stata anche presentata una lettera che il Comitato ha indirizzato a tutti i partiti, le forze politiche e i movimenti presenti sul territorio, per chiedere loro di mettersi in gioco, di dire la loro, e di lottare se necessario per impedire la costruzione dell'impianto, partendo da una: «richiesta di immediato ritiro in autotutela dell'autorizzazione AIA e dei pareri favorevoli rilasciati all'impianto Newo, a monte e non a valle della pronuncia della giustizia amministrativa».
Il sit-in di stamattinaIl sit-in di stamattina
  • manifestazione
  • inceneritore newo
Altri contenuti a tema
Ok all'inceneritore dal Consiglio di Stato, il Comitato: ​«Brutto scivolone» Ok all'inceneritore dal Consiglio di Stato, il Comitato: ​«Brutto scivolone» Da capire cosa sarà possibile fare ora per impedire la realizzazione dell'impianto ritenuto inquinante
“In … moto per la pace”, tutte le limitazioni al traffico “In … moto per la pace”, tutte le limitazioni al traffico L'evento in collaborazione con Emergency per esprimere solidarietà alle vittime del conflitto russo-ucraino
Bari in piazza contro la guerra: «Oggi siamo tutti Ucraini» Bari in piazza contro la guerra: «Oggi siamo tutti Ucraini» Folla in piazza Prefettura per condannare quanto sta accadendo nell'est Europa
La protesta dei Tir arriva a Bari, traffico bloccato sulla tangenziale La protesta dei Tir arriva a Bari, traffico bloccato sulla tangenziale Rallentamenti anche sulla SS100
Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Tre settimane fa una sentenza del Tar aveva dato ragione ai comitati e ai Comuni
Inceneritore Newo, il Comitato: "Soddisfazione per la sentenza del Tar" Inceneritore Newo, il Comitato: "Soddisfazione per la sentenza del Tar" Quanto deciso è: "Un vademecum, da tenere presente in materia di smaltimento rifiuti"
Il Tar dice no all'inceneritore a Bari, Comitati e Comune festeggiano Il Tar dice no all'inceneritore a Bari, Comitati e Comune festeggiano Decaro: "Spero che sia calato definitivamente il sipario su questa vicenda”
Ginecologo incastrato dalle Iene, un flash mob a Bari in vista di un'azione collettiva Ginecologo incastrato dalle Iene, un flash mob a Bari in vista di un'azione collettiva Ad organizzare il sit-in CLAB-Cobas (Camera del Lavoro Autorganizzata Bari) con il supporto della Ex Caserma Rossani Occupata
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.