Un agazzella dei carabinieri
Un agazzella dei carabinieri
Cronaca

Licenziato perché percepisce il reddito di cittadinanza, minaccia di morte e aggredisce i titolari

L'uomo, un 30enne nigeriano da tempo residente in Italia, pretendeva di continuare a prendere il sussidio e lavorare nell'azienda, arrestato

Era stato licenziato da una azienda agricola, che lo aveva assunto regolarmente con un contratto a tempo determinato sino a dicembre di quest'anno, poiché il consulente del lavoro della ditta si accorgeva che percepiva già da gennaio 780 euro il reddito di cittadinanza.

Succede a Triggiano alle porte di Bari, l'uomo, O.E., nigeriano di 30 anni già da tempo residente in Italia, non ci sta e pretende di poter continuare a lavorare pur percependo il Reddito di cittadinanza. Il giorno successivo al licenziamento si presenta comunque presso la ditta, minacciando i titolari che gli permettono di lavorare quel giorno saldandogli al termine la giornata per cercare di calmarlo. Ma non basta il giorno successivo si ripresenta, ancora, minacciando di morte i suoi ex-datori di lavoro, che però con fermezza gli dicono che lì non può più lavorare, a quel punto le minacce diventano più serie, si arma di un coltello e dal sellino del proprio ciclomotore prende una catena, non chiede più lavoro ma pretende del denaro.

La situazione si fa pericolosa, alcuni dipendenti per fortuna allertano il 112, immediato l'intervento di una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Triggiano, che evitano un ulteriore escalation di violenza da parte del giovane, lo bloccano e lo disarmano traendolo in arresto. L'uomo è stato tradotto presso il carcere di Bari.

L'Arma di Triggiano ha già interessato le autorità competenti per la revoca del beneficio del reddito di cittadinanza e il recupero delle somme indebitamente erogate.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Carabinieri ritrovano droga e botti illegali: un arresto e una denuncia nel barese Carabinieri ritrovano droga e botti illegali: un arresto e una denuncia nel barese I militari di Altamura hanno scoperto anche un “quaderno mastro” sul quale erano annotate quantità da spacciare, tipo di sostanza e nomi.
Rapina e furti in abitazione: arrestato 33enne in provincia di Bari Rapina e furti in abitazione: arrestato 33enne in provincia di Bari L'uomo, già ai domiciliari, è stato condotto nel carcere di Matera
Sottraggono farmaci dalla postazione del 118: indagati due infermieri in provincia di Bari Sottraggono farmaci dalla postazione del 118: indagati due infermieri in provincia di Bari I due sono stati ripresi dalle telecamere di sicurezza mentre prelevavano numerosi farmaci nel deposito
Comando provinciale dei carabinieri di Bari, il colonnello de Marchis sostituisce Fabio Cairo Comando provinciale dei carabinieri di Bari, il colonnello de Marchis sostituisce Fabio Cairo L'ex comandante partito alla volta di Roma ove assumerà quello di Direttore del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia
In giro con una pistola, arrestato 36enne a Bari In giro con una pistola, arrestato 36enne a Bari L'uomo è stato sorpreso dai carabinieri in un locale al quartiere Libertà
Sequestrano e torturano un uomo, arrestati in 3 in provincia di Bari Sequestrano e torturano un uomo, arrestati in 3 in provincia di Bari È successo a Putignano, gli accusati ritenevano il giovane autore di un furti ai danni di uno di loro
Litiga con i genitori e aggredisce i carabinieri: arrestato 20enne in provincia di Bari Litiga con i genitori e aggredisce i carabinieri: arrestato 20enne in provincia di Bari Il giovane era già destinatario della misura del divieto di avvicinamento ai genitori
Bari, nasconde hashish e marijuana sotto il cuscino: arrestato 45enne Bari, nasconde hashish e marijuana sotto il cuscino: arrestato 45enne I carabinieri, per ben due volte, hanno trovato la droga nella camera da letto del pregiudicato
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.