Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Lenticchie egiziane e cinesi spacciate come di Altamura. Scattano le denunce

Una maxi frode alimentare scoperta dalla Guardia di finanza di Torino: sequestrate oltre 20 tonnellate di prodotti

Lenticchie e altri legumi, oltre a cereali, di provenienza egiziana e cinese con imballaggi modificati per far sì che apparissero come di Altamura. La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto una maxi frode alimentare, che ha portato alla denuncia di 24 persone e al sequestro di oltre 20 tonnellate di prodotti, macchinari e attrezzature industriali utilizzate per la lavorazione.

L'operazione della Gdf, coordinata dalla Procura di Torino, ha portato allo smantellamento di un'articolazione criminale, dedita all'importazione da paesi esteri di prodotti alimentari per poi confezionarli con con etichette false ad Altamura.

Ceci, lenticchie, fagioli e arachidi, in realtà, provenivano da Canada, Cina, Argentina e Egitto; senza processi industriali di trasformazione, i prodotti venivano immessi in commercio con l'indicazione di provenienza italiana, con tanto di bandiera tricolore sugli imballaggi. Una pratica applicata su oltre 40mila confezioni pre-imballate e pronte a entrare in commercio, prima del sequestro operato dai militari. La Gdf stima che ci fossero altri 150mila unità di prodotti alimentari in fase di confezionamento, per una frode commerciale che avrebbe potuto fruttare oltre un milione di euro al sodalizio criminale. L'indicazione "Altamura" sulle etichette ha violato anche la tutela specifica per i prodotti disciplinati dall'Indicazione Geografica Tipica.

Dopo aver interrotto la produzione illegale ad Altamura e in due depositi di Rozzano, in provincia di Milano, riconducibili a due commercianti del Marocco, i finanzieri hanno eseguito una quindicina di perquisizioni a Torino, dove erano iniziate le indagini.
  • Guardia di Finanza
Altri contenuti a tema
Risiedeva all'estero ma percepiva l'assegno d'invalidità. Truffa da 43mila euro all'Inps Risiedeva all'estero ma percepiva l'assegno d'invalidità. Truffa da 43mila euro all'Inps La Guardia di finanza ha scoperto un cittadino di Turi registrato dal 2008 all'anagrafe degli italiani nei paesi stranieri
Officina abusiva in casa, denunciato "meccanico" di Turi Officina abusiva in casa, denunciato "meccanico" di Turi Il lavoro veniva svolto nel garage, sequestrati anche 1300 litri di gasolio detenuto illegalmente
Bari, sequestrata al porto una "Testuggine di Hermann" Bari, sequestrata al porto una "Testuggine di Hermann" L'animale, specie protetta, era in una scatola di scarpe, è stata affidata al centro recupero di Molfetta
Bari, De Gennaro nel miniro degli inquirenti: sequestrati beni per 27 milioni di euro Bari, De Gennaro nel miniro degli inquirenti: sequestrati beni per 27 milioni di euro La Procura di Taranto ha chiuso le indagini sul fallimento della Mf Trading, si va a processo per bancarotta fraudolenta e associazione a delinquere
Altamura, sgominata la banda dello spaccio. Arrestati due pregiudicati Altamura, sgominata la banda dello spaccio. Arrestati due pregiudicati Maxi operazione della Guardia di finanza, sette indagati in un traffico gestito da italiani e albanesi
Politecnico di Bari e Guardia di Finanza insieme contro l'evasione delle tasse Politecnico di Bari e Guardia di Finanza insieme contro l'evasione delle tasse Firmato un protocollo della durata di 24 mesi, previsti controlli delle dichiarazioni sulla condizione reddituale e patrimoniale degli studenti
Porto di Bari, sequestrate oltre seimila paia di finte scarpe Fila Porto di Bari, sequestrate oltre seimila paia di finte scarpe Fila La guardia di finanza ha intercettato il camion che le trasportava, proveniva dalla Grecia
Aeroporto di Bari, scoperti 400mila euro di valuta non dichiarata Aeroporto di Bari, scoperti 400mila euro di valuta non dichiarata Tutti i trasgressori hanno scelto di estinguere il reato facendo ricorso all'oblazione
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.