La manifestazione
La manifestazione
Scuola e Lavoro

Incertezza sulla ripartenza della scuola a settembre, a Bari sit-in dei dirigenti

Ecco le istanze che hanno presentato al direttore generale Anna Camilleri affinché vengano poste al ministro

Elezioni Regionali 2020
Seduti su dei banchi come a scuola, distanziati ma in mezzo alla strada, davanti l'Ufficio Scolastico Regionale della Regione Puglia. Manifestano così oggi a Bari i dirigenti scolastici, in un sit-in indetto dalla UIL Scuola Puglia.

Numerose le presenze dei dirigenti, provenienti da ogni parte della regione, che hanno manifestato il disagio per l'assenza di precise e concrete indicazioni utili alla ripartenza della scuola in presenza, nonostante gli sforzi senza sosta da parte dell"Ufficio Scolastico Regionale. Al termine della manifestazione una delegazione di dirigenti, guidata dal segretario generale Gianni Verga e dal responsabile dell'area V, Vincenzo Fiorentino, è stata ricevuta dal direttore generale Anna Cammalleri alla quale suo tramite è stato consegnato un documento da trasmettere al Ministro dell'istruzione.

Nello specifico, la Uil Scuola chiede al Ministero un provvedimento legislativo che racchiuda al suo intetno quanto segue:
  • Istituzione per il prossimo anno scolastico, in via eccezionale e straordinaria, di un organico aggiuntivo del personale Docente e ATA pari ad almeno il 40% dell'attuale;
  • Insediamento di presidi sanitari operanti in ciascuna scuola o su reti di scuole;
  • Stanziamenti cospicui a favore degli EE.LL., in particolar modo per quanti versano in situazione di dissesto finanziario;
  • Formulazione di chiare indicazioni in favore dei lavoratori fragili;
  • Definizione degli importi destinati al finanziamento del FUN dei DS, da non rimettere in predicato negli anni a venire;
  • Revisione della normativa relativa ai DS quali datori di lavoro e di sollevamento degli stessi da responsabilità provenienti da possibili focolai di COVID;
  • Sottoscrizione di un protocollo d'intesa tra Regione Puglia e M.I. per utilizzare gli oltre 40 milioni di euro disponibili per progetti utili a fornire risorse umane alle scuole.
  • Scuola
  • Uil scuola
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Caso Covid al Di Venere, negativi i tamponi del personale e delle degenti di Ginecologia Caso Covid al Di Venere, negativi i tamponi del personale e delle degenti di Ginecologia Lo comunica Asl Bari: «Avviata verifica interna per appurare se tutti i protocolli di sicurezza siano stati rispettati»
Bari, donna positiva al Coronavirus al Di Venere. Chiusa ginecologia Bari, donna positiva al Coronavirus al Di Venere. Chiusa ginecologia La paziente è stata trasferita ma non avrebbe avuto contatti con nessun altro all'interno del reparto
Commessa positiva al Covid-19, a Bari chiude profumeria in via Sparano Commessa positiva al Covid-19, a Bari chiude profumeria in via Sparano La donna residente nel Brindisino è asintomatica ma moglie di un contagiato. Tutti i dipendenti sono ora in isolamento
Test Covid per i carabinieri, parte dalla Puglia l'iniziativa di prevenzione Test Covid per i carabinieri, parte dalla Puglia l'iniziativa di prevenzione Una campagna realizzata in collaborazione con Fondazione Ania. Screening all’undicesimo reggimento a Bari e alla scuola allievi di Taranto
Coronavirus, in Puglia sette nuovi casi su oltre 2mila tamponi Coronavirus, in Puglia sette nuovi casi su oltre 2mila tamponi Sono tre le positività registrate in provincia di Bari. Non ci sono decessi
Ritorno a scuola in presenza, c'è il protocollo di sicurezza firmato da Ministero e sindacati Ritorno a scuola in presenza, c'è il protocollo di sicurezza firmato da Ministero e sindacati Orari scaglionati per ingressi e uscite e percorsi separati. Segnaletica sul distanziamento e sanificazione costante degli spazi. Critiche le opposizioni
Covid-19, dal 3 giugno 27mila persone si sono segnalate alla Asl Bari Covid-19, dal 3 giugno 27mila persone si sono segnalate alla Asl Bari L'ambulatorio Coronavirus dell'azienda sanitaria locale esegue 30 tamponi al giorno
In Puglia la prima fabbrica pubblica di Dpi in Italia, a Bari parte la produzione In Puglia la prima fabbrica pubblica di Dpi in Italia, a Bari parte la produzione Il plesso industriale si trova in via Corigliano, nella sede dell’ex Ciapi, diventata di proprietà della Regione
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.