tampone coronavirus x
tampone coronavirus x
Attualità

Niente tamponi rapidi in Puglia, l'allarme dei pediatri di famiglia

«Il ritorno a scuola è ad altissimo rischio, i genitori dovranno prendersi delle responsabilità», tuona il dottor Nigri (Fimp)

I tamponi rapidi in Puglia sono ancora un miraggio. E il ritorno a scuola in presenza peggiorerà una situazione, stabilizzatasi in questi giorni proprio grazie alla chiusura della maggior parte degli istituti. Un protocollo nazionale permette a pediatri e medici di famiglia di effettuare i test, ma non chiarisce loro quali sia possibile fare. Inoltre, la Asl avrebbe dovuto predisporre dei luoghi adeguati esterni agli ambulatori dove poter effettuare questi tamponi antigenici, ma al momento non sono stati individuati. Inoltre, effettuare i test negli ambulatori espone tutti i pazienti ad un rischio che i medici vorrebbero evitare. Siamo quindi al punto di partenza, ovvero chiunque abbia bisogno di un tampone deve di nuovo fare la trafila, con la richiesta del medico al Dipartimento della Asl che dovrebbe poi chiamare per l'esecuzione.

«È stato firmato l'accordo, è stata fatta la riunione, ma al momento è solo teoria - sottolinea il segretario regionale di Fimp, dottor Nigri - non c'è al momento la possibilità di effettuare i tamponi antigenici in modo rapido. Siamo al punto di partenza, per fortuna l'ordinanza di Emiliano, quanto mai opportuna, ha bloccato un po' il contagio, per cui non abbiamo più avuto problemi di rientri, certificazioni, allontanamenti dalla scuola».

Da domani comunque si torna a scuola in presenza, e la mancanza della possibilità di effettuare i test rapidi potrebbe di nuovo sovraccaricare il sistema sanitario. «Con le scuole chiuse in una settimana 1600 ragazzi in meno in isolamento - aggiunge Nigri - se non avessimo chiuso le scuole non ne avremmo avuti 1600 in meno, ma ne avremmo avuti 4800 in più. I dirigenti scolastici hanno delle enormi responsabilità, perché non tutte le scuole sono state messe a norma. Tante mamme mi chiamano e finiscono per fare pari o dispari, i dirigenti non devono forzare, il momento è critico ed è meglio essere prudenti».

«Non è cambiato nulla, i test non ci sono, la scuola è ad altissimo rischio, i genitori dovranno prendersi le loro responsabilità - conclude Nigri - Gli insegnanti cominciano ad avere consapevolezza della situazione e iniziano a percepire il rischio. Con al riapertura della scuola, saranno proprio gli insegnanti ad essere falcidiati».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Bollettino Covid, 403 casi su 3.065 tamponi e 26 decessi in Puglia Bollettino Covid, 403 casi su 3.065 tamponi e 26 decessi in Puglia La curva continua a non scendere, e la provincia di Bari resta la più colpita con quasi la metà dei positivi
Coronavirus in provincia di Bari, nuovo aumento dei casi ad Altamura Coronavirus in provincia di Bari, nuovo aumento dei casi ad Altamura Gli ultimi aggiornamenti della situazione epidemiologica, a Sammichele si rientra in classe mentre calano i positivi a Noicattaro
Puglia, Emiliano ribadisce la sua posizione: «Scuola luogo non sicuro» Puglia, Emiliano ribadisce la sua posizione: «Scuola luogo non sicuro» Durante la presentazione dell'ospedale Covid in Fiera del Levante, il presidente ha chiarito il perché della sua ordinanza
Bollettino Covid, In Puglia ci sono altri 908 positivi e i ricoverati sono 1.545 Bollettino Covid, In Puglia ci sono altri 908 positivi e i ricoverati sono 1.545 I tamponi effettuati oggi sono7.572. Sono 25 i decessi registrati oggi di cui 5 in provincia di Bari
Policlinico di Bari, via al richiamo vaccinale anti-Covid Policlinico di Bari, via al richiamo vaccinale anti-Covid Somministrata la seconda dose alla specializzanda Lucilla Crudele, la rianimatrice Lidia Dalfino, l’infermiera Anna Ventrella
Domenica arancione, ma a Bari si gioca nello skate park del Ponte Adriatico Domenica arancione, ma a Bari si gioca nello skate park del Ponte Adriatico Non solo ragazzi intenti a volteggiare ma anche intere famiglie hanno affollato l'area che dovrebbe essere chiusa
Ospedale Covid in Fiera a Bari, Fratelli d'Italia: «Il Ministero invii gli ispettori» Ospedale Covid in Fiera a Bari, Fratelli d'Italia: «Il Ministero invii gli ispettori» «Non è una richiesta provocatoria o strumentale, ma un'operazione che utilizza 10 milioni di euro dei pugliesi non può esaurirsi con un bel taglio del nastro»
Coronavirus, in Puglia la curva non scende. Registrati altri 1.123 casi Coronavirus, in Puglia la curva non scende. Registrati altri 1.123 casi I decessi sono stati 15 e il totale dei positivi ha superato quota 56 mila
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.